ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

23 settembre 2021 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 11:15 GMT+2



14 marzo 2011

Accordo tra Carlyle Group e Seaspan Corporation per investire cinque miliardi di dollari in nuove navi

La joint venture spenderà inizialmente fino a 900 milioni di dollari nei prossimi cinque anni per l'acquisto di portacontainer. Seaspan ha chiuso il 2010 con una perdita netta di 87,7 milioni di dollari

Le società di investimenti Carlyle Group di Washington e Tiger Group Investments di Hong Kong, il gruppo armatoriale Seaspan Corporation e il suo amministratore delegato Gerry Wang e il suo direttore Graham Porter nonché la famiglia Washington del fondatore del gruppo The Washington Companies, Dennis R. Washington, hanno siglato un accordo per la costituzione di una new venture per acquisire navi tra portacontainer, rinfusiere, petroliere e unità di altra tipologia per un valore complessivo di oltre cinque miliardi di dollari.

L'investimento iniziale sarà effettuato nel settore delle navi portacontainer, comparto esclusivamente verso il quale saranno indirizzate le risorse messe a disposizione da Seaspan, Tiger e Washington, ed avrà un valore fino a 900 milioni di dollari nell'arco dei prossimi cinque anni principalmente con l'acquisto di nuove costruzioni per il mercato cinese.

La nuova joint venture, che sarà guidata da Gerry Wang e Graham Porter, avrà l'obiettivo di promuovere la collaborazione tra i cantieri navali, finanziatori e le società pubbliche cinesi. «È crescente - ha spiegato Wang - il desiderio delle società statali cinesi di controllare le navi che trasportano le loro merci in tutto il mondo. Riteniamo che le nostre relazioni consolidate con i cantieri navali mondiali, i noleggiatori e i finanziatori, in particolare nella Repubblica Popolare Cinese, ci permetteranno di continuare a portare avanti con successo il nostro modello di crescita».

L'investimento del gruppo armatoriale Seaspan, tra i cui azionisti figurano Tiger Group Investments e The Washington Companies, ammonterà fino a 100 milioni di dollari. Seaspan deterrà di diritti di opzione sulle portacontainer acquisite dalla nuova società nonché diritti di prelazione sulle portacontainer che la new venture intenderà porre in vendita. «Riteniamo che l'incremento di potere d'acquisto e di scala ottenibili attraverso questa iniziativa, insieme con il diritto di opzione per Seaspan - ha commentato Gerry Wang - costituiranno una maniera valida attraverso cui potremo accrescere la nostra flotta selettivamente ed efficacemente dal punto di vista dei costi e servire meglio i nostri clienti. Inoltre riteniamo che il volume complessivo della nostra attività e di questa iniziativa ci consentirà di spuntare sconti sugli ordini di nuove costruzioni, di negoziare miglioramenti progettuali con i cantieri navali e di ottenere forme di finanziamento delle navi più interessanti rispetto a quelle che altrimenti saremmo stati in grado di ottenere da soli».

Il gruppo Carlyle ha precisato che il propria partecipazione alla new venture avverrà con risorse dei fondi Carlyle Partners V e Carlyle Asia Partners III.

Intanto il gruppo Seaspan Corporation ha chiuso il 2010 con una perdita netta di 87,7 milioni di dollari su ricavi per 407,2 milioni di dollari rispetto ad un utile netto di 145,2 milioni di dollari su ricavi per 285,6 milioni di dollari nell'esercizio 2009. L'utile operativo è ammontato a 189,8 milioni di dollari rispetto a 127,5 milioni di dollari nell'anno precedente.

Seaspan ha reso noto che la società ha siglato un nuovo accordo con Gerry Wang in base al quale quest'ultimo manterrà la carica di amministratore delegato fino al 1° gennaio 2013 e dopo tale data diventerà co-presidente dell'azienda armatoriale.



Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail