ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

29 novembre 2021 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 10:19 GMT+1



15 ottobre 2021

Il segretario generale dell'Onu esorta ICAO e IMO ad adottare con urgenza nuove misure per decarbonizzare il trasporto aereo e marittimo

Guterres chiede una nuova serie di obiettivi più ambiziosi e credibili e coerenti con gli obiettivi dell'Accordo di Parigi

Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha invitato l'International Civil Aviation Organization (ICAO) e l'International Maritime Organization (IMO), le due agenzie dell'Onu che sovrintendono rispettivamente ai settori del trasporto aereo e marittimo, ad adottare con urgenza «una nuova serie di obiettivi più ambiziosi e credibili che siano veramente coerenti con gli obiettivi dell'Accordo di Parigi».

Intervenendo ieri alla seconda United Nations Global Sustainable Transport Conference, che è in svolgimento a Pechino, Guterres ha evidenziato che attualmente «siamo più lontani dal realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile sul clima, gli oceani e la biodiversità di quanto non lo fossimo quando sono stati concordati sei anni fa. Siamo già prossimi - ha precisato - al limite massimo di 1,5 gradi Celsius concordato a Parigi e non c'è quasi più margine per un'azione sul clima, sulla natura e sull'inquinamento. Dobbiamo agire assieme, in modo intelligente e rapido, affinché i prossimi nove anni facciano la differenza. I trasporti, che rappresentano oltre un quarto dei gas serra globali - ha rilevato Guterres - sono la chiave per rimettersi in carreggiata. Dobbiamo decarbonizzare tutti i mezzi di trasporto per arrivare a zero emissioni nette entro il 2050 a livello globale».

«Sappiamo - ha aggiunto il segretario generale dell'Onu - come farlo accadere. Innanzitutto dobbiamo accelerare la decarbonizzazione dell'intero settore dei trasporti. Siamo sinceri. Anche se gli Stati membri hanno compiuto alcuni passi iniziali tramite l'International Civil Aviation Organization e l'International Maritime Organization per far fronte alle emissioni del trasporto marittimo ed aereo, gli attuali impegni - ha denunciato Guterres - non sono allineati con l'obiettivo di 1,5 gradi dell'Accordo di Parigi. In realtà, sono molto più in linea con un riscaldamento assai più elevato dei tre gradi. L'adozione di una nuova serie di obiettivi più ambiziosi e credibili che siano veramente coerenti con gli obiettivi dell'Accordo di Parigi deve costituire una priorità urgente per entrambi questi organismi nei mesi e negli anni a venire».

Dettando il cronoprogramma delle scadenze da rispettare, Guterres ha affermato che «le priorità sono chiare: eliminare gradualmente - ha spiegato - la produzione di veicoli con motore a combustione interna entro il 2035 per i principali paesi produttori ed entro il 2040 per i paesi in via di sviluppo. Le navi a emissioni zero - ha sottolineato il segretario generale dell'Onu - devono essere la scelta predefinita e devono essere poste sul mercato per tutti entro il 2030 al fine di raggiungere le zero emissioni nel settore marittimo entro il 2050.



Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail