testata inforMARE
29 gennaio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
06:16 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 30 SETTEMBRE 2019

TRASPORTO INTERMODALE

TRASPORTATORI INTRAPPOLATI NEI PORTI, 150 KM DI CODE ED UN CIRCOLO VIZIOSO PER LE AZIENDE: MESSO A NUDO IL 'PIANO' PER LA BREXIT DEL GOVERNO DEL REGNO UNITO

La persistente commedia degli errori della Brexit potrebbe vedere gli autisti bloccati nei porti ad entrambi i lati della Manica in conseguenza del fallimento in corso da parte del governo britannico per quanto attiene alla sua preparazione e ad appropriate indicazioni.

Il responsabile della politica globale ed europea presso la FTA (associazione trasporto merci) Pauline Bastidon ha dichiarato a The Loadstar di temere che gli autisti possano cadere in un circolo vizioso in conseguenza dei divergenti processi doganali senza accordo.

"Ai sensi dei programmi, la documentazione per le esportazioni dirette a Calais sarà preinserita nei sistemi informatici, con l'idea di validarla in seguito una volta che questi veicoli siano stati imbarcati sui traghetti" afferma.

"Alcuni sistemi informatici sono pronti a farlo, ma altri non lo sono, il che significa che dal lato di Calais gli autisti potrebbero ritrovarsi con spedizioni non sdoganate che li intrappolerebbero in porto".

Gli autisti che dovessero incappare in questo impiccio non disporrebbero della corretta documentazione per far ritornare le spedizioni nel Regno Unito, lasciandogli l'opzione di restare nel porto francese oppure di abbandonare il proprio carico.

Lasciare il proprio carico a Calais naturalmente farebbe incorrere in addebiti per controstallie, cosa che apporterebbe i suoi problemi.

"Ciò pone un vero e proprio circolo vizioso per gli autisti e ci sono diversi problemi a questo riguardo poiché i trasportatori di per se stessi non sono responsabili della mole di documenti" afferma la Bastidon.

"Di queste carte sono responsabili le imprese e non i trasportatori o gli autisti ed occorre che il governo faccia un lavoro migliore perché ciò sia noto".

La Bastidon aggiunge che in reazione alla confusione i trasportatori potrebbero rifiutare le spedizioni per paura di cadere in un tale impiccio.

Questa opinione è stata ripresa dal responsabile delle dogane ed imposte alla Gefco, Olivier Thourad, che nota che potrebbero esserci anche enormi code dal lato di Dover della traversata della Manica.

"Esiste il concreto rischio di ritrovarsi con un mucchio di camion in attesa dal lato del Regno Unito perché, pur avendo la documentazione di esportazione del Regno Unito, gli manca la documentazione dell'Unione Europea" ha dichiarato Thourad a The Loadstar.

"E ci sono solo 100 posteggi a Dover, mentre dal lato di Calais ci sono posteggi per 50 veicoli in attesa, e se dovessero uscire per andare a Calais potrebbero anche doversi fermare là".

I timori di Thourad corrispondono alle previsioni contenute nei documenti governativi riservati visti dal Financial Times, i quali suggerivano che le colonne fuori da Dover potrebbero estendersi per 150 km.

Un modo ovvio per evitare ciò sarebbe quello di poter disporre di agenti doganali addestrati che preparino la documentazione per i caricatori.

Tuttavia, il governo del Regno Unito è stato lento nel riconoscere tale modalità e poiché l'addestramento richiede due anni per essere completato, il paese si trova a fronteggiare una carenza di nuovi assunti addestrati.

Thourad sottolinea che occorre che gli autisti vengano resi consapevoli di che cosa sia "esattamente" richiesto per la movimentazione di una spedizione, aggiungendo che anche la sua società ha avvisato i clienti.

Ma le PMI dello stesso settore non sono in condizione di assumere agenti doganali pienamente qualificati quale misura di emergenza nel caso di una Brexit senza accordo.

"Ai caricatori viene detto che essi devono provvedere da sé alla documentazione doganale ovvero di trovare intermediari che possano farlo per loro conto" afferma la Bastidon.

"Solo che non ci sono intermediari, o ce ne sono pochissimi, in particolare per i caricatori PMI, il che significa che essi dovranno battersi per trovare clienti che vogliano dialogare con loro.

"Come gli autisti, essi si trovano in un circolo vizioso dal momento che hanno bisogno di agenti doganali od intermediari, ma il governo non riesce ad assicurare i mezzi per conseguirlo".

Ora, sapendo poco di quanto efficaci saranno le misure di attuazione, ci sono stati segnali secondo i quali anche i porti al di fuori del Kent rifiuteranno i camion senza documentazione probante.

I piani dell'Operazione Zigolo Giallo del governo del Regno Unito pubblicati la settimana scorsa suggeriscono un "basso rischio di notevoli e sostenute code presso i porti al di fuori del Kent che hanno elevati volumi di traffico dell'Unione Europea".

Ma le carte del Dipartimento dei Trasporti viste dal Financial Times presuppongono che questo accadrebbe solo perché decine di migliaia di camion verrebbero respinti per mancata conformità".

I documenti, contrassegnati come "riservato/ufficiale", suggeriscono che sulla scia di una Brexit brusca ci si potrebbe aspettare che i porti di Liverpool, Holyhead e Portsmouth respingano due terzi dei camion.

In risposta al rapporto, il consigliere Gerald Vernon-Jackson, leader del consiglio municipale di Portsmouth, ha dichiarato a The Loadstar che i suoi collaboratori "da mesi" avvertono al riguardo.

"Abbiamo detto al governo per mesi e mesi che ci sarebbero state perturbazioni ed ora la documentazione prova che le nostre preoccupazioni sono giustificate" afferma Vernon-Jackson.

"Le nostre richieste sono sempre state finalizzate a fare chiarezza in ordine alla situazione, a far sì che il governo apprezzasse il ruolo del porto di Portsmouth e ad ottenere finanziamenti appropriati".

Questa mancanza di coinvolgimento da parte del governo ha indotto il consiglio ed il porto ad intraprendere iniziative per proprio conto allo scopo di far sì che il porto sia del tutto preparato. Il suo LRF (Local Resilience Forum) ha individuato le questioni che il porto e la città devono affrontare e sono stati attuati piani, finanziati dal consiglio, allo scopo di gestire i camion fuori dal porto.

Aggiunge Vernon-Jackson: "Abbiamo sempre saputo che l'incertezza riguardo alla documentazione cartacea avrebbe causato problemi e abbiamo preso seriamente le nostre responsabilità per essere sicuri di essere preparati".

The Loadstar in precedenza aveva riferito che Portsmouth stava accrescendo il numero degli agenti doganali presso i propri impianti, ma sembra che questo non sia stato fatto in modo uniforme in tutto il Regno Unito.
(da: theloadstar.com, 19 settembre 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Gara del governo indiano per la realizzazione di un grande porto container di transhipment nell'Oceano Indiano
New Delhi
Gara del governo indiano per la realizzazione di un grande porto container di transhipment nell'Oceano Indiano
Avrà una capacità di 16 milioni di teu. Previsto un investimento di cinque miliardi di dollari
A causa della guerra in Ucraina il Registro navale cipriota ha perso 3,7 milioni di tsl
Limassol
Nel frattempo si sono iscritte navi per due milioni di tsl. Nuovo ufficio di Royal Caribbean a Limassol
Nel 2022 il porto di Marsiglia Fos ha movimentato 77 milioni di tonnellate di merci (+3%)
Marsiglia
Record dei container. Il traffico complessivo dei passeggeri è tornato ai livelli pre-pandemia
Il porto di New York ha stabilito un nuovo record storico di traffico annuale dei container
New York
Flessione dell'attività nel quarto trimestre del 2022
Le proposte di Conftrasporto per il settore dei trasporti e della logistica
Roma
Salvini: ho chiesto al commissario europeo dei Trasporti l'avvio della procedura d'infrazione nei confronti dell'Austria
Hapag-Lloyd acquisirà il 35% dell'indiana J M Baxi Ports & Logistics
Hapag-Lloyd acquisirà il 35% dell'indiana J M Baxi Ports & Logistics
Amburgo
Accordo per elevare la quota al 40% con un aumento di capitale
Hapag-Lloyd ha effettuato un altro investimento nel settore dei terminal portuali, settore in cui la compagnia di navigazione containerizzata tedesca è recentemente entrata prepotentemente...
Stabile nel 2022 il traffico delle merci movimentato dai porti della Sardegna
Cagliari
Prosegue la ripresa nel settore dei passeggeri
MSC e Maersk decidono di sciogliere l'alleanza 2M con effetto a gennaio 2025
MSC e Maersk decidono di sciogliere l'alleanza 2M con effetto a gennaio 2025
Ginevra, Copenhagen
È stata attivata nel 2015
Soddisfazione di Confitarma per l'ok della commissione parlamentare UE alle disposizioni sul credito navale
Roma
Da molti anni - sottolinea la Confederazione - ci battiamo affinché, a fini regolamentari bancari, il credito navale venga gradualmente assimilato a quello infrastrutturale
Investire nella Blue Economy per creare posti di lavoro, aumentare i livelli di reddito e ridurre le emissioni
Losanna
Lo suggerisce uno studio scientifico pubblicato su “Frontiers in Marine Science”
Inaugurata ad Arenzano la nuova Scuola di Alta Formazione per Medici di Bordo
Arenzano
Messina (Assarmatori): è una risposta concreta alla necessità reale e impellente di garantire la salute e la sicurezza di chi naviga
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti sudcoreani è diminuito del -2,3%
Seul
I container sono stati pari a 28,8 milioni di teu (-4,1%)
Iniziativa per attivare a Livorno un percorso ITS dedicato alla logistica e ai trasporti
Livorno
A Noghere un nuovo polo produttivo integrato al porto di Trieste
Trieste
L'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale ha acquistato un'area di 350.000 metri quadri
Lunedì a Rapallo si terrà la prima edizione di “Shipping, Transport&Intermodal Forum”
Genova
Verranno analizzate la situazione attuale e le prospettive del comparto marittimo e logistico
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due dei gruppi tecnici dell'associazione: quello specializzato sul tema dei rapporti porto-città e quello degli urbanisti
Corsica Sardinia Ferries partecipa al progetto di Neoline per realizzare una nave ro-ro a vela
Corsica Sardinia Ferries partecipa al progetto di Neoline per realizzare una nave ro-ro a vela
Vado Ligure
Sarà impiegata su una rotta transatlantica
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
RINA ha comprato l'americana Patrick Engineering
Genova
È un'azienda di consulenza ingegneristica attiva principalmente nei settori infrastrutture, trasporti ed energie rinnovabili
Lo scorso anno il traffico delle merci nel porto di Ancona è diminuito del -2,3%
Ancona
Ripresa dei passeggeri
La nave inclinatasi nel porto di Genova è stata sottoposta a fermo amministrativo
Genova
Accertate oltre 20 deficienze di cui alcune particolarmente gravi
Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo di 900 milioni di dollari
Milano
Attività nell'Atlantico Meridionale e nel Mare di Norvegia
Cambiaso Risso compra la tedesca Trident Special Risks
Genova
Nel 2022 l'azienda genovese ha raggiunto un volume premi di 440 milioni di dollari e ricavi netti per 57 milioni di dollari
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile