testata inforMARE
5 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
04:04 GMT+2


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXV - Numero 15 FEBBRAIO 2017

TRASPORTI ED AMBIENTE

L'ETI ACCONSENTE A FINANZIARE LO SVILUPPO DI SISTEMI AD ENERGIA EOLICA AL FINE DI RIDURRE LE EMISSIONI DELLE NAVI MERCANTILI

L'ETI (Energy Technologies Institute) finanzierà lo sviluppo di sistemi a rotore flettner per le navi mercantili, sostenendo che l'energia eolica rappresenta il solo modo credibile per ridurre le emissioni di CO2 del trasporto marittimo.

Un sistema a rotore flettner utilizza un cilindro rotante per convertire la forza del vento in una spinta che contribuisca a far muovere la nave.

L'ETI è un partenariato pubblico-privato fra imprese specialiste in energia ed ingegneria globale ed il governo del Regno Unito e funge da collegamento fra ambiente accademico, industria e Whitehall per accelerare lo sviluppo di tecnologie a basso contenuto di carbonio.

Nel proprio rapporto "HDV Marine Insights", l'ETI afferma che i carburanti non fossili, fra cui il nucleare, non rappresentano una fonte energetica credibile nel medio-lungo termine ai fini della riduzione delle emissioni del settore, che secondo le previsioni dell'IMO (International Maritime Organisation) potrebbero incrementarsi del 250% rispetto al livello del 2011 da qui al 2050.

L'IMO ha dichiarato che la riduzione del consumo di carburante, piuttosto che cercare di eliminare del tutto i carburanti fossili, è un modo più plausibile al fine di ridurre le emissioni proprie dello shipping.

Stuart Bradley, direttore strategie dell'ETI ed autore del rapporto, ha dichiarato a The Loadstar che una combinazione di sistemi di rotori flettner, recupero del calore residuo e propulsione ad alta efficienza potrebbe comportare un risparmio di carburante del 30%, al quale i rotori flettner contribuirebbero per il 17%.

"Il trasporto marittimo emette quantitativi notevoli di CO2 che, senza un intervento, aumenteranno nella proporzione delle nostre emissioni nazionali man mano che gli altri settori diventano meno dipendenti dal carbonio" afferma Bradley.

"A differenza dei settori dell'energia e del calore e di altre modalità di trasporto, in questo settore non sembra esserci un'alternativa credibile ai carburanti fossili per alimentare le navi.

Così nel medio-lungo termine, il potenziale migliore allo scopo di conseguire reali riduzioni di CO2 è quello di ridurre il consumo di carburante".

Anche l'Università di Delft nei Paesi Bassi ha pubblicato un rapporto, su incarico della Commissione Europea, sui sistemi ad energia eolica che suggerisce come i rotori flettner potrebbero far risparmiare qualcosa come il 23% a seconda della velocità.

Il suo rapporto, "Analysis of Market Potentials and Market Barriers for Wind Propulsion Technology" afferma che ogni sistema per avere successo dovrebbe superare quattro barriere: i vettori devono essere in grado di dotare le navi di tale tecnologia; il sistema deve offrire efficienze in termini di costi; l'armatore deve poter essere sicuro di queste efficienza; infine, gli armatori devono essere in grado di finanziare l'acquisizione e l'installazione di ogni sistema.

Bradley è d'accordo, affermando che la tecnologia dev'essere dimostrabile affinché il settore possa avere la fiducia necessaria ad effettuare gli investimenti richiesti.

Gavin Allwright, segretario generale della IWSA (International Windship Association) ha dichiarato a The Loadstar che la decisione dell'operatore finlandese Viking Line di installare due vele a rotore Norsepower - un aggiornamento del rotore flettner - su una delle sue navi di linea indica che il settore sta venendo a patti con i sistemi ad energia eolica.

L'accordo è stato annunciato recentemente nel corso del mese e Ulf Hagström, vice presidente anziano delle operazioni e nuove costruzioni marittime della Viking Line sostiene: "La nostra nave da crociera è la prima ad utilizzare una combinazione di carburanti puliti alternativi, moderne vele a rotore, propulsione elettrica ed uno scafo ottimizzato dal punto di vista idrodinamico.

Noi crediamo nella capacità della tecnologia di potenziare le prestazioni della nostra nave consentendo significative riduzioni del consumo di carburante e dei costi, così come delle emissioni di carbonio".

Aggiunge Allwright: "Sembra che il mercato abbia già deciso che c'è posto per i rotori flettner e questa è la conseguenza dell'aumento di fattibilità per questa tecnologia negli ultimi anni con navi operative ed aspettative di ulteriori affidamenti ed ordinazioni nel corso del 2017" ha detto.

"La E-Ship 1 della Enercon è in mare da sette anni; questa nave non è stata dotata in seguito ma costruita da zero con quattro rotori flettner e sebbene la ditta ne abbia sospeso l'ulteriore sviluppo - essendosi ammalato il responsabile - essa ha dichiarato un risparmio di carburante del 15%".

L'anno scorso, l'ETI ha chiesto alle imprese di effettuare proposte per lo sviluppo di un sistema di rotore flettner che possa conseguire un risparmio di carburante di almeno il 10%".

Prossimamente, l'ETI cercherà di definire i costi comportati dallo sviluppo ed andrà avanti con ditte selezionate allo scopo di consegnare una dimostrazione in scala reale su una grande nave attiva nei traffici internazionali nei prossimi tre anni.
(da: theloadstar.co.uk, 27 gennaio 2017)



DALLA PRIMA PAGINA
Hapag-Lloyd comprerà i terminal portuali e le attività logistiche della cilena SAAM
Amburgo, Santiago
Accordo del valore di un miliardo di dollari
Prossimo avvio della privatizzazione del porto greco di Volos
Atene
Gara per l'acquisizione di almeno il 67% del capitale dell'Autorità Portuale
Trasportounito, nel porto di Genova è necessario un autoparco nell'area ex Ilva a Cornigliano
Genova
Da destinare alla sosta giornaliera di 800 veicoli pesanti
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
La Spezia
Saranno utilizzati, tra l'altro, per acquistare 20 nuovi mezzi di sollevamento
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia
Chiasso
Collegherà Gliwice e Pordenone tre volte alla settimana
Nei prossimi giorni l'operatore intermodale elvetico Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia aperto a tutti gli operatori di trasporto che avrà una frequenza
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile