testata inforMARE
6 dicembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
10:56 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM dello Shipping
e della Logistica

LA GENERAZIONE DI MEZZO PER IL RILANCIO DI GENOVA

CONCLUSIONI
13 giugno 1997

Relazione di Gigi Gallo
del Gruppo di lavoro degli imprenditori genovesi "Under 50"



L'ECONOMIA MARITTIMA GENOVESE - CONCLUSIONI

Penso che siamo tutti d'accordo nel sostenere che un polo fondamentale dello sviluppo di Genova del 2000 sarà l'economia marittima, cioè quel complesso di attività che hanno come riferimento imprescindibile il rapporto con il mare:

  • l'armamento e i servizi collegati;
  • il sistema portuale;
  • l'industria cantieristica e delle riparazioni navali;
  • la nautica da diporto;
  • la pesca.

E la storia di questa città è sempre stata improntata sul rapporto con questa immensa pianura liquida e al tentativo, mai riuscito completamente, di dominarla.

Con periodi di forte sviluppo alternati a periodi di ripiegamento, la vocazione storica della città di Genova è sempre stata quella di una capitale del mare, città mercato, centro di informazioni in cui nel corso dei secoli si sono sviluppate le industrie dell'armamento e della cantieristica, sono nate le nuove professioni dei servizi a questa industria, come i brokers assicurativi e dei trasporti, gli agenti marittimi e gli spedizionieri, i servizi tecnici, legali e assicurativi specializzati principalmente in questo campo, le creative forme di servizi finanziari per le nuove iniziative armatoriali che via via richiedevano capitali sempre più grandi; e tante altre forme di indotto specializzato.

Il sistema portuale è sempre stato considerato l'industria principale della città.

Oltre all'attività commerciale, alle riparazioni navali, alla cantieristica e a quel che può restare della tradizionale presenza della pesca, oggi sta crescendo un "nuovo porto", che porta valore aggiunto ricco e ambientalmente compatibile: il porto del turismo e del tempo libero, delle attività congressuali, dell'Acquario, delle Marine e dei circoli per la nautica da diporto e le scuole di vela, della Fiera con il Salone Nautico Internazionale, del Terminal Traghetti, Crociere e alta velocità, l'Università e il Padiglione del Mare.

Genova come Oslo, Londra, Amburgo, il Pireo in Europa.

Oggi il tradizionale ruolo della città è ancora appannato per due motivi:

  • il sistema portuale creatosi dopo la riforma è ancora fragile e ha bisogno di consolidamento;
  • l'industria armatoriale opera in condizioni di insostenibile inferiorità competitiva.

All'interno del porto di Genova devono svilupparsi, anche con una riconoscibile divisione territoriale/urbanistica, due attività:

  • l'attività del "tempo libero": traghetti, crociere, nautica da diporto, alta velocità, Acquario e quello che può restare di una attività tradizionale come la pesca: da Punta Vagno alla Lanterna;

- l'attività commerciale/industriale, incluso il distretto delle Riparazioni Navali e la cantieristica, dalla Lanterna a Voltri.

L'Autorità Portuale deve sdoppiare la carica di direttore generale, considerata la diversa specializzazione delle due attività che richiedono competenze diverse.

L'Amministrazione Comunale deve nominare un "dirigente delle attività" portuali per dotare, per quanto di competenza, le infrastrutture portuali di servizi di qualità ed efficienti senza ritardi e sovrapposizioni.

IL NOSTRO PARERE - LE NOSTRE PROPOSTE

Siccome il processo in via di consolidamento di economia globale, costringerà i vari soggetti oggi attori dell'attuale sistema ad aggregarsi in varie forme per poter meglio sopportare l'urto della concorrenza internazionale, o a scomparire, è nostro parere che l'attuale sistema normativo che regge la gestione del porto, corrisponda ancora - salva qualche modifica minore come la soppressione dell'art. 17 n.3 della L. 84 - ad uno scenario in grande movimento.

Tuttavia tale sistema - impostato sulla libertà di accesso alle infrastrutture in condizione di parità di trattamento - va sostenuto in modo organico nel contenzioso presso la CEE.

Dal punto di vista operativo, per superare questa fase, in attesa della nascita del "nuovo imprenditore della logistica" sintesi delle competenze oggi frazionate in molteplici soggetti imprenditoriali, che tendono anche controvoglia alla difesa di posizioni di rendita, si propone:

- L'aggregazione sotto forma di "Forum" permanente, di tutti i soggetti imprenditoriali quali i terminalisti, gli agenti marittimi, gli spedizionieri, e i trasportatori nel tentativo di creare nei limiti del possibile, una unità di intenti che eviti mere contrapposizioni che possano alla fine danneggiare unicamente l'intero sistema portuale.

  • L'affiancamento agli attuali organi di gestione portuale, di una consulta formata dai rappresentanti delle associazioni di categoria (terminalisti - spedizionieri - agenti marittimi - trasportatori/ferrovie) oggi divise col rischio di perdersi in battaglie di retroguardia, che sia interpellata dall'Autorità Portuale sui grandi temi della gestione del porto. Si ritiene infatti che l'attuale composizione del Comitato Utenti non corrisponda all'effettivo quadro di interessi del sistema portuale.

Fatta questa premessa, come condizione autocritica e propositiva, per superare l'odierna fase conflittuale, si propone ulteriormente:

  • L'Autorità Portuale deve con più energia promuovere, sostenere e stimolare la crescita del nuovo sistema portuale, anche attraverso strumenti innovativi in campo finanziario e nel campo delle risorse umane (per esempio con l'inserimento nel proprio organico di uno o più consulenti di chiara fama internazionale che possano apportare le esperienze di grande successo delle realtà nord-europee specialmente in riferimento al compito di marketing del porto).

  • Il nuovo sistema portuale deve andare oltre i confini territoriali del porto di Genova estendendosi fino a raggiungere se non i clienti finali, almeno i grani centri di distribuzione (Inland Terminal) con i quali sviluppare forti alleanze.

  • Il nuovo sistema deve offrire sempre più servizi: sbarchi, magazzinaggi semplici e complessi, controlli qualità, rizzamenti/svuotamenti/riempimenti/riparazione dei contenitori, distribuzione.

  • Il nuovo sistema deve monitorare lo sviluppo e l'espansione del porto attraverso le concessioni e il recupero di nuove aree; il miglioramento della viabilità e di tutti i servizi accessori al ciclo portuale (dogane-capitanerie-ferrovie).

L'ARMAMENTO

L'armamento italiano e quindi anche quello genovese sta attendendo i provvedimenti necessari varati dal governo per fermare il trend della delocalizzazione, minaccia molto seria a tutto il sistema dell'economia marittima diretto e indotto dall'industria armatoriale.

Vediamo in questo trend un grande pericolo: la delocalizzazione porta fatalmente a spostare i centri decisionali delle imprese di navigazione fuori Genova; questo provoca un impoverimento del sistema economico marittimo della città. Rapporti, contatti, relazioni che si tramandano alcune volte da generazioni si steriliscono; mancano gli stimoli a crearne nuovi; la circolazione di informazioni che aiuta a creare nuovi business diventa asfittica.

Dobbiamo sensibilizzare tutti su questo pericolo: una tradizione di sette secoli può svanire molto più velocemente di quanto si pensi e questa sarebbe una responsabilità storica che nessuna classe dirigente vorrebbe che le fosse addebitata.

I provvedimenti urgenti sono i seguenti:

  • l'adozione del registro internazionale
  • attuazione del processo di liberalizzazione del cabotaggio previsto dagli accordi che senza penalizzazione della flotta nazionale (e al riguardo segnaliamo le possibili forme di discriminazione per l'esclusione della Grecia dall'ambito di applicazione della norma liberalizzatrice)
  • lo sviluppo del trasporto marittimo a corto raggio quale sistema alternativo e integrativo di altri sistemi in un quadro di rispetto per l'ambiente

Se questi provvedimenti saranno efficaci, si potrà sperare in una inversione di tendenza che punti a nuovi investimenti e a nuovo sviluppo da parte dell'armamento genovese.

Lo scenario internazionale è favorevole: con l'inizio del terzo millennio è previsto il rinnovo del parco navi costruito all'inizio degli anni '70 e sarebbe autolesionistico tagliarci fuori da questo processo per mancanza di condizioni di competitività.

CANTIERISTICA

Un forte armamento costituisce una base solida di riferimento per la cantieristica pubblica e privata. In Liguria e a Genova abbiamo ancora una cantieristica importante di costruzione, di trasformazione, di riparazione. Per questo comparto le prospettive commerciali sono buone: la domanda dovrebbe facilmente coniugarsi con l'attuale capacità produttiva.

I cantieri specializzati nei grandi lavori di trasformazione continueranno ad inserirsi in nicchie di mercato trascurate dalle grandi produzioni di serie.

Un'attenta politica europea dovrà garantire che queste realtà produttive non siano fagocitate dalla cantieristica del Giappone, della Corea del Sud, della Cina.

RIPARAZIONI NAVALI

Nel porto di Genova deve continuare ad avere un ruolo importante il comparto delle riparazioni navali.

Trattasi di un ramo industriale in potenza molto ricco, perché costringe le navi a soste apprezzabili, molto più lunghe di una nave che carica o scarica, con evidenti benefici per tutto il sistema.

Inoltre esiste un mercato vasto, almeno finché non sarà completamente sostituita e quindi mediamente ringiovanita la flotta mondiale, come accennavamo sopra.

IL SISTEMA PORTUALE

Nell'arco di pochi anni, dal 1998 al 1995, il porto è mutato in modo profondo, grazie al processo di privatizzazione.

Il porto di Genova da sistema assistito, inefficiente, non competitivo, intriso di cultura protezionistica, è diventato un sistema aperto, concorrenziale, tecnologizzato, presente sul mercato internazionale e, quel che più conta, idoneo a garantire l'accesso al mercato del trasporto senza discriminazione di sorta.

Nel porto commerciale operano oggi 2488 unità, comprese tra compagnia portuale, autorità portuale e terminalisti. Altre 2500 unità operano nel ramo industriale.

Quindici anni fa' 9800 persone erano impiegate per produrre un traffico di 14 milioni di tonnellate, esclusi i traffici petroliferi; oggi 2400 persone sono impiegate per gestire un traffico di 23 milioni di tonnellate, esclusi i traffici petroliferi. E' evidente il recupero di efficienza e il salto di produttività.

Ma il sistema portuale genovese ha solo iniziato il nuovo percorso che lo dovrebbe portare a un più avanzato sviluppo e tale percorso è ancora lungo e pieno di difficoltà e probabilmente la sua stessa disciplina va collocata in una più ampia strategia giuridica impostata sul principio della libertà di accesso ai terminali (banchine, infrastrutture, reti, ecc.) gestite in regime di concessione da privati.

Un chiarimento su questi principi, abbandonando la tesi del particolarismo portuale, va compiuto anche a livello comunitario dalla D.G.IV.

ALTA VELOCITA'

Nel porto si deve trovar posto ai nuovi business: un tema dibattuto è il terminal per l'alta velocità.

Nessun imprenditore potrà mai pensare di ideare una linea in questo comparto, senza una infrastruttura che consenta un parcheggio e un imbarco in spazi razionali collocata in un'area che non penalizzi in partenza il concetto stesso di trasporto ad alta velocità.

Ci pensi chi è incaricato di redigere il Piano Regolatore Portuale.

Gli spazi lasciati liberi dalla partenza del bacino galleggiante offrono opportunità di scelta.

NAUTICA

A Genova sono oggi presenti quattro aree un tempo destinate al porto commerciale e ora riconvertite:

  1. MARINA FIERA DI GENOVA - circa 450 posti barca

  1. PORTICCIOLO DUCA DEGLI ABRUZZI - circa 400 posti barca

  1. AREA PORTO STORICO - circa 400 posti barca

  1. MARINA DI SESTRI PONENTE - circa 900 posti barca.

Si chiede all'Autorità Portuale:

  • di coordinare queste realtà in modo da stemperare le tensioni di convivenza tra le esigenze del diportista nautico e quelle legate al traffico commerciale;

  • di studiare un piano di integrazione territoriale con la città e non restino relegate nella cinta portuale, rendendo così più difficile lo sviluppo turistico commerciale;

Inoltre è auspicabile in questo sforzo di maggior coordinamento, prevedere l'assegnazione nel porto di Genova di maggiori spazi per le imbarcazioni di grandi dimensioni.

Genova sarebbe la base ideale per queste imbarcazioni che favorirebbero:

  • il lavoro di manutenzione e di riparazione specializzato di costo elevato
  • la presenza di artigianato di altissima qualità
  • possibilità di impiego di equipaggi altamente qualificati
  • possibilità di crescita del mercato del noleggio molto in voga per queste imbarcazioni.

IL SALONE NAUTICO INTERNAZIONALE

Parlando di nautica, non si può prescindere dall'importanza che riveste per la nostra città il Salone Nautico Internazionale.

La necessità di mantenere ed incrementare tale manifestazione è strettamente correlata con l'organizzazione e la struttura dell'area nella quale si svolge (ed entro la quale potrebbero aver luogo ulteriori manifestazioni di eguale importanza che oggi di tengono in altre città).

Il confronto con altre aree fieristiche europee come Amsterdam, Dusseldorf, il nuovo progetto di Monaco di Baviera, per citarne alcune, rende evidente che i padiglioni esistenti sono ormai largamente obsoleti.

Un progetto che aspiri a risolvere il problema durevolmente dovrebbe prevedere:

  • interventi radicali tesi alla ricostruzione di edifici dotati di tutti quei servizi attivi intorno ad un'area fieristica operativa tutto l'anno;
  • la possibilità dell'espansione del Salone Nautico agli yacht di grandi dimensioni in un'area appositamente attrezzata, visto il successo di iniziative simili a Miami e a Fort Lauderdale.

CONCLUSIONI

A conclusione di questa panoramica, lanciamo queste idee che possono essere l'ossatura di un programma di attenzione verso l'economia marittima:

  • l'economia marittima è costituita da un complesso sistema da aggregare ed integrare sempre meglio con forti potenzialità di sviluppo;

  • un chiarimento con la comunità pare necessario per garantire la piena applicabilità della disciplina italiana di cui alla L. 84;

  • le condizioni per fare impresa marittima devono essere ricreate per competere nell'economia globale, con il contributo di una politica e un sindacato sensibili ai problemi della competizione internazionale;

  • producendo cultura del mare a tutti i livelli, è necessario che la città conosca meglio questa galassia di attività e le senta come un grande patrimonio cittadino;

  • rilancio del ruolo di Genova capitale del mare, città mercato, centro di attrazione di chiunque in Italia e, perché no, anche fuori, voglia trovare le professionalità giuste per creare nuovi business nel campo marittimo e dei trasporti.

Presupposto di questo rilancio, perché non siamo più quella borghesia assente, chiusa solo nella sua anima mercantile, è la condivisione e la riaffermazione da parte nostra di alcuni valori:

  • il valore della "aggregazione e della coesione": significa che siamo tutti parte di un "sistema integrato" con forti potenzialità di crescita
  • il valore della qualità, della competizione, del merito e dell'innovazione: significa che siamo consci che dobbiamo essere bravi e preparati per competere nell'economia globale e che dobbiamo batterci per ricercare e mantenere le condizioni di competitività per tutto lo shipping
  • il valore della "comunità": la nostra presenza significa un forte ancoraggio a questa città, alle sue tradizioni di leadership delle professioni tecnico-marittime per proporsi quale polo di attrazione per la creazione e la gestione di tutti i business nel campo dei trasporti marittimi

E siccome una "comunità competitiva" trova il suo solido fondamento in una buona transazione tra valori e interessi, suggeriamo alle forze politiche e istituzionali di reclamare per Genova, quale sede naturale:

  • a Genova, LA SEDE DEL REGISTRO INTERNAZIONALE;
  • a Genova, LA SEDE DELL'AUTHORITY SUI TRASPORTI;
  • a Genova, LA SEDE DEL POLO PUBBLICO DEL CABOTAGGIO MERCI;
  • a Genova, IL POLO DELLA LOGISTICA DELL'ENI;
  • a Genova, IL POLO DELLA LOGISTICA NAZIONALE,
  • a Genova, LA CANDIDATURA COME CENTRO SERVIZI RIVOLTO ALLA GRANDE DISTRIBUZIONE EUROPEA, CREANDO UN DISTRETTO SPECIALIZZATO FORMATO DA ZONE ESPOSITIVE, PICCOLI MAGAZZINI (EVENTUALMENTE IN AREA FRANCA) PER ATTRARRE TRADERS E PRODUTTORI INTERNAZIONALI.

L'economia marittima correttamente gestita è fonte di ritorni economici che creano sviluppo e occupazione: il recente studio del CENSIS dice che per quanto riguarda la produzione ogni lira di domanda aggiuntiva in questo settore attiva nell'economia italiana una produzione complessiva di 2,627 lire, mentre per quanto riguarda l'occupazione, ogni unità di lavoro aggiuntiva ne genera nel complesso 2,530 nel sistema economico nazionale.

I comparti dell'economia marittima sono inoltre, anche se con tempi di reazione dei processi economici diversi, interdipendenti e quindi lo stato di buona salute dei principali si ripercuote su tutti gli altri, e viceversa.

* * * * *

Cari amici, passione ed entusiasmo sono due molle straordinarie dello spirito umano e allora abbiamo scelto per chiudere di dare la parola a Giorgio Doria, il grande conoscitore della storia dell'economia marittima genovese, che così descrive il fascino del nostro mestiere:

"Chi lavora e crea il suo business sul mare opera in un contesto ostile e pericoloso, e non solo a causa delle tempeste. Per affermarsi e avere successo occorrono grandi doti: notevole coraggio, spirito d'iniziativa, amore per l'avventura, collaudata professionalità, conoscenza della tecnologia, capacità di essere innovativi.

Se è difficile ottenere questo mix, è ancora più arduo conservarlo nel tempo. Basta un piccolo cedimento per essere rapidamente emarginati. Perché non c'è forse ambiente nel quale da sempre la competizione sia stata così diffusa, vivace e imprevedibile.

E' una sfida all'intelligenza umana che i discendenti dei grandi navigatori devono raccogliere con la grinta dei loro avi". (La Marineria Genovese, 1989).

Noi vogliamo ricreare le condizioni per fare la nostra parte nella nostra città.

›››Archivio
DALLA PRIMA PAGINA
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile