ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

18 giugno 2021 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 05:21 GMT+2



25 maggio 2021

Nel primo trimestre del 2021 gli scambi commerciali del G20 hanno raggiunto livelli record

Nell'Unione Europea le esportazioni e le importazioni sono cresciute rispettivamente del +3,8% e del +5,0%

Nel primo trimestre del 2021 gli scambi commerciali delle nazioni del G20 hanno raggiunto livelli record proseguendo nella ripresa avviata nel terzo trimestre dello scorso anno. L'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha reso noto che, rispetto al trimestre precedente, nei primi tre mesi di quest'anno le esportazioni e le importazioni sono aumentate rispettivamente del +8,0% e del +8,1%.

Nel primo trimestre del 2021, ad eccezione del Regno Unito, tutte le economie del G20 hanno registrato una crescita positiva, con il deprezzamento del dollaro USA e i relativi aumenti dei prezzi delle materie prime - ha specificato l'OCSE - che hanno giocato un ruolo nella ripresa dai minimi registrati in concomitanza con la fase più acuta della pandemia di Covid-19.

L'OCSE ha spiegato che nel primo trimestre del 2021 i prezzi delle materie prime agricole, compresi i cereali e gli oli vegetali, sono aumentati di oltre il +10%, mentre i prezzi dei metalli sono risultati prossimi ai livelli osservati l'ultima volta nel 2011. L'Argentina (esportazioni in aumento del +33,3%), l'Australia (esportazioni in aumento del +17,5%), il Brasile (esportazioni in aumento del +14,7%) e il Sudafrica (esportazioni in aumento del +17,3%), che sono tra i maggiori esportatori del G20 di questi prodotti, hanno beneficiato dell'aumento dei prezzi delle materie prime. Inoltre l'aumento di quasi il +35% dei prezzi del petrolio greggio avvenuto nel primo trimestre del 2021 si è tradotto nell'aumento dei valori delle esportazioni di Canada (+10,8%), Russia (+13,1%) e Indonesia (+12,4%). Dato che i prodotti energetici costituiscono un'importante voce dei prodotti di importazione per la maggior parte delle economie del G20, nello stesso periodo gli aumenti dei prezzi hanno anche determinato valori di importazione più elevati.

L'OCSE ha specificato che, inoltre, il boom degli acquisti di elettronica legato alla pandemia ha portato ad un aumento della domanda di semiconduttori e di circuiti integrati. Insieme a molti altri fattori, ciò ha portato all'incapacità dell'offerta di tenere il passo della domanda, con conseguenti carenze e aumenti dei prezzi. Mentre l'aumento del commercio di semiconduttori ha contribuito in parte alla crescita del commercio totale di merci negli Stati Uniti (esportazioni e importazioni in aumento rispettivamente del +5,7% e del +5,3%), la carenza di chip ha colpito, in particolare, le catene di approvvigionamento dell'industria automobilistica. Sul totale delle esportazioni di merci dalla Francia (+2,7%) e dal Messico (+0,4%) ha pesato un rallentamento delle spedizioni di veicoli e componenti, entrambi nettamente inferiori alla media del G20.

La Cina, che è il principale trader commerciale del G20, ha visto le esportazioni e le importazioni salire rispettivamente del +18,9% e +19,0% nel primo trimestre del 2021. La crescita delle importazioni cinesi è stata guidata da metalli e minerali metallici, cereali e circuiti integrati, mentre la crescita delle esportazioni è stata trainata da prodotti elettronici tra cui circuiti integrati, veicoli e tessuti (incluse le mascherine per il viso utilizzate per contrastare la diffusione della pandemia). Nell'Unione Europea le esportazioni e le importazioni sono cresciute rispettivamente del +3,8% e del +5,0%.


PSA Genova Pra
Salerno Container Terminal

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail