testata inforMARE
31 gennaio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
21:44 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXV - Numero 9/2007 - SETTEMBRE 2007

Porti

Tangeri: la realizzazione di un sogno africano

Con un pescaggio sino a 18 metri, due enormi terminal contenitori ed installazioni per traghetti, ro-ro ed altri traffici merci, il Tangier Med è pronto a diventare un nuovo importante porto strategico all’ingresso del Mediterraneo, così come il motore dello sviluppo dell’intero Marocco settentrionale.

Le prime infrastrutture dovrebbero essere inaugurate al più presto, entro la seconda metà di quest’anno.

Il cuore dello sviluppo sarà costituito da un’area per containers equipaggiata con 16 gru a cavaliere ed una banchina da 1.600 metri suddivisa in due sezioni, ciascuna delle quali con un proprio operatore.

Alla APM Terminals, consociata della Maersk, è stata assegnata una concessione trentennale al fine di condurre le operazioni nella prima delle due sezioni.

La concessione per l’altro terminal sarà gestita da un’associazione fra la tedesca Eurogate e l’italiana Contship, che già gestisce 11 terminal nel Mare del Nord, nel Mediterraneo e nell’Atlantico.

La APM Terminals sta investendo 150 milioni di euro da qui al 2010 allo scopo di assicurare un terminal con una capacità annua di 1,5 milioni di TEU che farà parte della rete globale della Maersk.

La maggiore linea di navigazione containerizzata a livello mondiale per lungo tempo si è servita di uno hub di trasbordo ad Algesiras, nel sud della Spagna, dove le possibilità di espansione sono limitate, ed ora sta rapidamente costruendo altri hub in tutto il Mediterraneo: uno dei più recenti è costituito dal Port Said East all’ingresso del Canale di Suez, all’altri capo del Mediterraneo.

In programma presso il Tangier Med vi sono altresì un’infrastruttura ro-ro dedicata, due ormeggi per merci generali adibiti a carichi quali cereali e mangimi animali ed una stazione per carburanti, tutte situate nella medesima “baia industriale” di quella per i containers.

Appena fuori da quest’ultima, vi sarà una distinta baia per i traghetti con otto ormeggi ed una capacità annuale di 5 milioni di passeggeri, 1 milione di automobili e 500.000 camion.

Si dice che, una volta in funzione tutte le infrastrutture, il porto nel suo complesso potrà rivaleggiare con Durban quale più grande porto africano.

Inoltre, i dirigenti del Tangier Med sperano che il porto possa presto affermarsi come una della manciata di infrastrutture containerizzate che nel mondo sono in grado di accogliere la nuova generazione di navi-madre da 12.000 TEU ed oltre.

“Il viaggio attorno al mondo più logico prevede cinque o sei fermate” afferma El Mostafa Almouzani, direttore dei lavori di costruzione del porto, ritenendo senza dubbio che lo Stretto di Gibilterra possa dimostrarsi una di loro.

Il porto di Algesiras sta collaborando con il Tangier Med al fine di istituire condizioni tariffarie comuni per rafforzare la posizione dello stretto quale centro di potere dei traffici mondiali.

L’infrastruttura dal lato terrestre dovrebbe altresì dimostrarsi la chiave per lo sviluppo sia del Marocco, sia dell’Africa settentrionale.

Sono stati programmati attorno al porto un gruppo zone logistiche e zone franche - tra cui una zona franca portuale da 130 ettari con 49.000 metri quadrati di magazzini che verrà gestita dalla Jebel Ali Free Zone International della Dubai World - così come una serie di migliorate connessioni stradali e ferroviarie con il resto del Marocco ed oltre.

Così facendo, il Tangier Med andrà a porre rimedio ad uno storico squilibrio nello sviluppo del paese che, sin dall’indipendenza, ha favorito le regioni occidentali attorno a Casablanca.

I soli lavori di realizzazione del progetto, gestiti dalla società statale Tangier Med Special Operations, stanno offrendo impiego a qualcosa come 25.000 maestranze locali, così come la visione di un più prospero futuro all’intero paese.

Con il suo prezzo complessivo nell’ordine di circa 1 miliardo di dollari USA - di cui 390 milioni di dollari destinati al solo porto - esso resta meno costoso del sogno nazionale, rappresentato dalla costruzione un giorno di un tunnel sotto lo stretto per unire i due continenti.
(da: PortStrategy, luglio/agosto 2007, pag. 37)



DALLA PRIMA PAGINA
Il porto di Palermo stabilisce un proprio nuovo record storico di traffico delle merci
Il porto di Palermo stabilisce un proprio nuovo record storico di traffico delle merci
Palermo
Interamente recuperata la quota di passeggeri persa a causa della pandemia
Trimestre di accentuata flessione dei risultati finanziari per ONE
Trimestre di accentuata flessione dei risultati finanziari per ONE
Singapore
Nel periodo ottobre-dicembre il volume d'affari è calato del -24,9%
Hapag-Lloyd ha archiviato il 2022 con risultati finanziari record
Amburgo
Inversione del trend nell'ultimo trimestre dell'anno
Porto di Gioia Tauro, prima spedizione via treno di auto provenienti dalla Cina
Porto di Gioia Tauro, prima spedizione via treno di auto provenienti dalla Cina
Gioia Tauro
Le vetture sono dirette al centro-nord Italia
Gli storici marchi Hamburg Süd e Sealand scompariranno
Copenhagen
Verranno sostituiti dal brand Maersk
Federlogistica denuncia che il processo di digitalizzazione dei porti è allo sbando
Roma
La Federazione sottolinea che non è stato speso un singolo euro delle risorse messe a disposizione dal PNRR e manca un disegno di grande profilo
Saldo negativo per -25,6 miliardi del commercio estero italiano con i paesi extra UE nel 2022
Concluse oggi le operazioni di spegnimento dell'incendio sul traghetto La Superba
Concluse oggi le operazioni di spegnimento dell'incendio sul traghetto La Superba
Palermo
Sono durate due settimane
MSC includerà il porto di Livorno nel servizio West Med - Middle East/India
Ginevra
Il collegamento ha frequenza settimanale
UPS registra un calo del fatturato dopo 40 trimestri consecutivi di crescita
Atlanta
UPS registra un calo del fatturato dopo 40 trimestri consecutivi di crescita
Nel 2022 i ricavi hanno superato per la prima volta i 100 miliardi di dollari
Nel 2022 i ricavi del gruppo Wärtsilä sono aumentati del +22%
Helsinki
Il valore delle nuove commesse è cresciuto del +6%
Nel 2023 nei porti sardi sono attesi oltre 400mila crocieristi rispetto ai 221mila dello scorso anno
Cagliari
Ad oggi sono programmati 191 scali ai porti di Cagliari, Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano e Arbatax
Nuovo ricorso di Grimaldi Euromed contro l'ok al piano di concordato preventivo della Moby
Milano
È stato omologato dal Tribunale di Milano lo scorso 24 novembre
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Intelligenza artificiale e navigazione autonoma
Tokyo
Sono i campi d'attività in cui coopereranno le giapponesi NYK e Ghelia
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
Costanza
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
I container sono stati pari a 772.046 teu (+22,2%)
Soddisfazione di Confitarma per l'ok della commissione parlamentare UE alle disposizioni sul credito navale
Roma
Da molti anni - sottolinea la Confederazione - ci battiamo affinché, a fini regolamentari bancari, il credito navale venga gradualmente assimilato a quello infrastrutturale
Investire nella Blue Economy per creare posti di lavoro, aumentare i livelli di reddito e ridurre le emissioni
Losanna
Lo suggerisce uno studio scientifico pubblicato su “Frontiers in Marine Science”
Inaugurata ad Arenzano la nuova Scuola di Alta Formazione per Medici di Bordo
Arenzano
Messina (Assarmatori): è una risposta concreta alla necessità reale e impellente di garantire la salute e la sicurezza di chi naviga
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti sudcoreani è diminuito del -2,3%
Seul
I container sono stati pari a 28,8 milioni di teu (-4,1%)
Iniziativa per attivare a Livorno un percorso ITS dedicato alla logistica e ai trasporti
Livorno
A Noghere un nuovo polo produttivo integrato al porto di Trieste
Trieste
L'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale ha acquistato un'area di 350.000 metri quadri
Lunedì a Rapallo si terrà la prima edizione di “Shipping, Transport&Intermodal Forum”
Genova
Verranno analizzate la situazione attuale e le prospettive del comparto marittimo e logistico
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile