testata inforMARE
9 febbraio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
00:24 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 NOVEMBRE 2019

SICUREZZA E PROTEZIONE

GLI INCIDENTI DI ORMEGGIO DELLE NAVI

Può forse sorprendere il fatto che le cose normalmente vadano storte nel corso delle procedure di ormeggio delle navi, in particolare in termini di manovre nell'area portuale e di attracco.

In relazione all'interfaccia fra nave e porto, si legga quanto segue per comprendere l'esperienza e le modalità del TT Club in ordine alla mitigazione dei rischi.

Le operazioni coinvolte nell'ormeggio delle navi dipendono in grande misura dall'interazione umana e molti incidenti hanno la propria causa scatenante proprio da essa.

Quando le cose vanno storte, ne può risultare un danno per la nave stessa, per l'ormeggio e le gru in banchina, ed esiste un potenziale che si verifichi un inquinamento, nonché, forse in modo più preoccupante, ne possono risultare lesioni per i membri dell'equipaggio e per il personale di terra.

Le due aree principali per l'aumento del rischio sono le manovre della nave in porto e le procedure di attracco: le prime espongono la nave a collisioni ed urti mentre le seconde comportano principalmente lesioni o decessi per l'equipaggio o per il personale dedicato all'attracco.

Nella maggior parte delle località, l'ormeggio implica l'impegno combinato delle pilota e del comandante per ottenere l'ormeggio sicuro di una nave.

Inevitabilmente, le buone comunicazioni e la reciproca comprensione dei rispettivi ruoli sono decisivi per la sicura conduzione della nave nelle acque di pilotaggio, essenzialmente mediante l'integrazione del pilota nella squadra di governo della plancia.

Il compito primario del pilota è quello di fornire accurate informazioni al fine di assicurare una navigazione sicura, mentre al comandante spetta la responsabilità finale per la sicurezza della nave.

Si è dimostrato assai probabile il fatto che sorgano questioni quando per il comandante il porto costituisce una novità e/o il pilota non abbia avuto precedenti esperienze in ordine alle dimensioni o al tipo di scalo della nave in porto.

Ne consegue che le autorità portuali ed i piloti devono assicurare che siano in atto un addestramento, i sistemi e le procedure adeguati al servizio delle navi che dovranno movimentare.

I guasti degli equipaggiamenti relativi al motore o all'elica sono una causa di collisioni o urti fra navi.

Dal punto di vista della nave, dovrebbero essere predisposti e rispettati sistemi e procedure di manutenzione appropriati, compresa la rigorosa adesione al Sistema di Gestione della Sicurezza della nave.

Allo stesso modo, occorre che le autorità portuali dispongano di un numero sufficiente di rimorchiatori dotati di potenza bastante, tenendo conto in particolare della modifica dei requisiti del cliente, come quelli relativi alle navi più grandi.

Le attività di ormeggio

Far sì che una nave venga lavorata rapidamente richiede che i verricelli siano in buono stato di funzionamento e che le cime siano in condizioni ottimali.

Qualora fossero in cattive condizioni o danneggiate, le cime dovrebbero essere sostituite da materiale di ricambio.

Tutte le cime, i cavi ed i legami utilizzati per l'attracco dovrebbero essere certificati (e la documentazione dovrebbe essere messa a disposizione a fini di ispezione).

È anche importante che tutti i punti di lubrificazione dei verricelli siano indenni, funzionino correttamente e non siano coperti da vernice.

In molti porti può darsi che ci siano delle bitte che possano non essere state controllate da decenni.

Attualmente non c'è alcuno standard internazionale per far sì che le bitte siano sufficienti quanto al numero, alla qualità ed alla capacità, così come che siano situate in modo adeguato al tonnellaggio che probabilmente scalerà ciascun ormeggio.

Potrebbe essere appropriato affidarsi a collaudi non distruttivi per verificare la resistenza delle bitte.

Tecnologie emergenti che offrono sistemi di attracco a ventosa e magnetici possono migliorare la sicurezza personale ed il fissaggio delle navi.

Tali tecnologie dispensano le linee di ormeggio da - e perciò eliminano nei confronti della nave e del personale portuale - i rischi inerenti all'uso degli ormeggi e dei verricelli.

I vantaggi in termini di sicurezza possono essere significativi, mentre le considerazioni operative ed infrastrutturali possono altresì giustificare la loro installazione.

Le tradizionali operazioni di ormeggio a bordo delle navi espongono l'equipaggio al pericolo; occorre che esso venga addestrato a fondo e si familiarizzi con il contesto fisico.

Una questione ricorrente negli incidenti di ormeggio è quella per cui i marittimi sono presenti in aree esposte a lesioni quando le cime si slegano, spesso a causa di insufficiente addestramento.

Dal lato di terra, è necessario disporre di personale sufficiente che sia capace di far attraccare la nave in modo sicuro ed efficiente.

C'è bisogno che tutto il personale dedicato all'ormeggio venga addestrato e si familiarizzi con i cavi, le zone di rimbalzo ed i pericoli correlati alle operazioni di ormeggio.

Il fattore tempo

Le avverse condizioni meteorologiche possono apportare altri notevoli rischi per una nave in ambito portuale.

Il vento può causare cambiamenti di rotta e derive inattesi; la mancata corretta compensazione a causa del vento nel corso dell'ormeggio è una causa frequente di incidenti al riguardo.

Occorre che il comandante ed il pilota nei loro calcoli tengano conto dell'impatto delle condizioni del vento, unitamente alle maree, alle correnti e al moto ondoso che anch'essi possono comportare effetti su una nave che si prepara ad attraccare o a salpare.

La maggior parte dei porti consentono l'ormeggio e il disormeggio solo quando la velocità del vento è inferiore ad un certo livello, generalmente fra i 20 ed i 30 nodi, e prendono altresì in considerazione la direzione del vento, le maree, le correnti ed il moto ondoso.

È comune per le località particolarmente soggette alle tempeste tropicali o stagionali mettere in atto procedure aggiuntive quando le navi prendono il mare nel caso sia previsto brutto tempo.

L'esperienza mostra che le condizioni del tempo insolite e bizzarre stanno diventando più prevalenti; di conseguenza, è una buona pratica per tutti i porti quella di istituire piani di emergenza adeguati.

Il rischio che le linee di ormeggio delle navi si infrangano in caso di condizioni di brutto tempo è notevole; la disponibilità di linee di ormeggio in più o di rimorchiatori in preallarme, sebbene necessaria, potrebbe essere difficile da utilizzare in condizioni avverse.

Ovviare alle limitazioni

Operativamente, avrebbe senso sia per porti e terminal sia per le navi che le gru da banchina venissero posizionate in modo tale da essere pronte a lavorare senza indugio.

Ciononostante, mentre una nave è all'ormeggio, l'ubicazione più sicura per sistemare le gru da banchina sarebbe lontano dall'ormeggio assegnato.

Questo è in genere impossibile a causa della lunghezza dell'ormeggio e dalla localizzazione delle altre operazioni.

Per la maggior parte delle destinazioni d'uso, la localizzazione meno rischiosa per la sistemazione delle gru da banchina nel corso dell'ormeggio di una nave è al centro dell'ormeggio dedicato; questo mitiga l'esposizione alla prua ed alla poppa che più probabilmente andranno ad impattare l'ormeggio nel caso che si perda il controllo della nave.

Riassumendo, occorre che i portatori di interesse da entrambi i lati dell'interfaccia nave/porto si concentrino sulle proprie questioni, assicurando nel contempo che ci siano effettive comunicazioni pregresse e contestuali nonché piani che gli consentano di lavorare assieme per gestire la sicurezza della gente, delle risorse e dell'ambiente.
(da: hellenicshippingnews.com, 13 novembre 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Nel 2022 le merci nel porto di Napoli sono cresciute del +6,3%, mentre a Salerno sono calate del -15,8%
Nel 2022 le merci nel porto di Napoli sono cresciute del +6,3%, mentre a Salerno sono calate del -15,8%
Napoli
Ripresa dei crocieristi e dei passeggeri di linea
Il porto di Ravenna ha chiuso il 2022 con i nuovi record delle merci e delle crociere
Il porto di Ravenna ha chiuso il 2022 con i nuovi record delle merci e delle crociere
Ravenna
Stupefacente l'incremento dei cereali, in particolare le importazioni dall'Ucraina (664mila tonnellate, +195,4%)
Nel cantiere genovese di Fincantieri la cerimonia della moneta di Explora II
Nel cantiere genovese di Fincantieri la cerimonia della moneta di Explora II
Genova
La nuova nave da crociera sarà consegnata a Explora Journeys (gruppo MSC)ad agosto 2024
Wallenius Wilhelmsen chiude il 2022 con risultati record
Oslo
Wallenius Wilhelmsen chiude il 2022 con risultati record
I ricavi sono cresciuti del +30%
In Lombardia il primo accordo territoriale per il welfare nel settore logistica, trasporto merci, e spedizione
Milano
È stato siglato da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Alsea
Maersk registra performance finanziarie annuali record nonostante un quarto trimestre negativo
Maersk registra performance finanziarie annuali record nonostante un quarto trimestre negativo
Copenhagen
Nel 2022 i carichi trasportati dalle navi sono diminuiti del -8,9%
Nel quarto trimestre del 2022 l'attività operativa e i ricavi di Royal Caribbean sono tornati a livelli pre-pandemia
Nel quarto trimestre del 2022 l'attività operativa e i ricavi di Royal Caribbean sono tornati a livelli pre-pandemia
Miami
Giro d'affari record per questo periodo dell'anno
Nel 2021 nell'UE i servizi di short sea shipping hanno trasportato 1,78 miliardi di tonnellate di merci (+6,0%)
Bruxelles
In Italia il totale è stato di 314,5 milioni di tonnellate (+9,7%)
T&E denuncia che la Spagna impedisce un accordo in sede UE sulla decarbonizzazione dello shipping
Bruxelles
Madrid si opporrebbe alla sotto-quota del 2% di RFNBO proposta dal Parlamento europeo
ST Engineering compra un cantiere di riparazioni navali della Keppel Offshore & Marine
Singapore
È situato nell'area di Tuas, a Singapore
Accordo tra Accademia Italiana della Marina Mercantile e l'AdSP Ligure Orientale
La Spezia
Prevede lo studio e l'analisi dei fabbisogni formativi dei lavoratori dei terminal portuali della Spezia e di Marina di Carrara
CMA CGM starebbe per acquisire la compagnia di navigazione La Méridionale
Marsiglia
Trattative in corso con il gruppo STEF
Pino Musolino è stato eletto presidente di MEDPorts
Pino Musolino è stato eletto presidente di MEDPorts
Tunisi
Jordi Torrent è stato nominato segretario generale dell'associazione
Le componenti positive del reddito generate da “certificati bianchi” possono essere assoggettate alla tonnage tax
Roma
Lo ha chiarito l'Agenzia delle Entrate rispondendo ad un'istanza del gruppo Grimaldi
Lo scorso anno il traffico dei container movimentato da HPH Trust è diminuito del -7,3%
Singapore
Lo scorso anno il traffico dei container movimentato da HPH Trust è diminuito del -7,3%
Il calo dell'attività si è verificato nella seconda metà del 2022
Aggiudicata la proposta di project financing per la nautica da diporto nel porto di Cagliari
Cagliari
I lavori verranno realizzati in tre anni
CMA CGM e Autorità Portuale di Barcellona sono state autorizzate ad acquisire la Puerto Seco Azuqueca
Madrid
Via libera dell'antitrust spagnola
Deserta anche la terza gara per i collegamenti marittimi con le isole minori sarde
Cagliari
I sindacati esortano a rivedere il bando di gara, in particolare sotto il profilo economico
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel porto di Civitavecchia è stato fermato un traffico illecito di rifiuti diretti in Africa
Civitavecchia
Sequestrate tre partite di merce per un peso complessivo di 32 tonnellate
Gruber Logistics apre due uffici in Turchia
Gruber Logistics apre due uffici in Turchia
Ora
L'obiettivo è incrementare i traffici da e per l'Europa attraverso il porto di Trieste
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti spagnoli è cresciuto del +3,5%
Madrid
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti spagnoli è cresciuto del +3,5%
Riduzione del traffico containerizzato di transito. Nel solo quarto trimestre è stato registrato un calo del -1,1%
DP World si è aggiudicata la gara per realizzare un container terminal nel porto di Deendayal (Kandla)
Gandhidham
Joint venture Drydocks World - Aker Solutions per ammodernare unità FPSO
Marfret incrementa la frequenza del servizio di linea diretto Italia-Egitto
Genova
Immessa una seconda nave
Cargotec e Konecranes registrano nuovi record di ricavi annuali e trimestrali
Helsinki/ Hyvinkää
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti dai due gruppi è aumentato rispettivamente del +9,8% e +23,7%
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti da ABB è cresciuto del +6,7%
Zurigo
I risultati dell'attività commerciale hanno registrato un'attenuazione trimestre dopo trimestre
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Ankara
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Nell'ultimo trimestre del 2022 la riduzione è stata del -5,1%
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
L'Algérie investit 500 millions d'euros au Cameroun
(L'Expression)
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile