testata inforMARE
29 gennaio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
10:39 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXIII - Numero 4/2005 - APRILE 2005

Porti

Ottimi risultati per Port Klang

Port Klang movimenta più della metà dei carichi della Malaysia ed è costituito da due terminal contenitori privatizzati cui comunemente ci si riferisce come al Porto Nord ed al Porto Ovest.

Nel 2004, il Porto Nord ha movimentato 2,7 milioni di TEU, con un incremento del 6,5%, che rappresentano quasi il 52% dei traffici complessivi di Port Klang. Per quanto riguarda le attività convenzionali, il Port Nord ha movimentato volumi complessivi di 6,9 milioni di tonnellate, facendo registrare una crescita del 3%.

Il Porto Nord effettua operazioni presso il CT1 (Container Terminal 1), il CT2 (Container Terminal 2) ed il CT3 (Container Terminal 3); il CT1 ed il CT2 assieme offrono 2.735 metri di banchine lineari.

I terminals sono equipaggiati con 24 gru a cavaliere a terra in totale; tra loro vi sono unità post-panamax e super-post-panamax, che a loro volta sono supportate da una flotta di straddle-carriers, RTGs, movimentatori, trailers, elevatori e forca ed impilatrici.

Il Porto Nord ha destinato 170 milioni di ringgit malesi (45 milioni di dollari) a vari progetti di sviluppo portuale nel corso degli ultimi due anni, una importante porzione dei quali è stata assegnata allo sviluppo del piazzale per il deposito di contenitori, alla conversione degli ormeggi ed all'acquisto di altre attrezzature.

Lo sviluppo del nuovo CT3 del Porto Nord ha comportato la conversione degli ormeggi 12, 13 e 14 da infrastrutture convenzionali a molo multiuso. Con un pescaggio longitudinale di 15 metri, il CT3 sarà l'ormeggio più profondo del Porto Nord e sarà in grado di accogliere le più grandi portacontainers del mondo.

I lavori sono ben avviati, tanto che il completamento era previsto per il mese di marzo. Allorquando sarà stato ultimato, il CT3 assicurerà al Porto Nord una lunghezza aggiuntiva di banchina di 178 metri fino a raggiungere un totale di 2.913 metri, con un incremento annuo della capacità in termini di risultati pari a 4 milioni di TEU.

Al fine di agevolare un carico/scarico più rapido, il Porto Nord ha recentemente ordinato tre gru super-post-panamax per il CT3, che faranno aumentare ad otto il numero delle unità del terminal, con consegna prevista nel prossimo mese di ottobre.

Inoltre, nell'ambito del programma di riduzione dell'affidamento sulle straddle carriers alla luce dei crescenti volumi containerizzati, il Porto Nord ha altresì ordinato quattro RTGs, non solo per supportare le operazioni terrestri, ma anche per conseguire una maggiore utilizzazione dello spazio presso i piazzali containerizzati. Anche la consegna di questo equipaggiamento è prevista per ottobre.

Il Porto Nord sta sviluppando altresì 8 ettari di area per il deposito di contenitori, che faranno aumentare gli spazi per contenitori a disposizione del terreno di altri 1.400 TEU. Ci si aspetta che il piazzale sia pronto per le operazioni commerciali entro la fine del primo trimestre di quest'anno.

Anche lo sviluppo del piazzale aperto presso il parco distribuzione dovrebbe iniziare ad essere operativo per la stessa data. Allorquando sarà stato completato, esso non offrirà solo un uso maggiormente flessibile del territorio ai fini del deposito contenitori ma consentirà altresì l'utilizzazione dell'area quale terminal auto se e quando richiesto.

Sono in corso modifiche ai varchi per il CT2 ed il terminal convenzionale allo scopo di migliorare il sistema complessivo di ricezione e consegna e di agevolare una migliore, più rapida e più sicura movimentazione dei carichi da e per il Porto Nord. I lavori dovrebbero essere completati entro agosto.

In relazione a questo impressionante programma di investimento, Dato Basheer Hassan Abdul Kader, amministratore delegato e direttore generale del Porto Nord, promette: "Continueremo ad esplorare le opportunità di allargare il nostro mercato e di assicurare un ambiente esente da seccature unitamente ad un'ampia gamma di attività a valore aggiunto, allo scopo di ingenerare un'ulteriore crescita a vantaggio dei nostri clienti".

Basheer è ottimista circa le prospettive per il 2005 sulla scorta di un'altra annata fiorente per il settore marittimo. Infatti, malgrado il fatto che la "concorrenza continuerà ad essere intensa alla luce della nuova capacità terminalistica in corso di installazione presso la maggior parte dei porti della regione, noi ci aspettiamo ancora - salvo circostanze imprevedibili - di conseguire una crescita del 10% il prossimo anno" afferma.

Parte dell'incremento sarà una conseguenza dell'aumento dei traffici di trasbordo. "Rappresentando il 35% dei nostri volumi containerizzati movimentati complessivamente, ci si aspetta che il trasbordo alimenti la crescita dei porti locali nel 2005. Inoltre, ritengo che il trasbordo significhi più del mero carico/scarico dei contenitori sui moli ed offra opportunità per i servizi a valore aggiunto" aggiunge Basheer.

In retrospettiva, il 2004 è stato un ottimo anno per il settore marittimo e questo ha apportato immensi vantaggi agli operatori portuali interasiatici. Tuttavia, l'improvviso aumento della domanda per i servizi marittimi, derivante da una generale ripresa economica globale, a sua volta ha condotto ad una carenza di capacità marittima.

Questo fattore, unitamente all'aumento delle tariffe di noleggio - specialmente in relazione alle navi portacontainers, le cui tariffe sono salite di oltre il 100% nel corso dell'anno - ha spinto le linee di navigazione a rinnovare i propri servizi, ottimizzando l'utilizzazione delle navi. Questa reazione a sua volta ha comportato conseguenze di segno contrario sull'assegnazione degli spazi a Port Klang.

E, date le sfavorevoli condizioni quali la congestione presso i porti della costa occidentale USA ed i tifoni che hanno colpito alcuni dei principali porti dell'Estremo Oriente, alcune linee di navigazione hanno scelto di omettere Port Klang, in modo da regolarizzare i propri orari di servizio che erano stati afflitti dai ritardi causati alle navi altrove.

Tuttavia, la dirigenza del Porto Nord sostiene con fermezza che sia Port Klang nel suo complesso, sia il Porto Nord non hanno problemi di congestione. La situazione ha cominciato a stabilizzarsi per il Porto Nord, ma l'amministrazione portuale sta ancora facendo pressioni sulle linee di navigazione affinché rivedano i propri attuali programmi in ordine al recupero degli orari.

Per il futuro, gli osservatori del settore ritengono che il Porto Nord non possa espandersi indefinitamente e che, ultimati tutti i miglioramenti apportati agli ormeggi, ai piazzali ed alla produttività, la capacità prevista sarà raggiunta entro il 2010. E poi, che cosa accadrà?

Risponde Basheer: "Tutto quanto ha una sua capacità determinata. Noi siamo operatori terminalistici e non l'autorità portuale che gestisce l'intero porto. Quindi, penso che questa domanda dovrebbe essere indirizzata a loro, di modo che possano spiegare che cosa hanno in mente per il futuro".

Aggiunge Basheer: "Ci sono due operatori dislocati in due siti a Port Klang. Tuttavia, esistono altre zone periferiche che si suppone siano state designate a fini di sviluppo ai sensi del piano portuale. Non abbiamo idea se esso sarà sviluppato o meno e, nel primo caso, da chi. Potrebbe essere uno di noi oppure un terzo operatore.

"Nel frattempo, non credo che ci sia una fretta così disperata. Possiamo ancora effettuare operazioni con il terminal e conseguire profitti con una certa quota di mercato. Abbiamo un certo numero di miglioramenti in corso e ci vorrà qualche anno prima che la questione diventi pressante.

"Di certo, non abbiamo piani immediati in ordine ad ulteriori sviluppi del nostro terminal, ma questo non vuol dire che non cercheremo altre alternative in futuro, forse anche all'estero" conclude Basheer.

L'altro terminal contenitori all'interno di Port Klang è il Kelang Multi-Terminal, cui normalmente ci si riferisce come Porto Ovest, che appartiene per il 30% alla Hutchison Port Holdings.

Nel 2004, il Porto Ovest ha assistito alla crescita dei propri volumi sino a 2,56 milioni di TEU, con un aumento dell'11% rispetto ai 2,3 milioni di TEU nel 2003, che rappresentano il 48% dei volumi complessivi del porto, pari a 5,2 milioni di TEU. Per il 2005, l'amministrazione del Porto Ovest prevede un risultato "tra i 2,85 ed i 2,9 milioni di TEU".

Le cose dovrebbero essere più difficili quest'anno e vi sarà un guadagno percentuale minore "per tre ragioni principali" afferma Tan Sri Gnanalingam, presidente esecutivo del Kelang Multi-Terminal (Porto Ovest).

"In primo luogo, la crescita delle importazioni/esportazioni dell'hinterland locale si è stabilizzata dopo molti anni di crescita dovuta a nuovi volumi.

In secondo luogo, i volumi di crescita del trasbordo si sono fermati e non si prevede che aumentino.

Terzo, infine, i tre porti della regioni maggiormente importanti, cioè Port Klang, PTP e PSA, adesso offrono grosso modo lo stesso livello di servizio, efficienza e gestione. Perciò, non vi sono più vantaggi per i principali vettori nel cercare di mettere un porto contro l'altro e nel provare a ridurre le tariffe od a ottenere una priorità nel servizio.

Non è probabile che si verifichino iniziative di qualche rilievo da parte dei principali operatori attualmente sul mercato. Di conseguenza, nel 2005 si continuerà a crescere, ma si tratterà per lo più di una crescita organica basata sulle prestazioni dell'economia mondiale, piuttosto che su qualche mutamento nell'economia malese".

Il Porto Ovest comprende una lunghezza di ormeggio di 2.000 metri ed un piazzale per contenitori da 160 ettari. Il terminal, peraltro, sta sviluppando ulteriori 600 metri di banchina con 16,5 metri di profondità longitudinale ed un piazzale per contenitori da 20 ettari; tutto quanto, dovrebbe essere pronto ad aprile.

Le attrezzature al Porto Ovest comprendono 20 gru da banchina, 61 RTGs ed un'ampia gamma di equipaggiamento di supporto, ma esso sta acquisendo altre quattro gru super-post-panamax Mitsui da banchina e 12 RTGs, che incrementeranno i livelli complessivi di equipaggiamento sino a 24 gru da banchina e 73 RTGs.

Il porto offre una capacità di circa 4,5 milioni di TEU - basata sull'attuale movimentazione di circa 13.000 contenitori al giorno, 365 giorni all'anno - ed alcuni hanno suggerito che il Porto Ovest ha intenzione di espandere alla fine il terminal sino a farlo diventare un mega-hub regionale. Gnanalingam, peraltro, afferma che questa illazione "non corrisponde a verità ed anzi ne è lontana".

"Noi facciamo affidamento su due tipi di carico" spiega. "In primo luogo esistono i carichi nazionali d'importazione ed esportazione, i quali sono molto importanti per noi; in secondo luogo c'è il trasbordo, anche quello importante.

Tuttavia, noi facciamo assegnamento principalmente sui carichi dell'industria nazionale dell'hinterland locale. Perciò, dal momento che i cosiddetti mega-hubs sono sempre delle infrastrutture di trasbordo, noi non diventeremo mai del tutto un mega-hub. Saremo sempre un'infrastruttura doppia ed è così che la vogliamo".

I problemi di produttività sono stati un oggetto del contendere per il Porto Ovest per qualche tempo. E, dopo i commenti negativi da parte di alcuni osservatori dell'industria, Gnanalingam accoglie favorevolmente l'opportunità di far registrare buoni risultati in questo senso.

"Nel corso degli anni abbiamo incrementato l'efficienza e siamo orgogliosi della nostra forza-lavoro assai esperta. Dieci anni fa conseguivamo 20 movimentazioni all'ora, adesso ciò è stato incrementato di oltre il 50% sino a circa 30 movimentazioni all'ora. E, per la fine di quest'anno, la nostra intenzione è quella di conseguire 35 movimentazioni all'ora in media.

Non molti hanno realizzato che nel 2004 abbiamo ottenuto 365 movimentazioni all'ora su una nave utilizzando sei gru; ciò, fornisce un'indicazione circa la nostra capacità produttiva" afferma.

E riguardo alle possibilità di lavorazione nel Porto Ovest delle 8.000 TEU che verranno? "Non lo consideriamo un serio problema" dichiara Gnanalingam. "Non solo confidiamo nella nostra abilità, ma stiamo già facendo fronte a qualsivoglia sfida in termini di produttività che possa insorgere continuando ad incrementare la produttività medesima. Lo stiamo facendo mediante colloqui con i clienti e le linee di navigazione, nell'ottica di raggiungere un accordo su un approccio congiunto.

Tutti trovano facile biasimare il porto a causa della scarsa produttività, quando molte linee di navigazione sono ugualmente colpevoli nel contribuire alla scarsa produttività" afferma Gnanalingam.

"Dal momento che le linee di navigazione cambiano i propri programmi fino a cinque volte al giorno, posso solo sperare che esse non gestiscano mai linee aeree. Se lo facessero, i loro passeggeri trascorrerebbero la maggior parte del loro tempo in attesa sulla pista, mentre gli aerei decollerebbero mezzi vuoti, oppure senza sapere dove stanno andando.

Noi ravvisiamo che parte del nostro compito al Porto Ovest sia quello di aiutare le linee di navigazione ad incrementare i loro livelli di produttività, di modo che anche noi possiamo incrementare la nostra a loro vantaggio".
(da: CargoSystems, marzo 2005)




DALLA PRIMA PAGINA
Gara del governo indiano per la realizzazione di un grande porto container di transhipment nell'Oceano Indiano
New Delhi
Gara del governo indiano per la realizzazione di un grande porto container di transhipment nell'Oceano Indiano
Avrà una capacità di 16 milioni di teu. Previsto un investimento di cinque miliardi di dollari
A causa della guerra in Ucraina il Registro navale cipriota ha perso 3,7 milioni di tsl
Limassol
Nel frattempo si sono iscritte navi per due milioni di tsl. Nuovo ufficio di Royal Caribbean a Limassol
Nel 2022 il porto di Marsiglia Fos ha movimentato 77 milioni di tonnellate di merci (+3%)
Marsiglia
Record dei container. Il traffico complessivo dei passeggeri è tornato ai livelli pre-pandemia
Il porto di New York ha stabilito un nuovo record storico di traffico annuale dei container
New York
Flessione dell'attività nel quarto trimestre del 2022
Le proposte di Conftrasporto per il settore dei trasporti e della logistica
Roma
Salvini: ho chiesto al commissario europeo dei Trasporti l'avvio della procedura d'infrazione nei confronti dell'Austria
Hapag-Lloyd acquisirà il 35% dell'indiana J M Baxi Ports & Logistics
Hapag-Lloyd acquisirà il 35% dell'indiana J M Baxi Ports & Logistics
Amburgo
Accordo per elevare la quota al 40% con un aumento di capitale
Hapag-Lloyd ha effettuato un altro investimento nel settore dei terminal portuali, settore in cui la compagnia di navigazione containerizzata tedesca è recentemente entrata prepotentemente...
Stabile nel 2022 il traffico delle merci movimentato dai porti della Sardegna
Cagliari
Prosegue la ripresa nel settore dei passeggeri
MSC e Maersk decidono di sciogliere l'alleanza 2M con effetto a gennaio 2025
MSC e Maersk decidono di sciogliere l'alleanza 2M con effetto a gennaio 2025
Ginevra, Copenhagen
È stata attivata nel 2015
Soddisfazione di Confitarma per l'ok della commissione parlamentare UE alle disposizioni sul credito navale
Roma
Da molti anni - sottolinea la Confederazione - ci battiamo affinché, a fini regolamentari bancari, il credito navale venga gradualmente assimilato a quello infrastrutturale
Investire nella Blue Economy per creare posti di lavoro, aumentare i livelli di reddito e ridurre le emissioni
Losanna
Lo suggerisce uno studio scientifico pubblicato su “Frontiers in Marine Science”
Inaugurata ad Arenzano la nuova Scuola di Alta Formazione per Medici di Bordo
Arenzano
Messina (Assarmatori): è una risposta concreta alla necessità reale e impellente di garantire la salute e la sicurezza di chi naviga
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti sudcoreani è diminuito del -2,3%
Seul
I container sono stati pari a 28,8 milioni di teu (-4,1%)
Iniziativa per attivare a Livorno un percorso ITS dedicato alla logistica e ai trasporti
Livorno
A Noghere un nuovo polo produttivo integrato al porto di Trieste
Trieste
L'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale ha acquistato un'area di 350.000 metri quadri
Lunedì a Rapallo si terrà la prima edizione di “Shipping, Transport&Intermodal Forum”
Genova
Verranno analizzate la situazione attuale e le prospettive del comparto marittimo e logistico
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due dei gruppi tecnici dell'associazione: quello specializzato sul tema dei rapporti porto-città e quello degli urbanisti
Corsica Sardinia Ferries partecipa al progetto di Neoline per realizzare una nave ro-ro a vela
Corsica Sardinia Ferries partecipa al progetto di Neoline per realizzare una nave ro-ro a vela
Vado Ligure
Sarà impiegata su una rotta transatlantica
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
RINA ha comprato l'americana Patrick Engineering
Genova
È un'azienda di consulenza ingegneristica attiva principalmente nei settori infrastrutture, trasporti ed energie rinnovabili
Lo scorso anno il traffico delle merci nel porto di Ancona è diminuito del -2,3%
Ancona
Ripresa dei passeggeri
La nave inclinatasi nel porto di Genova è stata sottoposta a fermo amministrativo
Genova
Accertate oltre 20 deficienze di cui alcune particolarmente gravi
Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo di 900 milioni di dollari
Milano
Attività nell'Atlantico Meridionale e nel Mare di Norvegia
Cambiaso Risso compra la tedesca Trident Special Risks
Genova
Nel 2022 l'azienda genovese ha raggiunto un volume premi di 440 milioni di dollari e ricavi netti per 57 milioni di dollari
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile