testata inforMARE
31 gennaio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
03:51 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXI - Numero 7/2003 - LUGLIO 2003

Legislazione

La sicurezza nel trasporto di prodotti alimentari negli U.S.A.

Nel contesto del rafforzamento della sicurezza in seguito agli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001, le agenzie governative statunitensi stanno lavorando febbrilmente al fine di realizzare una salvaguardia contro i futuri atti di terrorismo. Per coloro che sono coinvolti nella catena delle forniture, la "regola delle 24 ore" è forse la più conosciuta di tale iniziative. Ma tutto ciò, parrebbe, non era ancora nulla: milioni di spedizioni potrebbero essere interrotte se le ulteriori proposte inerenti al trasporto di alimentari dovessero essere approvate entro la fine del 2003.

Tali proposte derivano dalla legge sulla prevenzione e sulla risposta al bioterrorismo, approvata nel mese di giugno 2002. Questa norma è destinata a proteggere i consumatori statunitensi dalle interferenze terroristiche con le loro forniture di alimentari ed acqua e delega la U.S. FDA (Amministrazione Statunitense per gli Alimentari ed i Farmaci) a formulare la regolamentazione inerente alle comunicazioni preventive relative a tutte le spedizioni di alimentari importati negli Stati Uniti.

A questo riguardo, la FDA ha ricevuto circa 6 milioni di registrazioni in linea nel 2002, ciascuna relativa ad un diverso tipo di prodotto alimentare trasportato negli Stati Uniti, vale a dire il più significativo mercato di consumo del mondo. Dato che riguardano tutte le importazioni di alimentari e farmaci degli Stati Uniti, le proposte nella loro conformazione attuale si applicheranno altresì a carichi di trasbordo in transito nei porti statunitensi. In breve, i volumi coinvolti saranno enormi, il che impone ancora più imperativamente una soluzione percorribile.

L'impatto sulla catena delle forniture deriva dalle proposte contenute nel Titolo III (Protezione della sicurezza delle forniture di alimentari e farmaci). La norma che afferisce in modo maggiormente significativo la catena delle forniture è quella relativa alla necessità dell'avviso preventivo. La legge sul bioterrorismo sancisce che dal 12 dicembre 2003 occorra fornire un avviso preventivo in ordine a tutte le spedizioni di alimentari. In assenza di altre regole specifiche, il periodo di mancato avviso può andare da un minimo di otto ore ad un massimo di cinque giorni. Tuttavia, entrambe le norme in questione dovranno entrare in vigore dal 12 ottobre, dal momento che il Congresso statunitense richiede 60 giorni per rivederle. Lo stretto periodo previsto dalla legge non concede molto tempo alla FDA per prendere in completa considerazione le reazioni ricevute dal settore in questione e fornire una risposta soddisfacente.

Coloro che mettono a punto le politiche della FDA hanno cominciato a lavorare tenendo conto dei consigli di un piccolo gruppo di rappresentanti del settore nell'agosto 2002, chiedendo loro di formulare le proprie osservazioni, e domandando successivamente i commenti del settore una seconda volta. L'opportunità di presentare richieste è cessata nell'aprile 2003 e le reazioni sono state aspre.

I commenti un po' troppo critici sono insoliti per la FDA, che viene rappresentata come una "agenzia mamma-papà" e solitamente gode di un'immagine pubblica molto positiva. Un portavoce della FDA ha risposto che l'agenzia si aspetta un discreto numero di osservazioni rispetto alla legge sul bioterrorismo, dal momento che essa riguarda così tanti aspetti diversi dell'economia, sebbene egli non fosse in grado di fare commenti sul tono generale di quelli ricevuti.

Molti hanno fatto notare quanto queste proposte siano simili alla norma delle 24 ore e hanno effettuato pressioni sulla FDA affinché collabori più strettamente con il BCBP (Ufficio Dogane e Protezione Frontiere), le ex Dogane degli Stati Uniti. La NCBFAA (Associazione Nazionale dei Mediatori e degli Spedizionieri Doganali d'America) ha persino fatto pressioni per il ritiro delle attuali proposte a favore di una discussione più approfondita tra i due enti. La sua richiesta alla FDA affermava: " Questo non è certo il momento in cui le agenzie federali si possano mettere a combattere le loro guerre private a spese del pubblico". Un rappresentante del settore ha asserito che l'industria trasportistica ha già dovuto adattarsi in modo significativo: "E' come la goccia che ha fatto traboccare il vaso: non possono proprio continuare a caricare tutto su di lei".

Il punto cruciale della discussione verte sull'interruzione del flusso dei traffici. Nel settore trasportistico vi è la sensazione che la FDA non capisca l'impatto che tali norme potrebbero comportare. Le osservazioni presentate dalla NCCFAA alla FDA hanno criticato le proposte come "irreali ed indebitamente onerose". Tom Mathers, direttore delle comunicazioni della NCBFAA, ha asserito che, dal momento che la principale funzione dei suoi membri è quella di contribuire ad agevolare i traffici, interruzioni come queste "riducono la nostra efficienza". Chris Koch, presidente del WSC (Consiglio Mondiale dello Shipping), che rappresenta l'industria del trasporto marittimo di linea negli Stati Uniti, è un esempio tipico di ciò che il settore pensa al riguardo: "La norma, così com'è stata proposta, potrebbe comportare enormi problemi".

I tempi di esecuzione proposti dalla FDA costituiscono una questione particolare, data la natura deperibile di molte derrate alimentari. Gran parte del trasporto merci marittimo è già prevista nella regola delle 24 ore, che richiede che la nave rilasci informazioni 24 ore prima del carico (sebbene vi siano questioni pratiche in ordine alle imprese di importazione che devono riferire informazioni sul trasporto che potrebbero non avere, in particolar modo perché le rotte delle navi possono cambiare con breve preavviso). Tuttavia, il traffico frontaliero dai paesi del NAFTA non è compreso nella regola delle 24 ore.

Molte richieste inerenti alla nuova normativa sperano che vengano adottati periodi di tempo simili in relazione alla nuova proposta del BCBP sulla registrazione preventiva del manifesto inerente a strada e ferrovia. Il Consiglio Pesca del Canada è un organismo di caricatori che ha attirato l'attenzione sul problema dei prodotti freschi lasciati fermi per un giorno.

La FDA sostiene che il periodo di tempo proposto è necessario per reindirizzare gli ispettori della FDA verso i porti statunitensi che non sono dotati di una agenzia presente in modo permanente. Ancora, la AAEI (Associazione Americana degli Esportatori ed Importatori) nella propria richiesta suggerisce un preavviso preventivo di due ore, sulla base del fatto che il BCBP detiene il container fino all'arrivo degli ispettori della FDA. Senza dubbio perché frustrata dalla mancanza di coordinamento tra le due agenzie, la AAEI sottolinea: "La FDA ed il BCBP fanno parte della stessa pubblica amministrazione".

Le proposte della FDA si propongono qualche flessibilità nel consentire una modifica due ore prima, il che permette la precisazione di una stima, sebbene la natura del prodotto alimentare non possa essere cambiata radicalmente. Ad esempio, "pesce" potrebbe diventare "tonno", ma "pesce" non potrebbe diventare "mele". Tuttavia, gli importatori devono registrarsi alla FDA due volte, una con l'avviso preliminare e dopo con la modifica, il che aumenta il loro carico di lavoro. Inoltre, ciò non tiene conto delle spedizioni di prodotti freschi in consegna dove non vi sono acquirenti statunitensi. Per i vettori, la NCBFAA sottolinea che essi potrebbero non essere in grado di sostituire i carichi registrati che non sono pronti, il che avrebbe conseguenze sui costi dei vettori. Dal momento che gli spazi dei carichi subiscono delle maggiorazioni, tali costi passerebbero ai caricatori per mezzo delle tariffe applicate.

Le proposte della FDA rendono gli importatori responsabili circa le informazioni di registrazione negli avvisi preventivi, ed insistono sul fatto che ciò che viene richiesto è necessario per aiutare la FDA a rintracciare il prodotto alimentare indietro sino al coltivatore. Anche se ciò nella maggior parte dei casi è facilmente rintracciabile nelle registrazioni presso il BCBP , i critici della norma sottolineano che alcune informazioni non sembrano avere pertinenza con la sicurezza. Le osservazioni della AAEI si domandano quale sia la necessità della quantità: "200 kg di pesce fresco o di cipolle gialle sono più pericolosi di 160 kg?". Invece, l'Associazione Produttori Cioccolato indirizza l'attenzione sul problema di identificare i singoli piantatori di grani di cacao in una spedizione, dopo diversi trattamenti di miscela prima della partenza. Vi è la sensazione che si tratti di burocrazia governativa alla difesa di se stessa contro le accuse che potrebbero seguire ad un futuro attacco terroristico. Un rappresentante del settore ha dichiarato a Containerisation International: "Vi è la diffusa percezione che un sacco di questa roba non sia altro che una sorta di tenda da finestra".

La mancanza di chiarezza nelle regole proposte rafforza l'idea del settore trasportistico che la FDA non capisce come funzioni la catena delle forniture. Ad esempio, la concezione della FDA di "paese d'origine" è diversa da quella del BCBP e da quella dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, il che potrebbe comportare la conseguenza che gli importatori debbano conservare due serie di documentazione: ciò non solo è poco pratico, ma rappresenta altresì un costo aggiuntivo.

Quale direttore dei trasporti del caricatore statunitense Herbalife, che spedisce circa 5.000 TEU all'anno complessivamente, Hudson Warren è particolarmente preoccupato circa le proposte della FDA. La Herbalife ha avuto alcuni problemi ad osservare la regola delle 24 ore, dal momento che l'agente si registra tramite il vettore (con qualche eccezione per spedizionieri e nvoccs). Tuttavia, non vi è chiarezza su quale parte abbia la responsabilità delle registrazione ai sensi delle regole proposte dalla FDA. Data la combinazione tra informazioni del caricatore e modalità di trasporto, né l'agente né il vettore potrebbero fornire una descrizione completa.

Molti nel settore risentono del lavoro aggiuntivo richiesto dal fatto di doversi registrare presso due diverse agenzie, in particolare poiché sia la FDA che il BCBP non hanno in programma - a quanto si può capire - l'integrazione delle due interfaccia elettroniche fino al 2005, malgrado le assicurazioni fatte di voler lavorare assieme. Dato il lento sviluppo dell'Ambiente Commerciale Automatizzato del BCBP, il finanziamento rappresenta un problema. Nel contempo, i racconti relativi a molteplici ispezioni da parte di agenzie diverse in posti in cui non è stato trovato nulla sono troppo comuni e vanno ad aggiungersi al generale sentimento negativo. Tuttavia, nel corso di aprile, la FDA si è incontrata con il BCBP ed i rappresentanti del settore sperano che ne derivi qualcosa di buono.

E c'è poi un altro anello della catena delle forniture che potrebbe essere spezzato dalle proposte nella loro conformazione attuale. Queste norme, infatti, potrebbero diventare un problema pressante per i vettori marittimi. Quando si ha a che fare con i carichi di trasbordo - ovvero con i carichi movimentati in attesa di sdoganamento attraverso gli Stati Uniti - non vi è nessun importatore o agente statunitense che si prenda la responsabilità di riferire alla FDA circa le merci. In questo caso, la FDA propone di imputare al vettore la responsabilità della relazione, rendendolo quindi assoggettabile a sanzioni.

Commenta Koch: "Il problema della regola della FDA consiste nel fatto che l'informazione che essa richiede non è per nulla quella presente sulla polizza di carico. Ciò che essi vogliono è un'informazione che il vettore non conoscerà mai: chi ha coltivato il prodotto, chi lo ha confezionato, non quale è stata l'origine della spedizione, ma l'origine delle merci stesse, vale a dire il relativo codice alimentare della FDA: un'informazione che noi non saremo mai in grado di avere".

Dal momento che lo scopo dichiarato della norma è quello di proteggere i consumatori statunitensi, il Consiglio Mondiale dello shipping ritiene che questa informazione non sia necessaria, dal momento che i carichi di trasbordo non sono destinati gli Stati Uniti. Il BCBP già provvede al monitoraggio delle spedizioni in attesa di sdoganamento che entrano ed escono dal paese.

Tuttavia, se le proposte dovessero andare avanti così come sono, le conseguenze per i traffici potrebbero essere serie. Koch si domanda se i vettori possano evitare tale peso: "Si dovrebbero semplicemente respingere i prodotti alimentari che ricadono in questa categoria e poi riuscire a capire come movimentarli".

Ciò comporterebbe non solo notevoli costi per i caricatori, ma altresì serie conseguenze per le attività di trasbordo dei porti statunitensi. L'intenzione della FDA di trattenere nel porto d'ingresso i carichi in arrivo senza avviso preventivo potrebbe già comportare un ulteriore intasamento presso i porti statunitensi la cui capacità è già al limite (a differenza della regola delle 24 ore, ai sensi della quale i carichi rifiutati non arrivano neanche negli Stati Uniti). Riguardo poi al trasbordo, si potrebbero perdere notevoli attività, dal momento che i vettori non farebbero altro che modificare le loro rotte evitando i porti degli Stati Uniti.

E' ovvio che la FDA dovrà tener conto di un bel po' di commenti critici nel formulare le regole definitive. Koch del Consiglio Mondiale dello Shipping conclude: "Chiaramente, la FDA non ne capisce granché di traffici marittimi internazionali e di come essi funzionino, ma, dopo che avranno letto i commenti e li avranno presi in considerazione, sono ottimista circa la possibilità che li si possa convincere che tali regole non sono qualcosa che sia possibile portare avanti".

Nessuno discute la necessità di sicurezza, in particolar modo negli Stati Uniti. Ma, dato il periodo di tempo per lavorare concesso dalla legge, la FDA sarà in grado di imporre i propri vincoli ai consumatori statunitensi, consentendo nel contempo alla catena delle forniture di funzionare?
(da: Containerisation International, giugno 2003)




DALLA PRIMA PAGINA
Porto di Gioia Tauro, prima spedizione via treno di auto provenienti dalla Cina
Porto di Gioia Tauro, prima spedizione via treno di auto provenienti dalla Cina
Gioia Tauro
Le vetture sono dirette al centro-nord Italia
Gli storici marchi Hamburg Süd e Sealand scompariranno
Copenhagen
Verranno sostituiti dal brand Maersk
Federlogistica denuncia che il processo di digitalizzazione dei porti è allo sbando
Roma
La Federazione sottolinea che non è stato speso un singolo euro delle risorse messe a disposizione dal PNRR e manca un disegno di grande profilo
Saldo negativo per -25,6 miliardi del commercio estero italiano con i paesi extra UE nel 2022
Saldo negativo per -25,6 miliardi del commercio estero italiano con i paesi extra UE nel 2022
Roma
Sul dato pesa un deficit energetico di -112,01 miliardi
Concluse oggi le operazioni di spegnimento dell'incendio sul traghetto La Superba
Concluse oggi le operazioni di spegnimento dell'incendio sul traghetto La Superba
Palermo
Sono durate due settimane
Il gruppo logistico francese STEF ha chiuso il 2022 con un fatturato annuale record
Parigi
In Italia - ha reso noto l'azienda - l'attività è stata particolarmente interessata dal calo del consumo alimentare
Gara del governo indiano per la realizzazione di un grande porto container di transhipment nell'Oceano Indiano
New Delhi
Gara del governo indiano per la realizzazione di un grande porto container di transhipment nell'Oceano Indiano
Avrà una capacità di 16 milioni di teu. Previsto un investimento di cinque miliardi di dollari
A causa della guerra in Ucraina il Registro navale cipriota ha perso 3,7 milioni di tsl
Nel 2022 il porto di Marsiglia Fos ha movimentato 77 milioni di tonnellate di merci (+3%)
Marsiglia
Nel 2022 il porto di Marsiglia Fos ha movimentato 77 milioni di tonnellate di merci (+3%)
Record dei container. Il traffico complessivo dei passeggeri è tornato ai livelli pre-pandemia
Il porto di New York ha stabilito un nuovo record storico di traffico annuale dei container
New York
Flessione dell'attività nel quarto trimestre del 2022
Le proposte di Conftrasporto per il settore dei trasporti e della logistica
Roma
Salvini: ho chiesto al commissario europeo dei Trasporti l'avvio della procedura d'infrazione nei confronti dell'Austria
Nuovo ricorso di Grimaldi Euromed contro l'ok al piano di concordato preventivo della Moby
Milano
È stato omologato dal Tribunale di Milano lo scorso 24 novembre
Intelligenza artificiale e navigazione autonoma
Tokyo
Sono i campi d'attività in cui coopereranno le giapponesi NYK e Ghelia
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
Costanza
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
I container sono stati pari a 772.046 teu (+22,2%)
Soddisfazione di Confitarma per l'ok della commissione parlamentare UE alle disposizioni sul credito navale
Roma
Da molti anni - sottolinea la Confederazione - ci battiamo affinché, a fini regolamentari bancari, il credito navale venga gradualmente assimilato a quello infrastrutturale
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Investire nella Blue Economy per creare posti di lavoro, aumentare i livelli di reddito e ridurre le emissioni
Losanna
Lo suggerisce uno studio scientifico pubblicato su “Frontiers in Marine Science”
Inaugurata ad Arenzano la nuova Scuola di Alta Formazione per Medici di Bordo
Arenzano
Messina (Assarmatori): è una risposta concreta alla necessità reale e impellente di garantire la salute e la sicurezza di chi naviga
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti sudcoreani è diminuito del -2,3%
Seul
I container sono stati pari a 28,8 milioni di teu (-4,1%)
Iniziativa per attivare a Livorno un percorso ITS dedicato alla logistica e ai trasporti
Livorno
A Noghere un nuovo polo produttivo integrato al porto di Trieste
Trieste
L'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale ha acquistato un'area di 350.000 metri quadri
Lunedì a Rapallo si terrà la prima edizione di “Shipping, Transport&Intermodal Forum”
Genova
Verranno analizzate la situazione attuale e le prospettive del comparto marittimo e logistico
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due dei gruppi tecnici dell'associazione: quello specializzato sul tema dei rapporti porto-città e quello degli urbanisti
Corsica Sardinia Ferries partecipa al progetto di Neoline per realizzare una nave ro-ro a vela
Corsica Sardinia Ferries partecipa al progetto di Neoline per realizzare una nave ro-ro a vela
Vado Ligure
Sarà impiegata su una rotta transatlantica
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
RINA ha comprato l'americana Patrick Engineering
Genova
È un'azienda di consulenza ingegneristica attiva principalmente nei settori infrastrutture, trasporti ed energie rinnovabili
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile