testata inforMARE
28 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
19:04 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
Si fa più intenso il confronto tra carrier marittimi containerizzati e gli utenti dei loro servizi in vista della decisione sull'eventuale proroga del CBER
I primi hanno inviato un documento alla Commissione UE motivando le ragioni del rinnovo del regolamento. I secondi hanno spedito una lettera alla commissaria Vestager in cui spiegano che l'attuale sistema premia solo i vettori marittimi
Bruxelles
4 ottobre 2022
Compagnie di navigazione containerizzate e utenti dei servizi di questi vettori marittimi hanno sottoposto nuovamente oggi all'attenzione della Commissione Europea le ragioni secondo le quali i primi ritengono necessaria un'ulteriore estensione della validità del regolamento di esenzione per categoria per lo shipping containerizzato, la cui scadenza attualmente è fissata per il 25 aprile 2024, mentre i secondi sono nettamente contrari a questa ipotesi anche se, rispetto a prima, lasciano intuire che potrebbero forse non essere contrari ad un'estensione della norma se questa venisse modificata recependo le loro osservazioni.

In una lettera a Margrethe Vestager, commissaria europea per la Concorrenza e vicepresidente della Commissione UE, ringraziando per la consultazione sull'efficacia del Consortia Block Exemption Regulation (CBER) (2009/906) avviata dalla Commissione Europea all'inizio di agosto ( del 9 agosto 2022), regolamento che attualmente è al vaglio della Direzione Generale per la Concorrenza della Commissione, le rappresentanze degli utenti dei servizi marittimi di linea hanno evidenziato che «i drammatici cambiamenti avvenuti nel mercato del trasporto dei container dall'ultimo rinnovo nel 2020 ( del 24 marzo 2020, ndr), hanno dimostrato che la natura dell'esenzione per categoria, originariamente destinata a riguardare solo i servizi da porto a porto, ha consentito ai vettori di beneficiare di importanti sviluppi del mercato».

La lettera, firmata da CLECAT, FEPORT, Global Shippers Forum, European Tugowners Association, European Barge Union, International Union for Road-Rail Combined Transport, European Sea Ports Organisation e FIDI Global Alliance, prosegue specificando che i sottoscrittori della missiva sono uniti nel chiedere «un cambiamento del quadro normativo in cui le compagnie di navigazione containerizzate possono cooperare e, quindi, non un'estensione (inalterata) del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi». Regolamenti di esenzione per categoria dell'UE per i consorzi che sono in vigore ininterrottamente dal 1995 e confluiti nell'attuale forma del Consortia Block Exemption Regulation della durata di cinque anni adottato per la prima volta nel 2009.

«In qualità di utenti o fornitori del settore del trasporto dei container - prosegue la lettera - abbiamo perso la speranza che i vantaggi dell'esenzione per categoria siano equamente condivisi e che si stia raggiungendo lo scopo previsto. Lo scopo della politica sulla concorrenza è di proteggere gli interessi degli utenti e dei consumatori dagli effetti predatori di fornitori dominanti e dall'instaurazione di pratiche di cartello. Le esperienze, le frustrazioni e l'insoddisfazione di ampie fasce di imprese europee per il comportamento delle compagnie di navigazione globali - sottolineano i firmatari - richiedono un cambiamento di approccio quale modo per ripristinare la fiducia nell'industria dello shipping containerizzato, che è vitale per le economie degli Stati membri e per soddisfare le esigenze dei consumatori e delle aziende europee».

Da parte loro le associazioni armatoriali World Shipping Council, International Chamber of Shipping e Asian Shipowners' Association hanno invece inviato alla Commissione Europea un lungo documento con cui ritengono di aver dimostrato «che il CBER è essenziale e che il suo periodo di applicazione dovrebbe essere prolungato. Nel documento si evidenzia che il CBER facilita la creazione e il funzionamento di consorzi tra compagnie di trasporto marittimo di linea fornendo certezza giuridica specifica per il settore, consente ai vettori di rispondere con prontezza alle mutevoli condizioni del mercato e riduce i costi per il rispetto delle norme».

Secondo il WSC, l'ICS e l'ASA,«non esiste un'altra fonte di orientamenti dell'UE che possa fungere da adeguato sostituto del CBER». Inoltre le tre associazioni ritengono che «il mancato rinnovo del CBER comporterebbe, come minimo, un aumento dei costi di conformità e una minore flessibilità per i vettori che cercano di creare o di modificare accordi di consorzio; potrebbe anche comportare che alcuni vettori si astengano dal stipulare nuovi accordi consortili o addirittura si ritirino dai consorzi esistenti. Questo - sottolineano WSC, ICS e ASA - sarebbe un duro colpo per l'UE, considerando la moltitudine di vantaggi associati ai consorzi, tra cui: efficienza ambientale e un contributo indispensabile alla lotta dell'UE contro i cambiamenti climatici; benefici macroeconomici legati agli investimenti e alla creazione di posti di lavoro e maggiori opportunità commerciali; vantaggi per i consumatori, inclusi costi inferiori, frequenze più elevate e una migliore copertura dei porti».

Nel documento delle associazioni armatoriali si ribadisce che attraverso i consorzi le compagnie di navigazione non fanno attività di cartello, ma concordano «una condivisione delle navi che è una misura puramente operativa che consente ai vettori di utilizzare le navi in modo più efficiente pur continuando a competere sulle tariffe e su altre condizioni commerciali. La condivisione delle navi - spiegano - amplia la gamma di destinazioni e di servizi a disposizione degli utenti e riduce gli spazi vuoti a bordo delle navi, riducendo le emissioni».

«Dal punto di vista operativo e ambientale - ha spiegato il segretario generale dell'Asian Shipowners' Association, Yuichi Sonoda, presentando il documento - la condivisione delle navi è analoga ai trasporti pubblici e agli schemi di car-pooling: cercare di massimizzare l'efficienza e di ridurre le emissioni attraverso l'uso condiviso delle risorse e delle infrastrutture di trasporto, riducendo significativamente le emissioni per unità di carico trasportato».

Spiegando perché negli ultimi anni i noli marittimi dei servizi containerizzati hanno segnato un vertiginoso rialzo, aumento dei prezzi che ha suscitato le proteste degli utenti, le associazioni armatoriali hanno rilevato che la valutazione del CBER da parte della Commissione Europea si svolge sullo sfondo di una crisi globale senza precedenti, con il Covid-19 che ha interrotto le supply chain intermodali in tutto il mondo, creando notevoli colli di bottiglia nei terminal marittimi, nei magazzini interni e nei centri di distribuzione e nei sistemi di trasporto stradale, ferroviario e fluviale che collegano i porti con l'entroterra. A loro volta - hanno specificato WSC, ICS e ASA - questi problemi a terra hanno causato il moltiplicarsi del numero delle navi in attesa fuori dai porti, riducendo significativamente la capacità effettiva della nave anche se - hanno puntualizzato - i carrier oceanici hanno schierato ogni nave portacontenitori disponibile di proprietà e noleggiata.

John Butler, presidente e direttore generale del World Shipping Council, ha affermato che «la frustrazione che i caricatori hanno comprensibilmente sperimentato per i ritardi del servizio e per l'aumento dei costi è stata incanalata verso i carrier, i loro accordi di condivisione delle navi e gli strumenti normativi che facilitano tali accordi, incluso il CBER. Ma i dati mostrati e le autorità di regolamentazione - ha assicurato Butler - concordano sul fatto che i problemi sono stati causati da fattori al di fuori del controllo dei vettori e non dalla condivisione delle navi».

Anche il segretario generale dell'International Chamber of Shipping, Guy Platten, ha evidenziato che «la condivisione delle navi rappresenta uno strumento riconosciuto dalle autorità di regolamentazione di tutto il mondo come base per un'affidabile movimentazione del commercio internazionale. Man mano che usciamo dalla pandemia e i mercati si normalizzano - ha aggiunto Platten - abbiamo bisogno di normative comuni e prevedibili in tutto il mondo per aiutare i trasporti e le reti commerciali a stabilizzarsi».

Nel documento WSC, ICS e ASA ricordano che il CBER si applica solo ai vettori marittimi con una quota di mercato combinata inferiore al 30%, consente solo accordi di condivisione delle navi (Vessel Sharing Agreement) al fine di migliorare il servizio e l'efficienza, vieta rigorosamente lo scambio di informazioni sui noli, con ciascun membro di un VSA che è tenuto a determinare le proprie condizioni commerciali, compresi i valori dei noli, e prevede che i vettori nell'ambito di un VSA competano tra loro e con altri vettori al di fuori di tale VSA quando vendono i loro servizi ai clienti.
››› Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Porto di Gioia Tauro, ok del Comitato di gestione all'abbattimento delle tasse d'ancoraggio
Gioia Tauro
Stanziate le risorse per la realizzazione della struttura polifunzionale di ispezione transfrontaliera
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile