testata inforMARE
6 dicembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
11:04 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM dello Shipping
e della Logistica
EGITTO: UN PAESE STRATEGICO NEL DIALOGO EURO-MEDITERRANEO

di Roberto Speciale
membro della commissione affari esteri del Parlamento Europeo
e vicepresidente della delegazione per le relazioni con i Paesi del Mashrek


Roberto Speciale Il Mediterraneo è al centro dell'attenzione dell'Unione Europea e dell'Italia?

Sicuramente in questi ultimi tempi vi è stata una svolta. Nel novembre del '95 la strategia euromediterranea è decollata con enfasi a Barcellona e quest'anno è stata ripresa, con molti meno risultati, per la verità, a Malta.

In questo periodo si sta procedendo a negoziare gli accordi di associazione con tutti i Paesi terzi mediterranei (attualmente "Paesi partner dell'UE") e il programma MEDA è entrato in funzione. Per supportare questa strategia sono stati stanziati finanziamenti per circa 10.000 miliardi di lire, e un ammontare pressoché‚ analogo è disponibile sotto forma di prestiti della Banca Europea per gli Investimenti. Anche l'azione politica e diplomatica del governo italiano si è rimessa in moto in questa parte del mondo.

Vi è stato, finalmente, il riconoscimento formale dell'importanza politica del Mediterraneo. E come potrebbe essere diversamente? Questa è un'area di 250 milioni di persone (che possono diventare rapidamente 350-400 milioni) che necessita di una politica di sviluppo; è una regione percorsa da tensioni e conflitti che si ripercuotono su tutti noi e nella quale quindi è interesse vitale che prevalga la pace, la stabilità, la tolleranza. E poi rappresenta la prima è più immediata proiezione di una politica estera dell'UE che voglia guardare al Sud del mondo.

Tutto bene, allora?

Non credo, perché‚ se guardiamo più da vicino, vediamo i limiti e i problemi che vanno risolti. Nel concreto quella politica È ancora a metà strada e la sua centralità deve essere ancora affermata nei fatti.

Se ne comprendono le ragioni: l'Europa guarda molto all'allargamento dei suoi confini a Est e anche l'Italia, giustamente, considera questo un obiettivo fondamentale. D'altronde, l'area mediterranea è anche un groviglio faticoso di guerre e di estremismi. L'influenza degli USA è molto grande e condiziona e attenua il protagonismo dell'Europa.

A maggior ragione per l'esistenza di queste difficoltà, è necessario che l'Europa e l'Italia esprimano ora un grande impegno e una forte iniziativa politica ed economica o, altrimenti si corre il rischio che quella strategia non decolli veramente e si trasformi in un'occasione perduta.

Ne ho avuto conferma poco tempo fa recandomi in Egitto con una delegazione del Parlamento Europeo. In tutti gli incontri, con il ministero degli Esteri, dell'Agricoltura e del Commercio estero, con la Lega Araba, con i maggiori partiti nazionali, con i rappresentanti della Shura e dell'Assemblea del popolo, con le autorità religiose, il punto di partenza era sempre lo stesso: l'Europa - dicevano i nostri interlocutori - per noi è molto importante, ma non fa abbastanza!

Non fa abbastanza nel processo di pace in Medio Oriente perché‚ non esercita una pressione efficace sugli USA e su Israele, non lo fa sul piano commerciale perché‚ chiede a noi egiziani di liberalizzare la nostra economia ma non apre coerentemente i suoi mercati ai nostri prodotti, agricoli in primo luogo, non lo fa abbastanza sul piano degli aiuti, della cooperazione, degli investimenti.

Vi è una certa esagerazione in queste lamentele? Probabilmente sì, e in qualche caso nasconde una pressione per ottenere di più. Qualche volta vi sono incomprensioni e interessi legittimamente diversi, non appianabili solo con la buona volontà.

Ciò che però voglio mettere in rilievo è che dobbiamo evitare che questo atteggiamento sia l'anticamera di una possibile delusione nei confronti dell'Europa.

Questo fatto sarebbe estremamente grave e comprometterebbe tutta la strategia mediterranea varata così faticosamente. L'Egitto poi è un Paese fondamentale per la sua dimensione, per il ruolo politico che riveste e che potrebbe avere nei processi di pace, per quello che rappresenta dal punto di vista economico e democratico.

L'UE e l'Italia giocano qui una partita determinante, e quindi molto forte deve essere l'attenzione al dibattito e ai sentimenti che si agitano in questo Paese.

Prendiamo la questione della democratizzazione e dei diritti umani. Vi sono aspetti esemplari, la soluzione dei quali è decisiva per questo Paese e per tutta l'area. E' stata risolta la questione della stampa che l'anno scorso ha rischiato di degenerare in una grave crisi e in un esempio nefasto per tutti. La legge sulla stampa prevedeva la possibilità di 15 anni di carcere in caso di "diffamazione". Il presidente Mubarak ha modificato la legge voluta dalla sua maggioranza, frenando l'arbitrio nei confronti dell'informazione: una decisione saggia.

Sui diritti umani è aperto un dibattito molto serio: se lo Stato, nel combattere il terrorismo islamico debba utilizzare metodi perentori e arbitrari oppure no.

In alcuni incontri che abbiamo avuto con docenti dell'università del Cairo e con i rappresentanti di numerose ONG era chiara la posta in gioco: retrocedere o avanzare nella costruzione di uno stato di diritto.

Sussistono molti problemi da questo punto di vista: l'esistenza di 10.000 o di 17.000 detenuti politici (a seconda delle fonti, ufficiali o meno); il trasferimento di procedimenti civili a tribunali militari; la denuncia dell'uso, in qualche caso, della tortura.

La necessità di combattere il terrorismo apre anche il fronte della piena laicità dello Stato. Da qualche parte, infatti, si denuncia il fatto che, per sconfiggere e isolare le frange estreme dell'islamismo, lo Stato si appoggi sempre più l'Islam moderato, e cioè alle autorità religiose, perdendo però così autonomia e contribuendo all'espansione dell'influenza religiosa nella vita pubblica.

Ne abbiamo visto un esempio con la pratica dell'infibulazione (una mutilazione sessuale delle bambine e delle ragazze, diffusa anche in Egitto). Recentemente È stata vietata dal ministero della sanità, ma ripristinata subito dopo, attraverso un ricorso in cui alcune autorità religiose hanno avuto un ruolo determinante.

Personalmente sono testimone dell'ambiguità di tale questione, avendo posto direttamente la domanda al grande sceicco Tantawy che mi ha risposto minimizzando il problema, affermando che si tratta di una pratica popolare e non di un dettame religioso, e che comunque è in via di sparizione.

Questo, com'è chiaro, non è assolutamente vero, tanto più alla luce del successivo pronunciamento contro il decreto del ministro della sanità. L'Egitto su tali questioni si trova su un crinale: gioca il suo futuro di Stato laico, democratico e di diritto. La soluzione di queste vicende avrà ripercussioni notevoli su tutta l'area mediterranea.

Prendiamo un altro campo, quello dello sviluppo. Vi sono aspetti importanti e progressi significativi , ma l'economia è ancora in gran parte caratterizzata dalla esportazione di petrolio e da un tasso di sviluppo inferiore a quello necessario che rischia di mantenere il reddito procapite nel 2005 uguale o inferiore a quello del '95. D'altra parte il debito estero è ancora elevato, seppure calato a 31 miliardi di dollari.

Vi è un'acuta consapevolezza di questi problemi e delle possibili soluzioni: la diversificazione dell'economia, la privatizzazione, graduale e attenta, di alcuni settori pubblici, l'incremento dei rapporti economici e politici con l'UE ma anche con gli altri Paesi dell'area (recentemente si è addirittura costituito un consiglio imprenditoriale egiziano-israeliano). In altre parole, la scelta dell'integrazione. L'aspetto più significativo e del quale si parla ancora in misura insufficiente, è la grande operazione, già in fase attuativa, seppure iniziale, di dar vita ad un secondo Nilo, ad un grande canale, cioè, capace - si dice - di raddoppiare la superficie coltivabile e quindi la produzione di tutto il Paese. Va ricordato che, oggi, in un territorio di quasi un milione di chilometri quadrati e con una popolazione di più di 60 milioni concentrata nelle città e su un territorio di meno di 40.000 chilometri quadrati, la superficie coltivabile è meno di 30.000 km2.

In questa impresa sono entrati in forma massiccia organizzazioni e banche internazionali e investitori privati, non europei, intravedendo una grande operazione economica.

Insomma, l'osservatorio Egitto deve diventare ancor più, nei prossimi anni, un campo privilegiato di interesse dell'UE e dell'Italia, perché‚ qui si imposta una parte significativa della politica mediterranea.

L'Italia ha già interessi diffusi e in particolare commerciali di primaria importanza; è uno dei Paesi, poi, da cui provengono i più consistenti flussi turistici. La politica estera e la politica economica debbono integrarsi sempre più se vogliamo che questa diventi un'area di pace e di stabilità.

L'Italia deve ridare slancio alla cooperazione, da troppo tempo bloccata e insufficiente, deve convogliare l'attenzione delle sue strutture economiche e finanziarie al sostegno dei processi di riconversione economica e di sviluppo dell'Egitto.

L'Europa deve accelerare l'attuazione del programma MEDA e degli altri programmi di intervento in questi territori, deve dare coerenza alla propria azione, mettendo il massimo impegno, senza troppa rigidità, nella conclusione dell'accordo di associazione; deve contribuire allo sforzo di pace dell'Egitto in Medio Oriente, premendo su Israele e sul suo governo perché‚ non faccia prevalere le tentazioni oltranzistiche.

Dobbiamo dimostrare insomma che la politica estera dell'Europa guarda anche e con crescente attenzione al Sud del mondo, per esportare sviluppo e democrazia e per evitare di importare tensioni sociali e instabilità politica.

›››Archivio
DALLA PRIMA PAGINA
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile