testata inforMARE
01 February 2023 - Year XXVII
Independent journal on economy and transport policy
23:36 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERSYEAR XVII - Number 4/99 - APRIL 1999

Sea Transport

La crisi dei traffici Asia/Europa

La gravità della crisi economica asiatica nel contesto dei traffici Europa/Asia/Europa si desume in modo molto chiaro dall'elenco dei fattori inerenti al mercato del 1998 che sono tratteggiati nella Tabella 1:

  • l'aumento dei volumi dei traffici in direzione ovest di più del 20% rispetto al 1997 e l'utilizzazione delle navi che ha oltrepassato il 98%;

  • quattro escursioni tariffarie in direzione ovest che hanno innalzato i prezzi dal 70 all'80% ma che non sono riuscite a compensare le perdite sui ricavi ed i costi aggiuntivi subiti dai vettori nella direzione opposta;

  • le tariffe di trasporto merci in direzione est attestate a livelli record in basso; dall'estate del 1998, le tariffe in media sono state di 300/400 dollari USA per TEU;

  • un calo di più del 17% nei livelli di traffico in direzione est che hanno ridotto i fattori di carico medi ad appena il 75%; ciò, rispetto al 91% del 1997;

  • uno squilibrio tra le rotte in direzione est ed ovest di più di un milione di TEU, che rappresenta il doppio rispetto al livello del 1997 ed un incremento superiore a cinque volte rispetto al 1994. L'impatto è reso peggiore dal fatto che i traffici in direzione est sono dominati da carichi ingenti movimentati in box da 20 piedi, mentre tra i flussi in direzione ovest vi sono carichi che necessitano per lo più di unità high-cube da 40-45 piedi.

TABELLA 1
IL CRESCENTE SQUILIBRIO EST/OVEST DEI TRAFFICI DELLA FEFC (IN TEU)
ConferenzaAnno
 199319941995199619971998
Accordo Tariffario
Direzione Ovest Asia
781.014848.9761.070.2351.357.5681.532.2131.923.294
Conferenza Trasporto merci
Giappone/Europa
298.449296.723304.677320.050349.531409.295
Totale Direzione Ovest1.079.4631.145.6991.374.9121.677.6181.881.7442.332.589
Accordo Gestione
Direzione Est
840.289952.8151.001.3861.340.5211.381.8841.323.433
Differenza Est/Ovest
(in termini reali)
239.174192.884373.526337.097499.8601.009.156
Differenza Est/Ovest
(in termini percentuali)
-22,20%-16,80%-27,20%-20,10%-26,60%-43,30%
Note:  I dati si riferiscono solamente ai vettori appartenenti alle conferenze. Le cifre inerenti alla crescita anno per anno non sono state elaborate a causa delle differenze circa la partecipazione alle conferenze a seconda degli anni; la FEFC controlla il 60% circa dei traffici complessivi ed i suoi membri sono: APL, Compagnie Maritime d'Affretement, DSR-Senator, Egyptian International Shipping Co, Egyptian Navigation Co, Hapag-Lloyd Container Line, Hyundai Merchant Marine; K Line, Maersk, MISC, Mitsui OSK Lines, National Shipping Co of Saudi Arabia, NYK Line, OOCL, P&O Nedlloyd, Sea-Land Service, Yangming.
Fonte: FEFC

L'effetto al netto, secondo Robert Woods, presidente della FEFC (Conferenza Trasporto merci Estremo Oriente), i cui membri rappresentano il 60% circa del traffico in questione, è stato un costo per i vettori della FEFC dell'ordine di 300 milioni di dollari USA nel periodo da ottobre 1997 a dicembre 1998.

"Tutto questo comporta un danno dell'ordine di 100 milioni di dollari in perdite sui ricavi - sulla base di un viaggio circolare - e di 200 milioni di dollari in spese aggiuntive per il riposizionamento di attrezzature vuote" ha dichiarato Wood.

Woods ha parlato di un notevole problema strutturale in questo traffico, cui si potrebbe porre riparo solamente per mezzo di significativi incrementi tariffari nel 1999. Spiega infatti: "Costa un miliardo di dollari lanciare un servizio settimanale (con 8/9 navi da 5.000 TEU) in tale traffico e questo senza contare il costo degli uffici locali e dei sistemi di supporto logistico. Poi, ci vogliono 250.000 dollari ogni volta che le grosse portacontainers dei nostri affiliati transitano dal Canale di Suez. Tutto ciò costa ai nostri affiliati 460 milioni di dollari all'anno ed è una spesa sulla quale non abbiamo alcun controllo".

Woods ha accennato allo studio effettuato dalla FEFC circa l'imposizione di una tassa di transito sul Canale di Suez, ma ha dichiarato che al riguardo nulla è stato ancora deciso. La FEFC non sarebbe la prima a trasferire questo costo sui clienti, dal momento che l'Accordo Tariffario Direzione Est Asia Nordamerica dal 1° maggio dello scorso anno applica un sovrapprezzo di 60 dollari/TEU e di 120 dollari/FEU.

Dal lato dei riposizionamenti, Bob Dowse, dirigente capo dell'AWRA (Accordo Tariffario Asia Direzione Ovest) ha chiarito che il costo tipico del riposizionamento di un box da 40 piedi dall'Asia in Europa - comprensivo dei sovrapprezzi THC e feeder - si aggira tra i 730 ed i 900 dollari USA; ciò, rispetto a tariffe di trasporto merci relative all'unità carica che raggiungono appena la metà del suddetto importo.

E, a dispetto di quattro iniziative finalizzate alla ripresa delle tariffe (per complessivi 625/725 dollari per TEU) promosse dall'AWRA nel 1998, i prezzi medi per TEU non sono ancora riusciti a raggiungere i livelli del 1994. Tuttavia, anche tenuto conto di questi incrementi, il costo di movimentazione delle merci è ancora eccezionalmente contenuto, secondo Woods, il quale ritiene che la containerizzazione abbia rappresentato un eccellente catalizzatore per la crescita dei traffici mondiali.

"Ad una nave, un paio di trainers costano appena 0,20 dollari, mentre costa 1,28 dollari movimentare un VCR da un porto asiatico a Manchester, nel Regno Unito" ha esemplificato Woods. "Ed un raddoppio delle tariffe, che comporterebbe un grosso effetto sulle prestazioni secondarie dei vettori, avrebbe invece un impatto trascurabile sui prezzi dei consumatori".

Date tali difficili condizioni dei traffici, i vettori si stanno concentrando sull'aumento dei propri ricavi e stanno continuando l'azione tesa alla razionalizzazione dei costi ed all'implementazione dei programmi di miglioramento dell'efficienza. Di conseguenza, sia l'AWRA che la Conferenza Trasporto merci Giappone Europa hanno introdotto riprese tariffarie dell'ordine di 200 dollari/TEU e 400 dollari/FEU a partire dal 1° gennaio. Inoltre, l'AWRA ha aumentato i prezzi di altri 150 dollari per i 20 piedi e di 300 dollari per i 40 piedi dal 1° aprile, mentre per la seconda metà dell'anno sono in programma ulteriori incrementi.

Dowse confida che questa strategia possa avere successo. "Anche se non ci si aspetta che la crescita sia robusta come nel 1998 " ha dichiarato "ci aspettiamo di essere in grado di far fronte a qualsiasi incremento in termini di capacità che potrebbe verificarsi specialmente nel corso del terzo trimestre".

Si tratta di un'opinione condivisa da Mark Tonge, direttore marketing e traffici della Sea-Land per i suoi servizi Asia/Medio-Oriente/Europa. "Ci aspettiamo una crescita dei volumi tra il 6 ed il 10%, mentre la capacità si incrementerà ad un ritmo più lento, tra il 2 ed il 3%" ha detto. "In direzione est, la Sea-Land prevede tra lo zero e l'uno per cento. Ci sono timidi segnali che le movimentazioni di carta straccia possano aumentare".

"In direzione est, la stabilità è all'ordine del giorno" ha ammesso Dowse. "Il nostro piano è quello di conservare almeno lo stato attuale della situazione e poi di mirare alla razionalizzazione delle tariffe quando sarà il caso". Dowse è sembrato fiducioso circa la possibilità di conseguire qualche progresso nel 1999. "Ci si aspetta che il mercato resti per lo più stabile, sebbene vi siano alcune indicazioni nel senso che le movimentazioni possano migliorare nel corso del secondo trimestre".

Quanto alle altre questioni, la FEFC ha confermato di stare ancora aspettando da parte dell'Unione Europea le linee-guida sui criteri operativi delle conferenze. "Siamo pronti a sederci attorno ad un tavolo ed a parlare con Bruxelles non appena avremo appreso i nuovi regolamenti" ha dichiarato Woods.

Rispetto alla Cina ed alle iniziative inerenti la registrazione delle tariffe, la FEFC chiede che vi sia coerenza normativa. "Noi vogliamo l'armonia" ha dichiarato C. L. Ting, direttore esecutivo della OOCL Europa. "Come operatori, è l'unico modo in base al quale possiamo formulare una strategia coerente".

Circa la realizzazione di un distinto accordo tariffario delle conferenze sul trasporto merci in ordine al traffico Cina/Europa/Cina, Woods ha confermato che sono state intavolate diverse trattative con terzi, tra cui la Borsa Marittima di Shanghai. "Sorvegliamo attentamente tali questioni" ha dichiarato Woods "ma in questo momento non vi è una volontà precisa".
(da: Containerisation International, marzo 1999)

FROM THE HOME PAGE
In the fourth quarter of 2022 the traffic in goods in the port of Bremen decreased by -12.7%
Breed
In the whole year, the decline was -8.2%
USB announces national companion on ports
Rome
On February 25 a strike of two hours in all Italian ports and six hours for the port of Genoa against arms trafficking
New set of annual traffic records for Chinese ports
New set of annual traffic records for Chinese ports
Beijing
In the October-December period of 2022, the new quarterly historical record was established
German government plans to expand road network to cope with the expected increase in freight transport
The port of Palermo establishes its own new historical record of freight traffic
The port of Palermo establishes its own new historical record of freight traffic
Palermo
Fully recovered the share of passengers lost as a result of the pandemic
Quarter of accentuated downturn in financial results for ONE
Quarter of accentuated downturn in financial results for ONE
Singapore
In the October-December period, the volume of business fell by -24.9% percent.
Hapag-Lloyd archived 2022 with record financial results
Hamburg
Trend reversal in the last quarter of the year
Port of Gioia Tauro, first shipment via train of cars from China
Port of Gioia Tauro, first shipment via train of cars from China
Joy Tauro
The cars are headed to the centre-north Italy
Historians brands Hamburg Süd and Sealand will disappear
Federlogistics denounces that the process of digitization of ports is by blossoming
Rome
The Federation emphasizes that a single euro of the resources made available by the PNRR has not been spent and a large profile drawing is missing
Last year, naval traffic in the Bosphorus Strait decreased by -8.8%
Ankara
Last year ship traffic in the Strait of Bosphorus è decreased by -8.8%
In the last quarter of 2022, the reduction was -5.1%
MSC will include the Port of Livorno in the West Med-Middle East / India service
Geneva
The link has weekly frequency
UPS records a decline in turnover after 40 consecutive quarters of growth
Atlanta
UPS records a decline in turnover after 40 consecutive quarters of growth
In 2022, revenue surpassed 100 billion for the first time.
In 2022 the revenues of the Wärtsilä Group increased by 22%
Helsinki
The value of new commits has grown by 6%
SAILING LIST
Visual Sailing List
Departure ports
Arrival ports by:
- alphabetical order
- country
- geographical areas
In 2023, more than 400mila crucierists were expected in Sardinians compared to 221mila last year.
Cagliari
To date, 191 airports are planned at the ports of Cagliari, Olbia, Porto Torres, Gulf Aranci, Oristano and Arbatax.
New appeal of Grimaldi Euromed against the ok to the Moby's pre-emptive plan
Milan
It was approved by the General Court in Milan last November 24
Artificial intelligence and autonomous navigation
Tokyo
They are the fields of activity in which the Japanese NYK and Ghelia will cooperate
The Romanian port of Constance has handled a record annual traffic
Constancy
The Romanian port of Constance has handled a record annual traffic
The containers were equal to 772,046 teu (+ 22.2%)
Confitweapon's satisfaction with the EU parliamentary committee's approval of the provisions on naval credit
Rome
For many years, it has been for many years to strive to ensure that, for bank regulatory purposes, the naval credit is gradually assimilated to infrastructure.
Investing in the Blue Economy to create jobs, raise income levels, and reduce emissions
Losanne
This suggests a scientific study published in "Frontiers in Marine Science"
Inaugurated in Arenzano the new School of High Training for Doctors of Bordo
Arenzano
Messina (Assshipowners) : It is a concrete response to the real and compelling need to ensure the health and safety of those navigating
Last year, freight traffic in South Korean ports decreased by -2.3%
Seoul
The containers were equal to 28.8 million teu (-4.1%)
Initiative to activate Livorno an ITS path dedicated to logistics and transport
Livorno
To Noghere a new productive cluster integrated at the port of Trieste
Trieste
The Port System Authority of the Eastern Adriatic Sea has purchased an area of 350,000 square meters
PORTS
Italian Ports:
Ancona Genoa Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Leghorn Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venice
Italian Interports: list World Ports: map
DATABASE
ShipownersShipbuilding and Shiprepairing Yards
ForwardersShip Suppliers
Shipping AgentsTruckers
MEETINGS
In Livorno a three days of Assoports to deepen the aspects of urban transformation in the port city
Livorno
You will meet two technical groups ...
On Thursday in Milan a conference of Fedespedi on "The logistics digitalization and the PNRR"
Milan
Since 2020 the Federation has made its contribution to the construction of the Plan
››› Meetings File
PRESS REVIEW
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Press Review File
FORUM of Shipping
and Logistics
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› File
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genoa - ITALY
phone: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
VAT number: 03532950106
Press Reg.: nr 33/96 Genoa Court
Editor in chief: Bruno Bellio
No part may be reproduced without the express permission of the publisher
Search on inforMARE Presentation
Feed RSS Advertising spaces

inforMARE in Pdf
Mobile