testata inforMARE
4 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
11:50 GMT+2
FEPORT, i porti non sono certo la causa delle attuali inefficienze della supply chain marittima
Bonz: no a generalizzazioni semplicistiche
30 novembre 2021
Non è solo l'amministrazione federale statunitense guidata da Joe Biden ad essere preoccupata per l'impatto sull'economia delle attuali disfunzioni della supply chain marittima. In Europa l'allarme non è certo pari a quello americano, ma la situazione inizia a preoccupare anche i politici di questa parte dell'Atlantico. Giovedì scorso al Parlamento europeo si è discusso dell'impatto sull'UE della congestione dei porti internazionali e dell'aumento dei costi di trasporto. Ma questo accenno al problema non basta certo alla FEPORT, la federazione dei terminalisti portuali privati europei, che chiede un vero dibattito sulle cause dell'attuale perturbazione nella catena logistica marittima.

In occasione dell'odierna assemblea generale dell'associazione, rilevando che gli eurodeputati sono interessati a comprendere le vere cause dei disagi e della congestione nei porti chiedendo informazioni, fatti e cifre accurate per evitare di trarre conclusioni errate, FEPORT ha evidenziato che, «in effetti, è deplorevole che la congestione nei porti sia con superficialità considerata la causa principale dell'attuale perturbazione e che la situazione prevalente nei porti al di fuori dell'UE conduca a generalizzazioni sui porti europei». È stato infatti sottolineato che ciò «è ingiusto nei confronti delle società portuali, dei terminalisti e dei loro lavoratori che hanno compiuto enormi sforzi per mantenere la maggior parte dei porti europei aperti 24 ore su 24, sette giorni su sette dallo scoppio del Covid-19, consentendo così alle merci di raggiungere gli scaffali dei supermercati».

«Il 2020 e il 2021 - ha rilevato il presidente di FEPORT, Gunther Bonz - sono stati anni molto difficili per le nostre attività nei porti europei. Gli impatti del Covid-19, la bassa affidabilità delle schedule delle navi aggravata dall'incidente nel canale di Suez, la chiusura dei terminal cinesi e la conseguente congestione in alcune parti del mondo hanno interrotto le catene di approvvigionamento. Tuttavia, i terminal portuali europei sono rimasti operativi pur lottando con il deterioramento dell'affidabilità della programmazione degli scali delle navi».

FEPORT ha ricordato che all'inizio del 2020 la pandemia ha provocato inizialmente un calo degli arrivi di navi, mentre nella seconda metà dell'anno c'è stata una ripresa assieme ad un leggero aumento del tempo medio trascorso dalle navi in porto. L'associazione ha specificato che, come riferito nell'ultimo rapporto sul trasporto marittimo dell'UNCTAD, nonostante i vincoli legati al Covid-19 sull'organizzazione del lavoro, nel 2020 il tempo medio delle navi in porto è variato del 2,9% rispetto al 2019 e ciò si traduce in un cambiamento del tempo operativo di circa mezz'ora, trascurabile rispetto alle settimane di navigazione della maggior parte delle navi.

L'associazione dei terminalisti europei ha osservato che, invece, i dati relative all'affidabilità delle schedule delle navi prima e dopo lo scoppio del Covid-19 evidenziano problematiche assai più gravi. Ad esempio, secondo i nuovi dati elaborati dalla società di consulenza Sea-Intelligence, due navi su tre sono in ritardo e anche il numero di giorni di ritardo è rimasto ai massimi livelli. Su base annua, a settembre 2021 l'affidabilità delle schedule è diminuita di 22 punti percentuali e Sea-Intelligence ha reso noto che per tutto il 2021 l'affidabilità della pianificazione degli arrivi e delle partenze delle navi è stata compresa tra il 34 e il 40%.

«La scarsa affidabilità delle schedule delle navi, che era già una tendenza assai problematica prima del Covid-19, così come le cancellazioni degli scali dell'ultimo minuto - ha osservato Bonz - stanno mettendo sempre più sotto pressione gli stakeholder portuali dato che i porti sono il luogo in cui si manifestano tutte le inefficienze della catena logistica marittima. I porti - ha rimarcato il presidente di FEPORT - non possono essere il cuscinetto che assorbe tutte quelle inefficienze e non meritano certo generalizzazioni semplicistiche».
›››Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
Nel porto di Civitavecchia sono stati inaugurati 10 nuovi silos per la raccolta di oli vegetali
Civitavecchia
Sono stati realizzati dalla Stock Sinergy Civiterminal
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
La Spezia
Saranno utilizzati, tra l'altro, per acquistare 20 nuovi mezzi di sollevamento
A Napoli il Forum delle Funzioni di Guardia Costiera del Mediterraneo
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
MTCIT invites bids to develop Dhalkut Port in Dhofar
(Muscat Daily)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile