testata inforMARE
4 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
14:42 GMT+2


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 30 GIUGNO 2019

TRASPORTI ED AMBIENTE

FUNZIONARIO DELL'UNIONE EUROPEA DICHIARA CHE SE NECESSARIO GLI OBIETTIVI DI DECARBONIZZAZIONE DEL TRASPORTO SARANNO RIVISTI

Sebbene la REDII (Nuova Direttiva sull'Energia Rinnovabile) abbia stabilito obiettivi minimi di compromesso per contribuire a decarbonizzare il settore dei trasporti, l'esecutivo dell'Unione Europea si riserva il diritto di intraprendere nuovamente iniziative al riguardo se necessario, afferma un funzionario della Commissione.

Mercoledì 12 giugno la Green Energy Platform guidata dal gruppo di esperti Farm Europe ha organizzato un seminario a Bruxelles allo scopo di presentare i risultati dello studio "2030 Transport Decarbonisation Options" condotto dalla ditta di consulenze Navigant (già Ecofys).

Le versioni definitive dei NECPs (Piani Integrati per il Clima e l'Energia Nazionali) che gli stati membri debbono presentare alla Commissione sono attesi nei prossimi mesi ai sensi delle Regole sulla Condivisione degli Impegni.

Secondo il rapporto, i NECPs dovrebbero anche essere considerati come una buona occasione per sottolineare nuove iniziative politiche e presentare diverse soluzioni per affrontare la decarbonizzazione dei trasporti, dato che i soli obiettivi della REDII non sono considerati bastevoli per ridurre il dominio dei fossili nel settore dei trasporti.

"La REDII non è molto ambiziosa riguardo agli obiettivi della decarbonizzazione.

E non è un segreto che la proposta originaria della Commissione fosse più ambiziosa anche rispetto ai biocarburanti" afferma Bernd Kuepker della DG ENER della Commissione.

D'altro canto, il funzionario sottolinea come il compromesso raggiunto con la REDII abbia stabilito un quadro assai solido, tenendo conto di molte metodologie e molti approcci al fine di affrontare questioni diverse, quale la definizione del basso od alto rischio del cambiamento indiretto dell'uso del territorio (fattori di rischio iLUC).

"Essi potrebbero non sembrare enormi ma abbiamo fissato un obiettivo minimo ed ora gli stati membri possono andarvi oltre al fine di conseguire altri obiettivi" aggiunge Kuepker.

Poiché la Commissione è stata costretta ad abbassare le proprie ambizioni nel corso dei negoziati interistituzionali, EURACTIVE ha chiesto se essa avesse preso in considerazione anche una sorta di piano di riserva con la possibilità di intraprendere azioni correttive nel caso che gli esperti della Commissione dovessero comprendere che l'Unione Europa non centrerebbe il più ampio obiettivo della decarbonizzazione.

Il funzionario dell'Unione Europea ha risposto che nel testo della direttiva era stata prevista una qualche forma di revisione prima del 2023, così come una revisione generale.

"Vedremo.

È solo un'ipotesi, ma sono sicuro che, poiché la Commissione ha il diritto di iniziativa, essa agirà se riterrà necessario farlo" ha dichiarato.

Costi di abbattimento del carbonio

Lo studio presentato in occasione del seminario è stato condotto in nove stati membri dell'Europa centro-orientale e rappresenta un tentativo di valutare il costo di abbattimento del carbonio delle diverse soluzioni tecnologiche disponibili al fine di contenere le emissioni di gas serra.

La sfida della riduzione delle emissioni di carbonio nel trasporto stradale è essenziale per gli obiettivi di decarbonizzazione a lungo termine nel 2050.

"Se il trasporto non dovesse conseguire il proprio obiettivo, ad altri settori verrebbe chiesto di più" afferma Carlo Hamlinck, direttore associato della Navigant.

Secondo il rapporto della Navigant, tutte le opzioni sono necessarie in combinazione per conseguire risparmi generali in ordine alle emissioni di gas serra.

In particolare, l'elettrificazione della mobilità ed i biocarburanti sono entrambi considerati essenziali allo scopo di rendere la riduzione delle emissioni di carbonio quanto più possibile redditizia.

Ai fini della individuazione del proprio modello, gli autori dello studio hanno utilizzato le stime relative ai prezzi delle derrate che sono stati forniti dai nove stati membri per il loro sviluppo dei NEPCs.

Lo studio prevede un calo dei costi di riduzione del carbonio entro il 2030 sia per le auto elettriche - dagli attuali 800 euro/tonnellata di CO2 equivalenti a grosso modo 200 euro/tonnellata - e per i biocarburanti, da 200 a 20 euro/tonnellata.

"Siamo partiti dal presupposto che l'incremento dei biocarburanti dev'essere a basso iLUC" sostiene Hamelinck.

L'IPCC (Gruppo di Lavoro sul Cambiamento Climatic dell'ONU) ha anche sottolineato l'esigenza di spingere avanti sia l'elettromobilità che i biocarburanti.

Parlando a margine della COP24 a Katowice in Polonia, la dottoressa Diana Urge-Vorsatz dell'IPCC ha dichiarato a EURACTIV.com che il passaggio alle automobili elettriche è solo una delle opzioni e che ce ne sono un certo numero di altre, come i biocarburanti, che non dovrebbero essere scartate.

"Non c'è dubbio che dovremo prendere in considerazione tutte le opzioni correlate alla mobilità […].

Fra loro ci sono l'elettromobilità, i biocarburanti, la mobilità condivisa e diversi differenti servizi di mobilità in generale" ha detto.

Parlando in occasione della medesima conferenza, Zoltán Szabó, consulente per la sostenibilità nel settore della bioenergia, ha dichiarato che l'Unione Europea ha dovuto far fronte ad un altro decennio perso nella decarbonizzazione del trasporto.

"La ricerca mostra che l'impiego lungimirante sia dell'elettrificazione che dei carburanti sostenibili europei sono essenziali per gli stati membri al fine di conseguire i propri obiettivi NEPC nel trasporto.

Ci sono state un po' di discussioni in ordine al costo per i governi, i consumatori e la società dei costi di abbattimento del carbonio nel trasporto" afferma.

Ha poi aggiunto che è stato dimostrato che l'etanolo prodotto in Europa è quello che procura riduzioni delle emissioni di gas serra al costo più basso di tutte le opzioni disponibili.

"Il Regolamento sulla Condivisione degli Impegni consente agli stati membri la possibilità di formulare politiche appropriate per incrementare l'uso dell'etanolo.

I paesi della comunità economica europea hanno altresì il potenziale per conseguire il massimo di conformità da parte dei paesi con un buon potenziale agricolo.

Occorrerà che i NEPCs siano efficaci dal punto di vista dei costi se dobbiamo rispettare una buona gestione economica riguardo alla mitigazione del cambiamento climatico" afferma Szabó.

La IEA (Agenzia Internazionale per l'Energia) ha dichiarato in un rapporto che la bioenergia è un "gigante sottovalutato" nel mosaico dell'energia rinnovabile e ha previsto che essa rappresenterà la maggior fonte di crescita nel consumo dei rinnovabili nel corso del periodo 2018-2023.

"L'etanolo è molto importante perché fa parte della soluzione in termini di riduzione della dipendenza dall'importazione di petrolio di molti paesi" ha recentemente a EURACTIV il direttore esecutivo della IEA Fatih Birol, aggiungendo che l'etanolo contribuirà a ridurre le emissioni di CO2 del settore dei trasporti così come degli altri settori.
(da: euractiv.com, 17 giugno 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile