testata inforMARE
6 febbraio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
16:08 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 31 OTTOBRE 2019

PORTI

MINACCIA AL MASSIMO LIVELLO DI SEMPRE RIGUARDO ALLA CRESCITA DEI RISULTATI PRODUTTIVI DEI PORTI CONTAINERIZZATI GLOBALI

Secondo un nuovo rapporto, gli operatori di terminal container devono affrontare i rischi più alti di qualsiasi altro momento nella storia del settore.

Ed il "Container Terminals: Paths to Profitability" suggerisce che i futuri investimenti da parte degli operatori ed investitori avranno bisogno di essere considerati più attentamente di quanto non sia mai accaduto prima.

Il rapporto di 221 pagine redatto dai veterani del settore Remco Stenvert e Andrew Penfold afferma che molti dei rischi che il settore si trova di fronte sono "al di là del controllo degli operatori".

"Le attività inerenti ai porti e terminal containerizzati sono di fronte a grandi incertezze come mai avvenuto prima da quando è iniziata la rivoluzione containerizzata alla fine degli anni '70" vi si legge.

"Tali incertezze presentano rischi sistemici ed intrinsechi che potrebbero comportare un considerevole impatto sulle prospettive della domanda, sulla redditività e sugli investimenti portuali nei prossimi 10 anni.

Occorre che tutti gli investimenti adottino una chiara visione di questi rischi, visto che sono passati i giorni in cui si poteva fare affidamento sulla domanda in espansione di contenitori per salvare i progetti marginali" scrivono gli autori.

Lo studio tratteggia una gamma di fattori esterni: il ripiegamento della globalizzazione alla luce dell'aumento del protezionismo; la crescente instabilità finanziaria dal 2009, nel contesto della quale gran parte della crescita a partire dalla crisi finanziaria è stata finanziata dall'aumento del livello del debito; un cambiamento strutturale della natura della domanda in cui molte economie sviluppate ora effettivamente hanno raggiunto l'apice dei risultati produttivi containerizzati; le problematiche apportate dalle strategie di approvvigionamento nelle vicinanze; le problematiche tecnologiche poste dalla catena di blocchi e dalla stampa in 3D; infine, la crescente importanza dell'ambiente, sul quale gli operatori portuali non hanno alcun controllo ma di cui devono tenere conto quando programmano nuovi progetti.

Ma c'è anche un lungo elenco di fattori interni ai settori del trasporto marittimo e dei terminal con i quali molti si sono già familiarizzati: l'eccesso di capacità e la sottoutilizzazione di trasporto marittimo; l'instabilità delle alleanze, che aumenta in termini di rischio di pari passo con il rallentamento della crescita dei volumi; l'investimento in terminal delle linee di navigazione, che è sempre più nei pensieri degli operatori terminalistici indipendentemente dal coinvolgimento dei vettori; la pressione da parte delle dimensioni navali sempre più grandi; l'eccesso di capacità terminalistica in alcune regioni; infine, la potenziale perturbazione per il settore da parte di operatori del tutto nuovi.

"Il mondo sta cambiando e l'impatto sul settore dei porti containerizzati resta poco chiaro.

Poiché importanti nuove società commerciali e logistiche come Amazon e Alibaba incrementano la loro presenza sul mercato, chiaramente ci sarà una pressione su di loro affinché investano verticalmente nella filiera distributiva.

Questo potrebbe senz'altro far assistere ad un incremento del potenziale di associazioni imprenditoriali ma potrebbe anche comportare la concorrenza per gli investimenti in un mercato incerto" si legge nel rapporto.

La buona notizia, tuttavia, è che anche nel caso dello scenario peggiore immaginato dagli autori da qui al 2030 ci sarà un po' di crescita per il mercato.

Se la minaccia di guerre commerciali e protezionismo dovesse dissolversi e l'economia globale dovesse fruire di un periodo di stabile crescita, il rapporto prevede risultati produttivi per i porti mondiali pari a 1,37 miliardi di TEU nel 2025, in aumento del 35,4% rispetto all'anno scorso, quando i volumi globali hanno oltrepassato il segno del miliardo di TEU per la prima volta, nonché un'ulteriore crescita sino a 1,7 miliardi di TEU entro il 2030.

"Dovesse registrarsi un'altra recessione, le possibilità di una rapida ripresa saranno più limitate.

Nel mercato attuale ci sono possibilità molto minori di una incentivazione della domanda dati i tassi di interesse a livelli già molto bassi e l'indebitamento dei governi a livelli così alti che l'incentivo fiscale sarebbe difficile da conseguire.

Le attuali implicazioni di questa incertezza sono difficili da prevedere ma, in termini generali, c'è spazio per una riduzione completa della domanda nel corso del periodo 2019-2021. Le previsioni sviluppate nel rapporto potrebbero sottostimare in modo significativo il rischio al ribasso di questo scenario" si afferma.

(da: theloadstar.com, 22 ottobre 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Infortuni accidentali in ulteriore calo nei porti della Sardegna
Cagliari
Crescita del numero delle ispezioni su navi e banchine e delle attività di formazione per gli operatori
T&E, Londra perde quasi due miliardi di sterline all'anno non includendo il 90% dello shipping nell'UK ETS
Bruxelles
Attualmente il governo prevede di sottoporre all'ETS le sole navi di oltre 5.000 tsl che effettuano viaggi internazionali
Nel 2022 i terminal portuali di DP World hanno movimentato un traffico record di 79 milioni di container (+1,4%)
Dubai
Nel solo quarto trimestre è stato registrato un calo del -0,4%
Otto manifestazioni d'interesse per la privatizzazione del porto greco di Volos
Otto manifestazioni d'interesse per la privatizzazione del porto greco di Volos
Atene
In vendita il 67% del capitale dell'Autorità Portuale
Sarebbe concluso l'accordo con cui MSC entrerebbe nel capitale di Boluda Towage
Milano
L'intesa avrebbe un valore di 1,5 miliardi di euro
Il gruppo logistico DSV chiude il 2023 con risultati record
Il gruppo logistico DSV chiude il 2023 con risultati record
Hedehusene
Nell'ultimo trimestre registrato il primo calo del fatturato dopo più di un decennio. Andersen: il trend discendente proseguirà nel 2023
Varata nel cantiere di Ancona della Fincantieri la nave da crociera di lusso Seven Seas Grandeur
Ancona
Verrà consegnata il prossimo novembre
A gennaio record del valore dei diritti di transito delle navi nel canale di Suez
Ismailia
A gennaio record del valore dei diritti di transito delle navi nel canale di Suez
La via d'acqua egiziana è stata attraversata da 2.155 navi (+21,5%)
Aggiudicata la gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri del porto di Bari
Bari
Verrà completato in meno di due anni
Nel quarto trimestre del 2022 il traffico delle merci nel porto di Brema è diminuito del -12,7%
Brema
Nell'intero anno il calo è stato del -8,2%
Pubblicato il bando di gara per l'elettrificazione delle banchine dei porti di Messina, Reggio Calabria e Milazzo
Messina
L'importo dei lavori è di 23,2 milioni di euro
Nel porto di Civitavecchia è stato fermato un traffico illecito di rifiuti diretti in Africa
Civitavecchia
Sequestrate tre partite di merce per un peso complessivo di 32 tonnellate
Gruber Logistics apre due uffici in Turchia
Gruber Logistics apre due uffici in Turchia
Ora
L'obiettivo è incrementare i traffici da e per l'Europa attraverso il porto di Trieste
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti spagnoli è cresciuto del +3,5%
Madrid
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti spagnoli è cresciuto del +3,5%
Riduzione del traffico containerizzato di transito. Nel solo quarto trimestre è stato registrato un calo del -1,1%
DP World si è aggiudicata la gara per realizzare un container terminal nel porto di Deendayal (Kandla)
Gandhidham
Joint venture Drydocks World - Aker Solutions per ammodernare unità FPSO
Marfret incrementa la frequenza del servizio di linea diretto Italia-Egitto
Genova
Immessa una seconda nave
Cargotec e Konecranes registrano nuovi record di ricavi annuali e trimestrali
Helsinki/ Hyvinkää
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti dai due gruppi è aumentato rispettivamente del +9,8% e +23,7%
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti da ABB è cresciuto del +6,7%
Zurigo
I risultati dell'attività commerciale hanno registrato un'attenuazione trimestre dopo trimestre
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Ankara
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Nell'ultimo trimestre del 2022 la riduzione è stata del -5,1%
MSC includerà il porto di Livorno nel servizio West Med - Middle East/India
Ginevra
Il collegamento ha frequenza settimanale
UPS registra un calo del fatturato dopo 40 trimestri consecutivi di crescita
Atlanta
UPS registra un calo del fatturato dopo 40 trimestri consecutivi di crescita
Nel 2022 i ricavi hanno superato per la prima volta i 100 miliardi di dollari
Nel 2022 i ricavi del gruppo Wärtsilä sono aumentati del +22%
Helsinki
Il valore delle nuove commesse è cresciuto del +6%
Nel 2023 nei porti sardi sono attesi oltre 400mila crocieristi rispetto ai 221mila dello scorso anno
Cagliari
Ad oggi sono programmati 191 scali ai porti di Cagliari, Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano e Arbatax
Nuovo ricorso di Grimaldi Euromed contro l'ok al piano di concordato preventivo della Moby
Milano
È stato omologato dal Tribunale di Milano lo scorso 24 novembre
Intelligenza artificiale e navigazione autonoma
Tokyo
Sono i campi d'attività in cui coopereranno le giapponesi NYK e Ghelia
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
Costanza
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
I container sono stati pari a 772.046 teu (+22,2%)
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile