testata inforMARE
Cerca
2 dicembre 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
15:52 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXII - Numero 1/2004 - GENNAIO 2004

Porti

Gli hubs di trasbordo nel Mediterraneo centrale: un eccessivo affollamento?

Il Pireo, principale porto greco per la movimentazione di contenitori e hub di trasbordo da tempo affermato, ha fatto registrare un incremento del 20,5% nei risultati dello scorso anno, da 1,165 milioni di TEU nel 2001 ai quasi 1,405 milioni di TEU del 2002, con un ulteriore incremento del 21% fatto segnare nei primi cinque mesi di quest'anno. Sotiris Theophanis, presidente e direttore generale dell'autorità portuale, si aspetta per la fine del 2003 almeno 300.000 TEU in più rispetto all'anno scorso.

"Gran parte dell'incremento dei traffici deriva dal trasbordo in cui la MSC, il nostro principale cliente, è stato appena raggiunto dalla Zim Container Lines" spiega. "Il trasbordo relativo a quest'anno ha rappresentato il 65% dei risultati complessivi, rispetto al 61,3% del 2001, e noi ci aspettiamo che questa linea di tendenza al rialzo continui".

Theophanis sottolinea come le due linee di navigazione abbiano scelto il Pireo quale centro per la distribuzione di box per diverse ragioni, l'ultima delle quali non è il forte mercato locale per contenitori in importazione/esportazione, che sta crescendo al 5-6% all'anno e del 2% circa rispetto al PIL.

Le attuali infrastrutture non sono sufficienti ad accogliere gli attuali livelli di traffico, sebbene il terminal dello Hercules Point sia adesso operativo all'85-90% della capacità. Qui, le navi possono ormeggiarsi ad una delle tre banchine, dove il pescaggio longitudinale al molo è di 14 metri uniformi. Tuttavia, è stato programmato per settembre l'inizio dei lavori finalizzati all'estensione della Banchina 1 per consentire un miglioramento della capacità di circa 600.000 TEU, sufficienti solamente a coprire i livelli di traffico previsti per i prossimi tre anni. Tuttavia, Theophanis afferma che, una volta completamente sviluppato il nuovo sito, il Pireo potrebbe essere attrezzato per movimentare circa 3,5 milioni di TEU.

Oltre che per migliorare le attuali infrastrutture, il Pireo si sta dando da fare per accrescere la propria flotta di straddle carriers, tanto che recentemente ha avviato un appalto relativo all'acquisizione di altre 20 unità. Un'altra ricerca attiene ad una MHC (gru portuale mobile) destinata a supportare la batteria delle 14 attuali gru a cavaliere da banchina, otto delle quali dispongono di capacità post-panamax.

"Attualmente, siamo in grado di movimentare navi sino a 7.000 TEU con le nostre gru che possono lavorare 18 file di contenitori stivati sulla nave. Abbiamo deciso di incrementare il numero di straddle carriers poiché da sempre lavoriamo con loro ed i nostri dipendenti si sono alquanto impratichiti con questo equipaggiamento. Normalmente ne assegniamo tre per ogni gru a cavaliere, anche se sul piazzale l'impilaggio non supera i due box. Ciò riduce il numero degli spostamenti interni che dobbiamo fare, di modo che le cose procedono in modo efficiente. Tuttavia, ciò non equivale a dire che, se vi fosse un'estrema necessità di spazio, noi non andremmo alla ricerca delle maniere per impilare in modo più condensato".

Dal momento che il trasbordo costituisce una parte così importante delle attività del Pireo, la produttività dev'essere buona. Anche se Theophanis non ha voluto fornire cifre inerenti alle movimentazioni per gru/ora in ordine al terminal, ha peraltro fatto notare come le linee di navigazione clienti ritengono che esse siano migliori di quelle offerte dai rivali in questa regione. Certamente, l'acquisizione due anni fa della Navis ha contribuito al risultato, anche se si sostiene che abbia fatto la sua parte anche la scoperta di modi innovativi per migliorare la motivazione dei dipendenti.

Sebbene non sia ancora disponibile alcun collegamento ferroviario con il terminal, sono in corso trattative con le Ferrovie Greche, che hanno in programma la costruzione di un collegamento con il porto entro il 2006. Ciò dovrebbe consentire al Pireo di incrementare notevolmente il proprio hinterland, che attualmente si estende ad oltre la metà del paese.

Mentre il trasbordo al Pireo è fiorente, altrettanto non si potrebbe dire per il porto cipriota di Limassol, che ha fatto registrare un calo dell'1,5% nei risultati dello scorso anno sino a 233.700 TEU, che esso attribuisce ad una riduzione dei traffici di transito. Per il 2003, ci si aspetta che il traffico si stabilizzi attorno ai 235.000 TEU, con qualche crescita collegata per lo più a carichi locali. Il traffico di box a Limassol ha raggiunto un picco di 398.000 TEU nel 1996, solamente per piombare a 237.000 TEU l'anno successivo in seguito al ritiro della CMA CGM dopo l'embargo stabilito dalla Turchia. I contenitori trasbordati al giorno d'oggi rappresentano il 15% circa dei risultati complessivi.

L'Autorità dei Porti di Cipro è ciononostante molto attiva nel tentativo di attirare nuovi clienti, facendo sì che i propri diritti portuali generali siano i più bassi del Mediterraneo. Essa garantisce altresì l'ormeggio all'arrivo, con inizio immediato delle operazioni di movimentazione.

Sebbene sia stata in grado di ottenere circa 30 movimentazione per gru/ora sulle navi-madre, Limassol realizza in media 22-25 movimentazioni su tutta la gamma delle navi movimentate. L'Autorità dei Porti definisce tale risultato "soddisfacente" e proporzionato ai tassi relativi ad altri importanti porti. Essa sta cercando di migliorare la produttività complessiva assicurando una continua presenza di contenitori sotto le gru delle banchine. "Il nostro equipaggiamento viene conservato in modo eccellente: i fermi per guasto sono rari" afferma un portavoce dell'autorità.

La movimentazione dei box ha luogo in due distinte aree di Limassol, il Terminal Contenitori Est ed il Terminal Contenitori Ovest. Il primo dispone di una banchina di 480 metri le cui operazioni vengono effettuate da due gru a cavaliere e può accogliere navi che presentino un pescaggio non superiore agli 11 metri. Il piazzale d'impilaggio da 200.000 metri quadrati consente un risultato annuo dell'ordine di 150.000 TEU.

Tuttavia, infrastrutture caratterizzate da acque molto più profonde possono rinvenirsi presso il Terminal Contenitori Ovest, la cui banchina da 620 metri presenta un pescaggio lungo la banchina di 14 metri. Il piazzale d'impilaggio di 200.000 metri quadrati è stato recentemente ampliato di ulteriori 20.000 m2, portando la capacità annua a circa 500.000 TEU. L'Autorità dei Porti sta al momento valutando la possibilità di aggiungere altre unità all'attuale dotazione di quattro gru a cavaliere da banchina nel prossimo futuro nell'ambito di un investimento da 500 milioni di dollari già programmato e collegato allo sviluppo di questo terminal da qui al 2010.

In Israele, il traffico di trasbordo da sempre viene movimentato a Haifa, il maggior porto del paese che lo scorso anno ha movimentato 906.000 TEU. Ciò è dovuto al fatto che esso dispone dello spazio per movimentare questo tipo di traffico e ha storicamente tratto vantaggio dall'essere il principale porto hub del vettore nazionale ZIM, che se ne serve per consolidare il traffico dal Mar Nero al Mediterraneo Orientale, per girarlo successivamente sui servizi da e per gli Stati Uniti.

Al contrario, Ashdod, il secondo porto di Israele, ha fatto registrare nel 2002 risultati per 400.000 TEU, dei quali solamente 1.600 TEU sotto forma di trasbordo.

"Come si può vedere, i volumi di trasbordo sono attualmente molto, molto piccoli, in effetti. Nessun vettore in particolare trasborda qui; invece, le movimentazioni di box tra navi vengono intraprese su base sporadica, come e quando richiesto" nota Yossip Bassan, vice direttore del porto.

Alla domanda inerente a come mai il trasbordo non si sia mai sviluppato ad Ashdod, Bassan ribatte che il porto, in realtà, è un'affermata infrastruttura di importazione/esportazione, in cui la capacità è cresciuta in relazione alle esigenze di compagnie di navigazione attive in quel tipo di traffico. "Allo scopo di diventare un operatore nel mercato del trasbordo, occorre essere in grado di garantire spazio di banchina alle navi, nonché di offrire un buon servizio di movimentazione" afferma. "Al momento, non possiamo farlo, dal momento che presentiamo una carenza complessiva sia di capacità che di aree di ormeggio. Tuttavia, nel giro di un anno, ci aspettiamo che tutto ciò cambi in modo significativo, dal momento che verrà dato il via ai progetti di espansione portuale denominati Fase I e Fase II, che aggiungeranno spazi di banchina di vitale importanza".

Questi spazi ulteriori non sono stati aggiunti tenendo principalmente in mente il trasbordo, ma piuttosto per soddisfare le esigenze dell'attuale portafoglio dei suoi clienti d'importazione/esportazione. Tuttavia, Bassan sottolinea che il porto avrà a disposizione capacità residua da destinare allo sviluppo di ulteriori traffici containerizzati e che, perciò, Ashdod finirà per trovarsi in una posizione molto forte per competere nel settore dei contenitori in trasbordo. Sebbene sia senz'altro consapevole della presenza di importanti hubs regionali in questo mercato, Bassan ritiene che i traffici già affermati e le nuove capacità di Ashdod possano persuadere le linee di navigazione di raccordo a portarvi più contenitori dal Mar Nero e dal Mediterraneo orientale al fine di essere girati sulle navi di linea primaria, e possibilmente su qualcuna di quelle gestite dalla ZIM che attualmente scala solo Haifa.

Quanto ai livelli di produttività che saranno richiesti per conservare i futuri traffici di trasbordo, Bassan ritiene che spetti alle linee di navigazione determinarli. Sui prezzi, tuttavia, egli non ha dubbi che Ashdod possa essere assai competitivo; la capacità residua ingenerata dai nuovi ampliamenti dei moli gli daranno tutto lo spazio di manovra di cui ha bisogno in quella zona.
(da: CargoSystems, dicembre 2003)




DALLA PRIMA PAGINA
L'Assemblea dell'IMO ha eletto i membri del suo Consiglio per il biennio 2024-2025
Londra
Giovedì prossimo l'elezione del presidente e del vicepresidente
BLS Cargo auspica misure per sostenere il trasporto ferroviario delle merci sul Corridoio Reno-Alpi
Berna
A penalizzare questa modalità sono principalmente i cantieri, i prezzi delle tracce ferroviarie e dell'energia
Martedì a Livorno sarà avviata la fase sperimentale dello Sportello Unico Doganale e dei Controlli
Livorno
Il sistema favorisce il controllo coordinato e concomitante dei controlli
Traffico navale record per il mese di novembre nel canale di Suez
Ismailia
Sono transitate 2.264 navi (+4,3%)
Fincantieri acquisirà la Remazel Engineering
Trieste
L'azienda è specializzata nella progettazione e fornitura di topside equipment altamente customizzati e ad alta complessità
FEPORT, ETA, EMPA ed ECASBA sollecitano la Commissione UE a valutare senza indugio l'impatto negativo sui porti europei dell'estensione dell'ETS allo shipping
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto ha segnato una variazione tendenziale negativa
Roma
La variazione congiunturale è nulla
Nel terzo trimestre il porto di Tanger Med ha movimentato più di 2,2 milioni di container (+13%)
Anjra/Casablanca
Nei primi nove mesi del 2023 il totale è stato di 6,1 milioni di teu (+9,3%)
GPH ha rilevato le quote di Royal Caribbean in terminal crociere nei porti di Barcellona, Malaga, Singapore e Lisbona
Londra
Il gruppo americano ha venduto alla Global Ports Holding il 38% del capitale della Barcelona Port Investments
Ad ottobre il traffico delle merci nel porto di Genova è cresciuto del +4,2%, mentre a Savona-Vado è calato del -0,9%
Ad ottobre il traffico delle merci nel porto di Genova è cresciuto del +4,2%, mentre a Savona-Vado è calato del -0,9%
Genova
Prosegue il notevole aumento dei crocieristi
Confitarma, urgente la semplificazione dell'ordinamento marittimo italiano
Roma
Coccia: la rapida e concreta attuazione del Ddl n. 673 sarà il primo passo per rilanciare la bandiera italiana
In Svizzera verrà aumentata la tassa sull'autotrasporto per finanziare il traffico ferroviario merci transalpino
Berna
Rincaro del +5% della TTPCT con decorrenza dal primo gennaio 2025
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è cresciuto del +5,9%
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è cresciuto del +5,9%
Pechino
I soli carichi da e per l'estero sono aumentati del +9,1%. I container sono stati pari a 23 milioni di teu (+2,9%)
Mattioli confermato presidente della Federazione del Mare
Roma
Eletto il nuovo consiglio per il triennio 2024-2027
Nel cantiere Monfalcone della Fincantieri si è svolto il varo di Mein Schiff Relax
La Francia valuta le possibilità di produrre autonomamente gli e-fuel per la decarbonizzazione di aerei e navi
Angers
Uno studio dell'ADEME prospetta due scenari e stima le risorse necessarie
Ancora un trimestre di calo delle merci nei porti dell'Unione Europea
Kirchberg
Nei primi tre mesi del 2023, ad eccezione delle rinfuse liquide, sono diminuite tutte le tipologie di carichi
Meyer Turku ha consegnato la Icon of the Seas alla Royal Caribbean International
Meyer Turku ha consegnato la Icon of the Seas alla Royal Caribbean International
Miami/Turku
Ha una stazza lorda di 250.800 tonnellate e può ospitare sino a 5.610 passeggeri
Una delegazione della Confitarma è stata ricevuta dal governo
Roma
Illustrate le esigenze e le aspettative, esaudite e non, del settore armatoriale
Traghetto senza equipaggio arenato in Sicilia
Roma
A causa della rottura del cavo di rimorchio la nave “Lider Prestij” è rimasta in balia delle onde
Ellerman sigla uno slot agreement con MSC relativo alle rotte marittime transatlantiche
Londra
Entrerà in vigore il primo gennaio
AdSP dell'Adriatico Settentrionale, il Comitato di gestione approva la terza variazione di bilancio
Venezia
Confermato l'adeguamento del +25,15% dei canoni demaniali marittimi per il 2024
Rinnovato il direttivo di Confetra Nord Est
Venezia
Paolo Salvaro confermato alla presidenza, mentre Manuel Scortegagna è stato nominato vicepresidente
GNV avvia una nuova campagna di recruiting
Genova
Il primo appuntamento lunedì e martedì a Napoli
Il gruppo logistico Spinelli pubblica il suo primo Bilancio di Sostenibilità
Genova
Ok al trasferimento della concessione di Terminal Ferry Barcelona al gruppo Grimaldi
Barcellona/Napoli
Delibera dell'Autorità Portuale catalana dopo il via libera dell'autorità antitrust
L'assemblea dell'IMO conferma all'unanimità la nomina di Velasco a segretario generale
Londra
Il mandato, della durata di quattro anni, inizierà il prossimo primo gennaio
Varata ad Ancona la nave da crociera Viking Vela
Trieste
Sarà consegnata a fine 2024
Porto della Spezia, firmato il contratto per la realizzazione del nuovo molo crociere
La Spezia
Previste due banchine della lunghezza di 393 e 339 metri
d'Amico International Shipping entrerà a far parte dell'indice FTSE Italia Mid Cap
Lussemburgo
Include le 60 aziende con la maggiore capitalizzazione di mercato quotate sui mercati MTA e MIV di Borsa Italiana
Santi Casciano nominato amministratore delegato di Vado Gateway e Reefer Terminal
Vado Ligure
Assumerà l'incarico il 15 dicembre
Rixi: firmate le convenzioni con 12 interporti per oltre 11 milioni destinati al completamento della rete
Roma
A breve sarà pubblicato l'avviso per ulteriori otto milioni di euro
Saipem si è aggiudicata due contratti offshore del valore di circa 1,9 miliardi di dollari
Milano
Sono relativi ad attività in Guyana e in Brasile
Al porto della Spezia è stato facilitato l'accesso alle navi mercantili alimentate a GNL
La Spezia
La sosta di queste unità è disciplinata da un'ordinanza della Capitaneria di Porto
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Il gruppo Maersk esce dal capitale della norvegese Höegh Autoliners
Oslo
Vendute le ultime 20 milioni di azioni
Concluse le operazioni di disincaglio del traghetto Lider Prestij
Roma
Si procederà ora alla verifica degli standard di sicurezza della navigazione
Liberata la petroliera Central Park
Tampa
L'intervento della Combined Maritime Force TF 151 ha fatto desistere gli aggressori, costretti alla resa
Una nave sequestrata nel Golfo di Aden e una colpita da un drone nell'Oceano Indiano
Attacchi alla petroliera “Central Park” e alla portacontenitori “CMA CGM Symi”
Gruber Logistics ha aperto una nuova filiale in Francia
Ora
Ha sede a Lione e si concentrerà sulla fornitura di servizi logistici completi
Nasce il Propeller Club Ports of La Spezia and Marina di Carrara
Marina di Carrara
Nell'associazione spezzina cresce il numero di iscritti che provengono dal porto apuano
Passaggio di consegne al vertice dell'Autorità di Sistema Portuale dello Stretto
Messina
Mega ha ricordato gli ostacoli incontrati lungo tutto il suo mandato
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
Convegno sui cambiamenti nella logistica portuale
Ravenna
Si terrà il primo dicembre a Ravenna
Convegno di Uniport sul futuro della portualità italiana
Roma
Si terrà il 5 dicembre a Roma
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Ports cyber hack reveals Australia's 'vulnerability' to attack
(The New Daily)
Economy Minister: Anaklia port project developing “according to plan”, “no delays” in deadlines
(Agenda.ge)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Mario Mattioli
Roma, 27 ottobre 2023
››› Archivio
Concluso l'iter autorizzativo per costruire i cassoni della nuova diga foranea di Genova a Vado Ligure
Genova
Inizialmente ne saranno realizzati cinque che saranno posti a difesa del cantiere
Ok del consiglio comunale al Piano Regolatore del porto di Marina di Carrara
Marina di Carrara
Soddisfazione dell'AdSP per il via libera al nuovo strumento di pianificazione atteso dal 1981
Impala Terminals compra all'asta la HES Hartel Tank Terminal di Rotterdam
Ginevra
La costruzione dell terminal per rinfuse liquide nel porto olandese sarà completata grazie ad un ulteriore investimento
Un Regolamento di esecuzione precisa i termini di gestione delle società di navigazione per l'EU ETS
Bruxelles
È stato pubblicato oggi nella Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea
Hapag-Lloyd inaugura un nuovo centro informatico a Chennai
Amburgo
È realizzato in partnership con l'indiana Solverminds
La tunisina OMMP ha ordinato sei rimorchiatori al cantiere turco Med Marine
Istanbul/La Goulette
Si tratta di mezzi con una capacità di trazione di 60 tonnellate
Rhenus Overland Italia compra la Pesenti Trasporti & Logistica
Lauzacco
L'azienda ha una flotta di 25 trattori e 50 tra trailer e semitrailer
Collaborazione di Fincantieri e IIT per la robotica applicata all'assistenza e alla sicurezza degli operatori
Trieste/Genova
Convegno sui cambiamenti nella logistica portuale
Ravenna
Si terrà il primo dicembre a Ravenna
Dal cilindro della riforma portuale nascerà un'azienda
Palermo
Una Spa centrale che selezionerebbe gli investimenti
Il nuovo Marebonus è in “Gazzetta Ufficiale”
Palermo
Rixi: dal 6 dicembre sarà disponibile la piattaforma informatica per accedere agli incentivi
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile