testata inforMARE
28 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
10:33 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
Nel 2019 i porti dell'Adriatico Meridionale hanno movimentato 15,45 milioni di tonnellate di merci (+2,1%)
Nel solo quarto trimestre è stato registrato un incremento del +12,6%
5 febbraio 2020
Nel 2019 il sistema di porti amministrato dall'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, che è formato dagli scali di Bari, Brindisi, Manfredonia, Barletta e Monopoli, ha movimentato 15,45 milioni di tonnellate di merci, con un incremento del +2,1% sull'anno precedente, di cui 11,36 milioni di tonnellate di carichi allo sbarco (+3,2%) e 4,09 milioni di tonnellate all'imbarco (-1,0%). L'incremento complessivo dei volumi movimentati è stato generato principalmente dal rialzo del +5,0% delle rinfuse secche attestatesi a 5,97 milioni di tonnellate. In lieve crescita anche le merci varie con 6,54 milioni di tonnellate (+0,8%) e analogo valore percentuale, ma di segno negativo, è stato segnato dalle rinfuse liquide con 2,94 milioni di tonnellate (-0,9%). Il traffico dei passeggeri dei traghetti nei porti del sistema è stato di 1,71 milioni di unità (-0,1%) e quello dei crocieristi di 763mila unità (+12,5%).

Lo scorso anno il solo porto di Bari ha movimentato un totale record di 6,10 milioni di tonnellate di merci, con una progressione del +11,1% sul 2018, di cui 4,11 milioni di tonnellate allo sbarco (+17,9%) e 1,99 milioni di tonnellate all'imbarco (-0,6%). Complessivamente le merci varie sono ammontate a 4,13 milioni di tonnellate (+2,5%), di cui 3,42 milioni di tonnellate di rotabili (+3,8%), 666mila tonnellate di carichi containerizzati (-4,3%) con una movimentazione di contenitori pari a 83mila teu (+21,0%) e 48mila tonnellate di altre merci varie (+9,0%). Le rinfuse solide hanno totalizzato 1,96 milioni di tonnellate (+35,0%), incluse principalmente 1,83 milioni di tonnellate di cereali (+40,1%), 75mila tonnellate di prodotti chimici (-34,0%), 33mila tonnellate di minerali, cementi e calci (+4.766,3%) e 20mila tonnellate di prodotti metallurgici (+1,7%). Nel settore dei passeggeri il traffico dei traghetti è stato di 1,19 milioni di persone (+1,0%) e quello dei crocieristi di 675mila persone (+17,8%), di cui 255mila allo sbarco/imbarco (+20,9%) e 420mila in transito (+15,9%). Le auto trasportate dai traghetti sono state 243mila (-1,2%) e i veicoli ro-ro 166mila (+5,0%).

Nel 2019 il traffico movimentato dal porto di Brindisi è stato di 7,46 milioni di tonnellate (-6,1%), di cui 5,71 milioni di tonnellate allo sbarco (-7,0%) e 1,75 milioni di tonnellate all'imbarco (-3,3%). Globalmente le merci varie sono state 2,37 milioni di tonnellate (-0,7%), di cui 2,25 milioni di tonnellate di carichi ro-ro (-4,2%) e 120mila tonnellate di merci convenzionali (+209,8%). Le rinfuse solide sono diminuite del -9,5% a 2,93 milioni di tonnellate, di cui 1,80 milioni di tonnellate di carboni fossili e ligniti (-30,9%), 521mila tonnellate di minerali, cementi e calci (+758,0%), 191mila tonnellate di derrate alimentari, mangimi e oleaginosi (+0,3%), 152mila tonnellate di prodotti metallurgici (+3,6%), 84mila tonnellate di cereali (-15,9%), 28mila tonnellate di prodotti chimici (+66,8%) e 151mila tonnellate di altre rinfuse secche (+31,6%). Le rinfuse liquide sono ammontate a 2,17 milioni di tonnellate (-7,1%, con i prodotti petroliferi raffinati che sono calati del -13,0% a 1,19 milioni di tonnellate, i prodotti petroliferi gassosi, liquefatti o compressi e gas naturale incrementati del +5,8% a 742mila tonnellate e le altre rinfuse liquide diminuite del -9,1% a 229mila tonnellate. Lo scorso anno i passeggeri dei traghetti sono stati 520mila (-2,3%) e quelli delle crociere 86mila (-17,3%). Le auto al seguito dei passeggeri sono state 94mila (+1,6%) e i mezzi ro-ro trasportati dai traghetti 116mila (-5,0%).

Lo scorso anno il traffico delle merci nel porto di Barletta è stato di 805mila tonnellate (-8,2%), in quello di Manfredonia è stato di 569mila tonnellate (+29,3%) e in quello di Monopoli di 518mila tonnellate (+34,3%).

Nel solo quarto trimestre del 2019 il sistema dei porti dell'Adriatico Meridionale ha movimentato 4,11 milioni di tonnellate di merci, con una crescita del +12,6% sul periodo ottobre-dicembre dell'anno precedente, di cui 3,11 milioni di tonnellate di carichi allo sbarco (+17,1%) e 999mila all'imbarco (+0,7%). Il solo porto di Bari ha movimentato 1,53 milioni di tonnellate di merci (+13,3%), tra cui principalmente 844mila tonnellate di rotabili (+6,2%), 535mila tonnellate di rinfuse solide (+43,9%) e 146mila tonnellate di merci containerizzate (-9,2%). A Brindisi il traffico totale è stato di 2,03 milioni di tonnellate (+9,4%), incluse 918mila tonnellate di rinfuse solide (+39,5%), 550mila tonnellate di rotabili (-7,4%) e 521mila tonnellate di rinfuse liquide (-9,6%).

Commentando i dati dei volumi di traffico movimentati nel 2019 dai porti del sistema, il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, Ugo Patroni Griffi, ha spiegato che «nel porto di Barletta il calo dei traffici è connesso alla limitazione della infrastruttura, e pertanto i dragaggi, l'abbattimento dei silos e la connessa riqualificazione della banchina, la manutenzione straordinaria delle banchine operative, lo spostamento dei depositi di carburante e la nuova stazione per le crociere, tutte opere in corso di cantierizzazione, permetteranno di recuperare, a breve, cospicui volumi di traffico. Per Brindisi, che soffre una crisi connessa al mutamento del ciclo produttivo della centrale Enel - ha aggiunto Patroni Griffi - è invece necessario assecondare, attraverso una decisa infrastrutturizzazione, l'evoluzione dello scalo, conformemente alla propria storica vocazione, in una prospettiva polifunzionale: turistica, industriale e gateway commerciale. Le opere programmate, i cui tempi di realizzazione, grazie alla condivisa programmazione con tutti gli stakeholders pubblici e privati, nonché alla attenzione dichiarata del governo, dovrebbero subire una forte accelerazione, ci consentiranno di rendere lo scalo strategico, competitivo e all'avanguardia nei mercati nazionali e internazionali. Tra le opere strategiche per Brindisi - ha specificato il presidente dell'AdSP - si ricordano gli escavi e la struttura per il contenimento dei sedimenti; l'acquisto della stazione marittima privata e dei piazzali attigui, da riqualificarsi; la realizzazione di infrastrutture leggere a supporto del traffico extra Schengen, la project review - al fine di poter gestire efficientemente anche il traffico con l'Albania - e l'indizione del relativo appalto per la realizzazione del terminal passeggeri Le Vele; la realizzazione di un pontile a briccole e la ristrutturazione lato mare della ex stazione marittima. Le predette opere trovano copertura in finanziamenti a radice comunitaria afferenti ai programmi operativi interregionali, nazionali e regionali 2014/2020 e nell'Interreg Greece/Italy, e pertanto l'accelerazione della loro esecuzione è necessaria anche ad elidere il, concreto, rischio del definanziamento».

›››Archivio notizie
DALLA PRIMA PAGINA
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è aumentato del +3,7%
Pechino
Il solo traffico da e per l'estero è stato di 393,4 milioni di tonnellate (+0,2%)
Nel terzo trimestre, per la prima volta in due anni, gli scambi commerciali del G20 sono diminuiti
Parigi
Ulteriore indebolimento della crescita del commercio di servizi
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
AGCS, l'inflazione ha l'effetto di incrementare la gravità dei sinistri marittimi
Monaco di Baviera
I recenti aumenti dei valori delle navi e dei carichi significano che le perdite e le riparazioni stanno diventando più onerose
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile