testata inforMARE
31 gennaio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
14:31 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 DICEMBRE 2019

TRASPORTO FERROVIARIO

LE SOVVENZIONI SVIZZERE PER IL TRASPORTO MERCI FERROVIARIO RESTANO IN VIGORE FINO AL 2026

Il governo svizzero estenderà il proprio programma di sovvenzioni alle operazioni di trasporto merci ferroviario fino al 2026.

In precedenza, tali sovvenzioni avrebbero dovuto essere abolite nel 2023.

Inoltre, l'accesso ai binari per i treni merci in Svizzera sarà abbassato a partire dal 2021.

L'iniziativa è a supporto del passaggio dalla strada alla rotaia per il traffico transalpino, un'ambizione che fa parte integrante della politica nazionale sin dal 2000.

Il Consiglio Federale ha annunciato queste decisioni il 13 novembre scorso, dopo avere adottato il rapporto di ricollocazione 2019.

Questo rapporto esce ogni due anni al fine di valutare lo stato della politica di dirottamento modale ed analizzare i risultati attesi.

Il rapporto 2019, sebbene mostri come le attuali misure siano efficaci, rivela altresì che la riduzione messa nel mirino sino a 650.000 viaggi di camion all'anno non sia stata raggiunta.

Il Consiglio Federale ha pertanto proposto un pacchetto di misure per rafforzare ulteriormente lo spostamento modale.

Sovvenzioni fino al 2026

L'estensione del programma di sovvenzioni costituisce una parte importante del pacchetto.

Il Consiglio Federale ha richiesto al Parlamento di estendere il quadro dei pagamenti fino al 2026.

Nel periodo 2024-2026, ulteriori 90 milioni di franchi (pari a 82,2 milioni di euro) saranno messi a disposizione per compensare gli operatori di trasporto combinato non accompagnato.

Sebbene il mercato svizzero di trasporto merci ferroviario si sia preparato alla perdita delle sovvenzioni, diverse parti avevano espresso la propria preoccupazione che questo avrebbe danneggiato il mercato.

Secondo la Hupac, il maggiore operatore intermodale presente nel mercato, solo la metà delle odierne sovvenzioni operative, circa 110 milioni di franchi (0,88 milioni di euro) per l'intero trasporto combinato transalpino potrebbe essere compensata entro il 2024.

Addebiti più bassi per l'accesso ai binari

La diminuzione degli addebiti per l'accesso ai binari è stata sull'agenda per un po' di più, ma ora anch'essa è stata confermata nel pacchetto di misure.

Ciò è stato fatto mediante un emendamento alla Ordinanza di Accesso alla Rete adottata dal Consiglio Federale.

A partire dal 1° gennaio 2021, gli addebiti per l'uso della rete ferroviaria svizzera saranno abbattuti di circa 90 milioni di franchi (82,2 milioni di euro) ogni anno.

Inoltre, sta per essere introdotto uno speciale sconto per i treni merci lunghi, poiché essi possono fare un uso migliore della capacità delle infrastrutture.

Gli addebiti svizzeri attualmente sono relativamente bassi rispetto a quelli degli altri paesi dell'Unione Europea.

Tuttavia anche la Germania ed i Paesi Bassi hanno in programma misure simili che incrementano la pressione sulla Svizzera affinché essa resti competitiva con il proprio tariffario ferroviario.

Altre misure

Fra le altre misure comprese nel pacchetto c'è un adeguamento della classificazione degli addebiti correlati alla distanza per i veicoli pesanti adibiti al trasporto merci.

I camion delle classi di emissione EURO IV e V non dovrebbero più ricadere in una categoria più favorevole.

Questo dovrebbe incoraggiare un dirottamento dei veicoli pesanti alla ferrovia.

Dal 2001, i camion su tutte le strade svizzere pagano addebiti correlati alla distanza percorsa, al peso ed alle emissioni.

Due terzi dei ricavi vengono assegnati al RIF (Fondo Infrastrutture Ferroviarie).

Senza quest'ultimo adeguamento, la media ponderata calerebbe da 293 franchi (nel 2018) a 275 franchi nel 2024, spiega l'Ufficio Federale Svizzero dei Trasporti.

Una quarta misura è l'intensificazione delle ispezioni al traffico pesante, fra l'altro mediante la realizzazione del centro di controllo del traffico dei mezzi pesanti del Gottardo a sud di Giornico.

Anche questa misura è finalizzata ad incoraggiare il dirottamento dei mezzi pesanti sulla ferrovia.

I volumi

La politica svizzera di spostamento modale assicura che il numero dei viaggi da parte dei camion e dei semirimorchi nazionali ed esteri attraverso le Alpi svizzere debba essere abbattuto dagli 1,4 milioni nel 2000 ai 650.000 all'anno.

Nelle annate 2017 e 2018 sono stati conteggiati rispettivamente 954.000 e 941.000 viaggi transalpini di mezzi pesanti.

Quindi l'obiettivo non è stato conseguito.

In positivo, il numero dei viaggi di veicoli pesanti sulle strade svizzere è diminuito del 3,5% nel periodo 2016-2018.

Rispetto all'anno di riferimento 2000, il decremento è addirittura del 33%, il che significa che un terzo di tali veicoli sono stati tolti dalla strada dall'avvio della politica di spostamento modale.

D'altro canto, i numeri non sono positivi per il trasporto merci ferroviario.

Il trasporto merci ferroviario attraverso le Alpi ha assistito ad un calo del 2,6% nel periodo 2016-2018.

Alla fine del 2018, la quota della ferrovia nei traffici merci transalpini è stata del 70,5%, 0,5 punti percentuali in meno che nel 2016, si legge nel rapporto 2019.

Collegamento ferroviario attraverso le Alpi

I volumi di trasporto merci ferroviario dovrebbero salire in modo significativo con l'apertura del Tunnel di Base del Ceneri nel 2020.

Il NEAT (Nuovo Collegamento Ferroviario attraverso le Alpi), un corridoio di tunnel e binari, sarà allora completamente operativo.

L'intero asse nord-sud sarà quindi accessibile da parte dei treni alti 4 metri, cosa che dovrebbe essere effettiva nel 2021.

Sebbene il NEAT sia un elemento centrale per il supporto al passaggio alla ferrovia mediante la riduzione dei costi di produzione e l'incremento della capacità, da solo non basterà per conseguire le ambizioni di spostamento modale, come il mercato del trasporto merci ferroviario ha ripetutamente sostenuto.

Ciò è stato ora riconosciuto dal governo svizzero.

Il pacchetto di misure, in combinazione con il NEAT, dovrebbe comportare risultati più soddisfacenti.
(da: railfreight.com, 10 dicembre 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Il porto di Palermo stabilisce un proprio nuovo record storico di traffico delle merci
Il porto di Palermo stabilisce un proprio nuovo record storico di traffico delle merci
Palermo
Interamente recuperata la quota di passeggeri persa a causa della pandemia
Trimestre di accentuata flessione dei risultati finanziari per ONE
Trimestre di accentuata flessione dei risultati finanziari per ONE
Singapore
Nel periodo ottobre-dicembre il volume d'affari è calato del -24,9%
Hapag-Lloyd ha archiviato il 2022 con risultati finanziari record
Amburgo
Hapag-Lloyd ha archiviato il 2022 con risultati finanziari record
Inversione del trend nell'ultimo trimestre dell'anno
Porto di Gioia Tauro, prima spedizione via treno di auto provenienti dalla Cina
Porto di Gioia Tauro, prima spedizione via treno di auto provenienti dalla Cina
Gioia Tauro
Le vetture sono dirette al centro-nord Italia
Gli storici marchi Hamburg Süd e Sealand scompariranno
Copenhagen
Verranno sostituiti dal brand Maersk
Federlogistica denuncia che il processo di digitalizzazione dei porti è allo sbando
Roma
La Federazione sottolinea che non è stato speso un singolo euro delle risorse messe a disposizione dal PNRR e manca un disegno di grande profilo
Saldo negativo per -25,6 miliardi del commercio estero italiano con i paesi extra UE nel 2022
Saldo negativo per -25,6 miliardi del commercio estero italiano con i paesi extra UE nel 2022
Roma
Sul dato pesa un deficit energetico di -112,01 miliardi
Concluse oggi le operazioni di spegnimento dell'incendio sul traghetto La Superba
Concluse oggi le operazioni di spegnimento dell'incendio sul traghetto La Superba
Palermo
Sono durate due settimane
Il gruppo logistico francese STEF ha chiuso il 2022 con un fatturato annuale record
Parigi
In Italia - ha reso noto l'azienda - l'attività è stata particolarmente interessata dal calo del consumo alimentare
Gara del governo indiano per la realizzazione di un grande porto container di transhipment nell'Oceano Indiano
New Delhi
Gara del governo indiano per la realizzazione di un grande porto container di transhipment nell'Oceano Indiano
Avrà una capacità di 16 milioni di teu. Previsto un investimento di cinque miliardi di dollari
A causa della guerra in Ucraina il Registro navale cipriota ha perso 3,7 milioni di tsl
Nel 2022 il porto di Marsiglia Fos ha movimentato 77 milioni di tonnellate di merci (+3%)
Marsiglia
Nel 2022 il porto di Marsiglia Fos ha movimentato 77 milioni di tonnellate di merci (+3%)
Record dei container. Il traffico complessivo dei passeggeri è tornato ai livelli pre-pandemia
Il porto di New York ha stabilito un nuovo record storico di traffico annuale dei container
New York
Flessione dell'attività nel quarto trimestre del 2022
Le proposte di Conftrasporto per il settore dei trasporti e della logistica
Roma
Salvini: ho chiesto al commissario europeo dei Trasporti l'avvio della procedura d'infrazione nei confronti dell'Austria
Nel 2023 nei porti sardi sono attesi oltre 400mila crocieristi rispetto ai 221mila dello scorso anno
Cagliari
Ad oggi sono programmati 191 scali ai porti di Cagliari, Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano e Arbatax
Nuovo ricorso di Grimaldi Euromed contro l'ok al piano di concordato preventivo della Moby
Milano
È stato omologato dal Tribunale di Milano lo scorso 24 novembre
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Intelligenza artificiale e navigazione autonoma
Tokyo
Sono i campi d'attività in cui coopereranno le giapponesi NYK e Ghelia
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
Costanza
Il porto rumeno di Costanza ha movimentato un traffico annuale record
I container sono stati pari a 772.046 teu (+22,2%)
Soddisfazione di Confitarma per l'ok della commissione parlamentare UE alle disposizioni sul credito navale
Roma
Da molti anni - sottolinea la Confederazione - ci battiamo affinché, a fini regolamentari bancari, il credito navale venga gradualmente assimilato a quello infrastrutturale
Investire nella Blue Economy per creare posti di lavoro, aumentare i livelli di reddito e ridurre le emissioni
Losanna
Lo suggerisce uno studio scientifico pubblicato su “Frontiers in Marine Science”
Inaugurata ad Arenzano la nuova Scuola di Alta Formazione per Medici di Bordo
Arenzano
Messina (Assarmatori): è una risposta concreta alla necessità reale e impellente di garantire la salute e la sicurezza di chi naviga
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti sudcoreani è diminuito del -2,3%
Seul
I container sono stati pari a 28,8 milioni di teu (-4,1%)
Iniziativa per attivare a Livorno un percorso ITS dedicato alla logistica e ai trasporti
Livorno
A Noghere un nuovo polo produttivo integrato al porto di Trieste
Trieste
L'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale ha acquistato un'area di 350.000 metri quadri
Lunedì a Rapallo si terrà la prima edizione di “Shipping, Transport&Intermodal Forum”
Genova
Verranno analizzate la situazione attuale e le prospettive del comparto marittimo e logistico
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due dei gruppi tecnici dell'associazione: quello specializzato sul tema dei rapporti porto-città e quello degli urbanisti
Corsica Sardinia Ferries partecipa al progetto di Neoline per realizzare una nave ro-ro a vela
Corsica Sardinia Ferries partecipa al progetto di Neoline per realizzare una nave ro-ro a vela
Vado Ligure
Sarà impiegata su una rotta transatlantica
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile