testata inforMARE
29 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
16:31 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXIII - Numero 15 NOVEMBRE 2015

TRASPORTI ED AMBIENTE

I VETTORI DI FRONTE AD UN MARE DI VERDE

Anche se i vettori marittimi si stanno dando da fare per ridurre le proprie emissioni di gas serra al fine di conformarsi a vari regolamenti, le organizzazioni internazionali vorrebbero che essi facessero ancora di più, pagando un'imposta sul carbonio.

Ad esempio, mentre i paesi di tutto il mondo si stanno preparando per l'importante summit sui cambiamenti climatici COP21 che si svolgerà a Parigi alla fine del mese, lo ITF (International Transportation Forum), un ente intergovernativo dell'OCSE, sta chiedendo l'introduzione di una tassa sul carbonio nel trasporto marittimo di circa 25 dollari USA per tonnellata di CO2 per tenere a freno le emissioni nei decenni a venire.

Per di più, l'ITF afferma che gli operatori dovrebbero ridurre della metà le proprie emissioni di carbonio nel corso dei prossimi 35 anni, fino a conseguire emissioni zero entro il 2080.

"L'impatto sui traffici marittimi sarebbe marginale se la tassa venisse fissata a circa 25 dollari USA per tonnellata di CO2" si legge in un rapporto dell'ITF.

Il forum aggiunge che le entrate derivanti da una tassa sul carbonio assicurerebbe una "notevole fonte" di finanziamento - circa 26 milioni di dollari USA - al Fondo Verde per il Clima dell'ONU e comporterebbe altresì il dirottamento di una parte di quel denaro verso i paesi più poveri.

La proposta di imposta dell'ITF non è esattamente popolare presso i circoli dello shipping.

In una dichiarazione del mese scorso, la ICS (International Chamber of Shipping), che rappresenta gli operatori marittimi di tutto il mondo, afferma che la tassa sarebbe "quasi tre volte più alta del prezzo del carbonio pagato dalle industrie a terra nei paesi sviluppati".

Il segretario generale dell'ICS, Peter Hinchliffe, ha aggiunto: "Anche se il trasporto marittimo attualmente può darsi che abbia emissioni di CO2 paragonabili ad una delle maggiori economie dell'OCSE, è inappropriato che l'ITF proponga che il settore debba essere trattato come un'economia dell'OCSE".

L'ICS ha sottolineato come la comunità dello shipping sia "impegnata a ridurre la CO2 ed abbia un ruolo nelle iniziative finalizzate a contribuire al conseguimento dell'obbiettivo "di secondo grado" sul cambiamento climatico dell'ONU".

Peraltro, la UNFCCC (Convenzione quadro dell'ONU sul cambiamento climatico) ha riconosciuto che "i paesi sviluppati ed in via di sviluppo dovrebbero accettare impegni diversi, ed il trasporto marittimo non presenta una situazione differente, specialmente alla luce del suo ruolo decisivo nella movimentazione di quasi il 90% dei traffici globali".

Tuttavia, si legge nel rapporto dell'ITF, "sarebbe strano se ci si aspettasse che i paesi aderissero agli obiettivi di emissione ma non lo facesse il settore dello shipping, specialmente dal momento che sarebbe impossibile spartire fra i paesi le emissioni derivanti dal trasporto marittimo".

"Ci aspettiamo davvero che prima o poi lo shipping venga regolamentato in ordine alla CO2" afferma John Kornerup Bang, primo consulente sui cambiamenti climatici del gruppo Maersk, armatore della più grande flotta di navi portacontainer del mondo.

"Alcuni vettori gestirebbero la cosa meglio di altri" ha dichiarato in un articolo pubblicato dalla Reuters.

La Maersk afferma di avere programmato la riduzione delle emissioni di CO2 derivanti dalle navi del 60% entro il 2020.

Secondo la IMO (International Maritime Organization) il trasporto marittimo ha ridotto le emissioni di CO2 sino al 2,2% del totale mondiale dal 2,8% nel periodo quinquennale che va fino a 2012.

Ma lo studio dell'IMO prevede che le emissioni di CO2 indotte dal trasporto marittimo potrebbero crescere del 50% circa entro il 2050 a seconda del ritmo dei traffici mondiali e di quali iniziative verranno intraprese per tenere a freno le emissioni.

Le emissioni navali non sono state prese in considerazione nel contesto degli impegni ai sensi del Protocollo di Kyoto del 1997 dell'ONU, che in quel momento ha ceduto all'IMO il controllo riguardo alla riduzione delle emissioni del settore.

Fino a poco tempo fa, le nazioni sono state in genere riluttanti ad accettare in modo unificato la normativa sulle emissioni nel settore dello shipping, temendo che le regole potessero essere poco maneggevoli da gestire mentre potenzialmente vanno ad impattare sulla maggior parte dei traffici mondiali.

Tuttavia, quei giorni sembrano essere finiti.

È il momento di passare al Piano B e forse di più.

Uno di tali piani è divenuto manifesto recentemente dal momento che 190 portacontainer, per un totale di oltre 2 milioni di TEU, sono state ordinate dagli operatori nel corso dei primi nove mesi di quest'anno: secondo un rapporto di Alphaliner, più del quantitativo annuo ordinato in ciascuno degli ultimi sette anni.

La ragione? Le ordinazioni di navi devono essere effettuate prima dell'implementazione delle nuove regole dell'IMO Livello III sulle emissioni navali.

Alle navi le cui chiglie sono state approntate prima del 1° gennaio non è richiesto di far fronte alle costose disposizioni di conformità ai sensi delle nuove regole dell'ONU, che riguardano le emissioni di NOx.
(da: cargobusinessnews.com, 9 novembre 2015)



DALLA PRIMA PAGINA
Uniport sollecita misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti
Roma
Chiesta anche una sterilizzazione dell'indicizzazione annuale dei canoni di concessione demaniali per il triennio 2023-2025
Analisi dell'UNCTAD sul trasporto marittimo nel 2021, anno di ripresa e da incorniciare per il segmento dei container
Ginevra
Futuro all'insegna dell'incertezza. Tra agosto e settembre i noli dei servizi containerizzati sono calati drasticamente, ma risultano comunque più che doppi rispetto alle medie pre-pandemia
L'ultima lettura del barometro della WTO sugli scambi mondiali delle merci indica “pioggia”
Ginevra
Atteso un rallentamento del commercio anche nel 2023
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Porto di Gioia Tauro, ok del Comitato di gestione all'abbattimento delle tasse d'ancoraggio
Gioia Tauro
Stanziate le risorse per la realizzazione della struttura polifunzionale di ispezione transfrontaliera
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile