testata inforMARE
4 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
16:05 GMT+2


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 31 GENNAIO 2019

LEGISLAZIONE

ENTRA IN VIGORE IL NUOVO REGIME DELL'UNIONE EUROPEA PER UN RICICLAGGIO DELLE NAVI PIÙ SICURO E PIÙ VERDE

A partire dal 31 dicembre 2018 il riciclaggio di tutte le grandi navi marittime che salpano battendo una bandiera dell'Unione Europea potrà essere effettuato solo nei cantieri navali inclusi nella Lista Europea degli impianti per il riciclaggio delle navi.

Questo in conseguenza del Regolamento del Riciclaggio delle Navi dell'Unione Europea, l'unico strumento giuridicamente vincolante e dettagliato sul riciclaggio delle navi in vigore oggi nel mondo, che punta a rendere il riciclaggio delle navi più verde e sicuro.

La lista europea contiene attualmente 26 cantieri navali, la maggior parte dei quali situati nell'Unione Europea ma anche in Turchia e negli Stati Uniti, e ci si aspetta che altri cantieri vengano inclusi nella lista in futuro.

Gli armatori europei possiedono il 35% della flotta mondiale.

Una grande percentuale di tali navi viene smantellata in Asia meridionale, in condizioni spesso nocive per la salute dei lavoratori e per l'ambiente.

Con la piena entrata in vigore del Regolamento dell'Unione Europea sul riciclaggio delle navi, questo non sarà più possibile per le navi battenti bandiera dell'Unione Europea, che dovranno essere smantellate nei cantieri presenti nella lista dell'Unione Europea.

Attraverso questa iniziativa, l'Unione Europea apre la strada ai fini del miglioramento delle condizioni sociali ed ambientali sotto le quali le navi vengono riciclate.

In questa occasione, Karmenu Vella, Commissario Europeo per l'Ambiente, gli Affari Marittimi e la Pesca, ha visitato il 14 gennaio uno dei più attivi cantieri di riciclaggio delle navi in Europa a Gand, in Belgio, al fine di assistere direttamente alla realtà del riciclaggio delle navi in Europa e scambiare opinioni con i rappresentanti di questo settore.

Il Commissario Vella ha dichiarato: "Per troppo tempo le navi dell'Unione Europea sono state smantellate in cattive condizioni ambientali e sociali.

La piena entrata in vigore del Regolamento dell'Unione Europa sul riciclaggio delle navi rappresenta una pietra miliare per questo settore, poiché esso assicura per la prima volta regole chiare e specifiche su come le navi battenti bandiera dell'Unione Europea dovrebbero essere riciclate.

Come altre attività di riciclaggio, il riciclaggio delle navi può essere espletato in modo sostenibile, in maniera tale da andar bene ai lavoratori, all'ambiente ed all'economia.

Questo è ciò che avviene al cantiere di riciclaggio delle navi di Gand e questo è ciò a cui mira l'Unione Europea.

Noi contiamo su tutti gli attori del settore per lavorare costruttivamente con noi affinché ciò avvenga".

Il Regolamento sul Riciclaggio delle Navi adottato nel 2013 punta a ridurre gli impatti negativi correlati al riciclaggio delle navi che battono la bandiera degli stati membri dell'Unione Europea, definendo i requisiti che le navi e gli impianti di riciclaggio debbono soddisfare allo scopo di far sì che il riciclaggio delle navi si svolga in un ambiente sano ed in maniera sicura.

La lista è redatta dalla Commissione, in stretta cooperazione con gli stati membri dell'Unione Europea, e viene regolarmente aggiornata per includervi i cantieri navali conformi a rigorosi standard di sicurezza ed ambientali.

La Commissione sta attualmente valutando le domande per essere inserite nella lista dell'Unione Europea da parte di più di altri 20 cantieri, situati in gran parte in India e Turchia.

A livello internazionale, la Convenzione Internazionale di Hong Kong per il Riciclaggio delle Navi Sicuro ed Ecocompatibile è stata adottata nel 2009 ma non è entrata in vigore in quanto è stata ratifica da un numero insufficiente di parti.

In assenza di specifiche regole globali sul riciclaggio delle navi, il Regolamento dell'Unione Europea è la sola disciplina dedicata legalmente vincolante a regolare queste attività.

Il settore del riciclaggio delle navi - che smantella le navi vecchie e destinate alla demolizione consentendo il riuso di materiali preziosi - è un importante fornitore di acciaio nonché parte importante dell'economia di molti paesi, come il Bangladesh, l'India, il Pakistan e la Turchia.

Il riciclaggio di rottami metallici derivanti dalle navi riduce altresì la necessità di estrazioni minerarie, una pratica ambientalmente dannosa.

In tal modo, esso è parte fondamentale dell'economia circolare che si propone di minimizzare i rifiuti e di riciclare alcune materie all'infinito.
(da: hellenicshippingnews.com, 14 gennaio 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile