testata inforMARE
4 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
15:10 GMT+2


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 30 NOVEMBRE 2019

STUDI E RICERCHE

IL RALLENTAMENTO DELLA DOMANDA DI CONTAINER VA AL DI LÀ DELLA GUERRA COMMERCIALE

Secondo un'analisi della Sea-Intelligence, le cifre relative ai volumi globali si sono contratte nel corso di settembre, rimpicciolendosi dello 0,4%, ma non tutta la colpa può attribuirsi alla guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina.

"Lo sviluppo visto a settembre serve solo a rafforzare l'andamento cui si è assistito nel corso del 2019" afferma l'amministratore delegato di Sea-Intelligence Alan Murphy.

"Questo modello sostanzialmente è consistito in mesi di domanda debole seguita da un picco di crescita più elevato, poi nuovamente seguito da un calo della crescita ancora maggiore che ha più che annullato il contrario picco ottimistico".

Nei nove mesi che vanno sino alla fine di settembre, la domanda globale è cresciuta di appena l'1%, mostrano le cifre delle Container Trade Statistics.

"Anche se questa è naturalmente una crescita positiva, non ispira molta fiducia nella forza del mercato del trasporto marittimo di contenitori" afferma Murphy.

Le cifre hanno anche chiamato in causa l'effetto moltiplicatore del prodotto interno lordo che da sempre ha visto i volumi containerizzati crescere ad un ritmo più rapido di quello dell'economia globale.

"Sulla scia della crisi finanziaria si è capito che questa regola empirica non è più corretta ed il moltiplicatore si è ridotto bruscamente in conseguenza del completamento del processo di containerizzazione, oltre a raggiungere il logico punto finale dei processi di esternalizzazione" ha dichiarato Murphy.

Anche se ci si aspetta ancora che il trasporto marittimo di contenitori cresca in linea con il PIL, le ultime previsioni in ordine al PIL del Fondo Monetario Internazionale per il 2019 parlano di una crescita del 3%.

Ma la debole crescita della domanda di contenitori di appena l'1% indica un moltiplicatore del solo 0,3%.

La disputa commerciale in corso fra Stati Uniti e Cina viene spesso indicata come la ragione principale per il rallentamento della domanda containerizzata, ma Murphy sostiene che questa argomentazione è contraddetta dai dati.

Quando la crescita nordamericana è stata smontata dalle cifre, la crescita globale era stata appena dello 0,9%.

"Questo indica che esiste una debolezza intrinseca di base che è indipendente dalla guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina" ha detto.

La crescita dei volumi di importazione in Europa ha rallentato rispetto al forte inizio dell'anno, cadendo fino ad una contrazione dello 0,5% a settembre.

Anche se i volumi nordamericani sono stati positivi per il trimestre nel suo insieme, a settembre sia le importazioni che le esportazioni si sono contratte rispetto a settembre 2018.

"Questo dovrebbe essere un motivo di preoccupazione, dal momento che l'impennata dei volumi in alta stagione a causa delle spedizioni anticipate dei carichi transpacifici si è manifestata davvero solo a ottobre/novembre 2018 e quindi la contrazione di settembre non è semplicemente una questione dovuta alla elevata base del 2018" afferma Murphy.

Nel contempo, le esportazioni dall'Asia sono rimaste "stagnanti".

"Il portafoglio ordini collettivo dei vettori per l'immissione di nuova capacità è da sempre basso e questo è infatti un buon segno per la ripresa dell'equilibrio di mercato col passare del tempo" sostiene Murphy.

"Tuttavia, la debolezza della domanda vista finora nel 2019 chiaramente mette comunque pressione sui vettori ed è anche in quest'ottica che dovremmo vedere gli elevati livelli da record di partenze annullate, un livello che è estremamente probabile che venga rispettato se dovesse persistere questa debolezza della domanda".
(da: lloydsloadinglist.com, 13 novembre 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile