testata inforMARE
9 febbraio 2023 - Anno XXVII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
04:22 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXII - Numero 11/2004 - NOVEMBRE 2004

Studi e ricerche

Le associazioni vettore-stivatore: un fattore di crescita per il settore containerizzato

La Drewry Shipping Consultants (www.drewry.co.uk) ha pubblicato il suo più recente rapporto sul settore portuale, la "Rivista annuale 2004 degli operatori mondiali di terminal contenitori". L'effetto maggiormente significativo sulla classifica degli operatori globali, secondo la Drewry, è stato l'aumento degli accordi di associazione fra vettore e stivatore.

Si è quindi assistito all'utilizzazione, sia da parte della MSC (Mediterranean Shipping Council) sia da parte della Cosco, delle proprie notevoli partecipazioni nell'attività di trasporto marittimo dei containers ai fini di un maggiore controllo dei terminals. "Le associazioni strategiche hanno costituito la chiave per conseguire le due crescite più rilevanti nella classifica relativa al 2003 della Drewry. Negli anni precedenti, i principali operatori - Hutchison, PSA Corporation, APM Terminals e P&O Ports - sono stati in grado di sviluppare i portafogli più grandi e maggiormente diffusi dal punto di vista geografico mediante le attività e lo sviluppo" afferma l'autrice del rapporto, Eleanor Hedland. "La MSC, d'altro canto, ha fatto il maggiore balzo in avanti del 2003 facendo leva sulla propria posizione di seconda linea di navigazione del mondo per negoziare associazioni operative con molti dei suoi attuali fornitori di servizi terminalistici: ad esempio, la SSA Marine di Long Beach e la TN di Le Havre".

La Drewry sostiene che anche i risultati terminalistici combinati della Cosco e della sua affiliata partecipata Cosco Pacific hanno fatto progressi significativi l'anno scorso, dato che i volumi sono cresciuti di oltre il 50% nel corso del 2003 fino a 7,4 milioni di TEU. Ciò è stato indotto da una crescita sostenuta dei porti cinesi, dov'è situata la maggior parte degli investimenti della Cosco.

Anche le associazioni rappresentano una delle strategie preferite della compagnia di navigazione, che sta lavorando con altri operatori globali in vari sviluppi di joint-ventures in Cina, ad esempio con la P&O Ports e la APM Terminals a Qingdao. Ancora più notevole è il fatto che la Cosco abbia altresì persuaso la PSA a siglare il primo accordo in assoluto di terminal dedicato a Singapore. La Drewry si aspetta che accordi simili vengano stipulati con altre linee, dal momento che l'operatore del sud-est asiatico sta cercando di proteggere i propri volumi dai concorrenti malesi a costo minore.

Sebbene la Hutchison Port Holdings con sede a Hong Kong abbia conservato la propria posizione in testa alla classifica dei risultati mondiali, facendo segnare nel 2003 volumi per 41,5 milioni di TEU presso i propri terminals in tutto il mondo, la sua quota del 13,1% dei volumi portuali containerizzati mondiali complessivi è leggermente in ribasso, rispetto alla quota del 13,3% fatta registrare nel 2002. Anche la PSA Corporation, che ha riferito movimentazioni globali pari a 28,7 milioni di TEU, ha visto scendere la propria quota di mercato dal 9,5% al 9,1% dal 2002 al 2003.

Il 2003 ha visto tutte e due le compagnie di navigazione consolidare la propria posizione di testa, ad esempio mediante l'incremento delle proprie rispettive partecipazioni azionarie nelle consociate-chiave europee ECT e Hesse-Noord Natie. Al contrario, sia la APM Terminals che la P&O Ports hanno mostrato una crescita maggiore rispetto a quella dell'anno precedente, rispettivamente del 24% e del 25%, il che ha comportato un aumento della quota di mercato globale.

Guardando avanti, il divario tra la capacità investita dei quattro operatori in testa alla classifica e quello al quinto posto, la Eurogate, pare destinato ad allargarsi nei prossimi quattro anni. I piani di investimento futuro della HPH continuano a concentrarsi saldamente sulla Cina, sebbene essa stia perseguendo notevoli espansioni in Nord Europa a Felixtowe, Harwich e Rotterdam. Si valuta che la PSA possa correre più rischi degli altri principali operatori, dal momento che ha ceduto i propri interessi terminalistici sia ad Aden (nello Yemen) che a Pipavav, in India, lo scorso anno. I suoi piani di espansione futura si concentrano sulle operazioni portuali in casa propria a Singapore, mentre effettuerà altresì investimenti presso il Duerganckdock di Anversa.

La APM Terminals ha continuato ad incrementare la percentuale dell'attività per conto terzi movimentata presso i propri terminals ed i suoi prossimi investimenti in Cina faranno aumentare ulteriormente il rapporto nel 2004.

Anche se il portafoglio è ancora ampiamente commisurato alle esigenze globali dei terminals della Maersk Sealand, ad esempio attraverso il procacciamento di hubs di trasbordo situati in località strategiche e razionali dal punto di vista dei costi, queste strutture sono egualmente commercializzabili presso altri vettori. Anche i recenti investimenti di piccola scala in Africa, Europa Orientale e Medio Oriente sembrano avere avuto di mira porti in cui l'intasamento comporta significativi costi aggiuntivi per i vettori, illustrando così le sinergie conseguibili tra operazioni terminalistiche ed operazioni di linea.

TABELLA DELLA CLASSIFICA DEI RISULTATI
DEGLI OPERATORI GLOBALI NEL 2003
(MILIONI DI TEU E QUOTA % DEI RISULTATI DEI
PORTI CONTAINERIZZATI MONDIALI)

Class.

Operatore

Milioni di TEU

Quota %

1

Hutchison Port Holdings

41,5

13,1

2

PSA Corp

28,7

9,1

3

APM Terminals

21,4

6,8

4

P&O Ports

16,0

5,1

5

Eurogate

10,8

3,4

6

Cosco

7,4

2,3

7

Evergreen

6,7

2,1

8

DPA

6,5

2,0

9

SSA Marine

5,4

1,7

10

APL

4,9

1,5

11

HHLA

4,6

1,5

12

Hanjin

4,1

1,3

12

Mediterranean Shipping Co.

4,1

1,3

14

NYK Line

4,0

1,3

15

OOCL

3,4

1,1

16

CSXWT

3,1

1,0

17

Mitsui OSK Line

2,9

0,9

18

Dragados

2,5

0,8

19

K Line

2,1

0,7

20

TCB

2,0

0,6

21

ICTSI

1,6

0,5

22

P&O Nedlloyd

1,4

0,4

22

Yang Ming

1,4

0,4

24

Hyundai

1,2

0,4

25

CMA CGM

0,6

0,2

Totale operatori globali

188,2

59,2

Note: i dati comprendono i risultati dell'intero anno per tutti i terminals in cui erano detenute partecipazioni superiori al 10% al 31 dicembre 2003; a causa del metodo di calcolo, alcuni dati differiscono dai risultati annunciati pubblicamente dagli operatori terminalistici; alcuni dati sono stimati ed alcuni altri sono stati conteggiati due volte a causa delle strutture appartenenti congiuntamente a più di un operatore.

Sebbene i programmi di investimento della P&O Ports sembrino essere ancora indietro rispetto a quelli della APM Terminals, l'approvazione del progetto London Gateway nel Regno Unito consentirebbe all'operatore di tenere il passo dei suoi rivali più grandi, e certamente la società è ancora molto distante dal suo rivale più vicino, la Eurogate.

La Cina continua a guidare la crescita dei risultati portuali globali, e la Drewry prevede che per il 2009 la regione dell'Estremo Oriente rappresenterà almeno il 40% dei volumi portuali mondiali complessivi. La valutazione degli investimenti portuali nel prossimo futuro nella regione rivela che la domanda oltrepasserà l'offerta nel giro di 5 anni, a meno che altri progetti non diventino una realtà nel frattempo. Nell'Asia meridionale la burocrazia continua a regnare suprema, dal momento che gli operatori devono lottare con la lunghezza delle gare d'appalto per le concessioni.

La congestione è un fenomeno comune presso i principali porti indiani, e sia gli operatori terminalistici, sia i vettori stanno cercando di scovare qualche porto minore che abbia il potenziale per offrire un migliore pacchetto di servizio. Altrove, l'attenzione si sta adesso rivolgendo all'emergente mercato dell'Europa Orientale, che promette di assicurare opportunità di crescita future: ad esempio, sia la Eurogate che la HHLA stanno cercando opportunità di investimento in Russia.

Negli USA, l'approvazione di due sviluppi a finanziamento privato, da parte della SSA Marine a Texas City e della APM Terminals a Hampton Roads, rappresenta un notevole scostamento dagli accordi di terminal noleggiato ovvero per utenti comuni che si ritrovano presso la maggior parte dei porti.

Malgrado le alte barriere frapposte all'ingresso di nuovi arrivati, nuovi soggetti stanno emergendo nella classifica dei principali operatori: l'impartante vettore CMA CGM sta rilevando sempre maggiori interessi nelle operazioni portuali attraverso la propria consociata Terminal Link, mentre la britannica Mersey Docks and Harbour Company sembra in procinto di entrare in classifica il prossimo anno in seguito al conseguimento da parte del proprio consorzio dell'appalto relativo alla concessione a Beirut.
(da: PortStrategy (www.portstrategy.com ), ottobre 2004)




DALLA PRIMA PAGINA
Nel 2022 le merci nel porto di Napoli sono cresciute del +6,3%, mentre a Salerno sono calate del -15,8%
Nel 2022 le merci nel porto di Napoli sono cresciute del +6,3%, mentre a Salerno sono calate del -15,8%
Napoli
Ripresa dei crocieristi e dei passeggeri di linea
Il porto di Ravenna ha chiuso il 2022 con i nuovi record delle merci e delle crociere
Il porto di Ravenna ha chiuso il 2022 con i nuovi record delle merci e delle crociere
Ravenna
Stupefacente l'incremento dei cereali, in particolare le importazioni dall'Ucraina (664mila tonnellate, +195,4%)
Nel cantiere genovese di Fincantieri la cerimonia della moneta di Explora II
Nel cantiere genovese di Fincantieri la cerimonia della moneta di Explora II
Genova
La nuova nave da crociera sarà consegnata a Explora Journeys (gruppo MSC)ad agosto 2024
Wallenius Wilhelmsen chiude il 2022 con risultati record
Oslo
Wallenius Wilhelmsen chiude il 2022 con risultati record
I ricavi sono cresciuti del +30%
In Lombardia il primo accordo territoriale per il welfare nel settore logistica, trasporto merci, e spedizione
Milano
È stato siglato da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Alsea
Maersk registra performance finanziarie annuali record nonostante un quarto trimestre negativo
Maersk registra performance finanziarie annuali record nonostante un quarto trimestre negativo
Copenhagen
Nel 2022 i carichi trasportati dalle navi sono diminuiti del -8,9%
Nel quarto trimestre del 2022 l'attività operativa e i ricavi di Royal Caribbean sono tornati a livelli pre-pandemia
Nel quarto trimestre del 2022 l'attività operativa e i ricavi di Royal Caribbean sono tornati a livelli pre-pandemia
Miami
Giro d'affari record per questo periodo dell'anno
Nel 2021 nell'UE i servizi di short sea shipping hanno trasportato 1,78 miliardi di tonnellate di merci (+6,0%)
Bruxelles
In Italia il totale è stato di 314,5 milioni di tonnellate (+9,7%)
T&E denuncia che la Spagna impedisce un accordo in sede UE sulla decarbonizzazione dello shipping
Bruxelles
Madrid si opporrebbe alla sotto-quota del 2% di RFNBO proposta dal Parlamento europeo
ST Engineering compra un cantiere di riparazioni navali della Keppel Offshore & Marine
Singapore
È situato nell'area di Tuas, a Singapore
Accordo tra Accademia Italiana della Marina Mercantile e l'AdSP Ligure Orientale
La Spezia
Prevede lo studio e l'analisi dei fabbisogni formativi dei lavoratori dei terminal portuali della Spezia e di Marina di Carrara
CMA CGM starebbe per acquisire la compagnia di navigazione La Méridionale
Marsiglia
Trattative in corso con il gruppo STEF
Pino Musolino è stato eletto presidente di MEDPorts
Pino Musolino è stato eletto presidente di MEDPorts
Tunisi
Jordi Torrent è stato nominato segretario generale dell'associazione
Le componenti positive del reddito generate da “certificati bianchi” possono essere assoggettate alla tonnage tax
Roma
Lo ha chiarito l'Agenzia delle Entrate rispondendo ad un'istanza del gruppo Grimaldi
Lo scorso anno il traffico dei container movimentato da HPH Trust è diminuito del -7,3%
Singapore
Lo scorso anno il traffico dei container movimentato da HPH Trust è diminuito del -7,3%
Il calo dell'attività si è verificato nella seconda metà del 2022
Aggiudicata la proposta di project financing per la nautica da diporto nel porto di Cagliari
Cagliari
I lavori verranno realizzati in tre anni
CMA CGM e Autorità Portuale di Barcellona sono state autorizzate ad acquisire la Puerto Seco Azuqueca
Madrid
Via libera dell'antitrust spagnola
Deserta anche la terza gara per i collegamenti marittimi con le isole minori sarde
Cagliari
I sindacati esortano a rivedere il bando di gara, in particolare sotto il profilo economico
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel porto di Civitavecchia è stato fermato un traffico illecito di rifiuti diretti in Africa
Civitavecchia
Sequestrate tre partite di merce per un peso complessivo di 32 tonnellate
Gruber Logistics apre due uffici in Turchia
Gruber Logistics apre due uffici in Turchia
Ora
L'obiettivo è incrementare i traffici da e per l'Europa attraverso il porto di Trieste
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti spagnoli è cresciuto del +3,5%
Madrid
Lo scorso anno il traffico delle merci nei porti spagnoli è cresciuto del +3,5%
Riduzione del traffico containerizzato di transito. Nel solo quarto trimestre è stato registrato un calo del -1,1%
DP World si è aggiudicata la gara per realizzare un container terminal nel porto di Deendayal (Kandla)
Gandhidham
Joint venture Drydocks World - Aker Solutions per ammodernare unità FPSO
Marfret incrementa la frequenza del servizio di linea diretto Italia-Egitto
Genova
Immessa una seconda nave
Cargotec e Konecranes registrano nuovi record di ricavi annuali e trimestrali
Helsinki/ Hyvinkää
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti dai due gruppi è aumentato rispettivamente del +9,8% e +23,7%
Nel 2022 il valore dei nuovi ordini acquisiti da ABB è cresciuto del +6,7%
Zurigo
I risultati dell'attività commerciale hanno registrato un'attenuazione trimestre dopo trimestre
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Ankara
Lo scorso anno il traffico navale nello Stretto del Bosforo è diminuito del -8,8%
Nell'ultimo trimestre del 2022 la riduzione è stata del -5,1%
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
A Livorno una tre giorni di Assoporti per approfondire gli aspetti della trasformazione urbana nella città portuali
Livorno
Si incontreranno due gruppi tecnici...
Giovedì a Milano un convegno di Fedespedi su “La digitalizzazione logistica e il PNRR”
Milano
Fin dal 2020 la Federazione dà il proprio contributo alla costruzione del Piano
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
L'Algérie investit 500 millions d'euros au Cameroun
(L'Expression)
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile